Utente 490XXX
Età:uomo età 62 , 4 anni fa intervento a cielo aperto con anestesia epidurale per ernia inguinale bilaterale , oggi recidiva a ds. come è meglio intervenire con medesimo sistema oppure in laparoscopia. grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Massimo Schiavone
24% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2000
Se la recidiva è importante ed il primo intervento è stato eseguito con applicazione di rete, è meglio riintervenire per via laparoscopica. Se il primo intervento è stato eseguito con tecnoca di Bassini o altro senza applicazione di rete e la recidiva non è importante è meglio eseguire il riintervento per via chirurgica tradizionale con applicazione di rete e plug.
[#2] dopo  
Dr. Francesco Russo
20% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2000
concordo con il collega, se la recidiva è importante può essere utile la tecnica laparoscopica. Se la recidiva è piccola, si può provare con la tecnica del plug perchè è breve e si può fare in anestesia locale
[#3] dopo  
Dr. Enrico Guarino
24% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2002
Trovo giuste le indicazioni dei due colleghi. Una valida alternativa, per evitare l'anestesia generale, è il posizionamento di una rete in prolene preperitoneale impiegando l'incisione del precedente intervento.
[#4] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
se non e' stata utilizzata una protesi, un reintervento per via tradizionale in anestesia locale e' sicuramente indicato.I benefici dell' approccio laparoscopico, che richiede comunque una anestesia generale ed espone al rischio di complicanze gravi e' tutto da dimostrare
[#5] dopo  
Dr. Boris Franzato
24% attività
4% attualità
12% socialità
CASTELFRANCO VENETO (TV)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Mi permetto solo, da chirurgo laparoscopista, di far osservare che l'approccio per via laparoscopica ad un'ernia recidiva non espone al rischio di ri-recidiva che si ha quando si ritorna su una "strada" già percorsa. Andando ad eseguire l'intervento chirurgico su un terreno "vergine" la probabilità di recidiva ritorna quella che si ha quando si affronta un'ernia primitiva.
Naturalmente ci si espone al rischio di complicanze gravi, ma la chirurgia laparoscopica dell'ernia andrebbe eseguita da chirurghi esperti nell'approccio laparoscopico che ben conoscono i rischi di questa via e come evitarli. Mi permetto quindi, bonariamente, di spezzare una lancia in favore di questo approccio che considero convincente.
Con cordialità