Utente 187XXX
Gentilissimi Dottori,
Vi ringrazio in anticipo per la vostra disponibilità.
Stavo cercando un consiglio che non ho trovato nel vostro forum.
Sono un 31enne fumatore,seguo da 2 anni una dieta vegetariana e non consumo alcolici,bevo molti caffè e ho padre e nonno diabetici.
A luglio ho effettuato delle visite cardiologiche poichè durante un operazione fatta 5 anni fa per una ciste sacro cocigea ho avuto un arresto cardiaco (per fortuna senza danni al cuore).
L'anno scorso ho voluto fare degli esami privatamente e mi è stata riscontrata un ipertrofia al ventricolo sinistro piu extrasistole molto frequenti.
Da quando sono diventato vegetariano sono ingrassato(penso per l'assunzione di piu carboidrati) e,da diversi mesi, soffro di una gastrite molto forte, non digerisco quasi mai,ho dei reflussi di acidità che mi tengono sveglio molte ore durante la notte e,cosa piu importante,ho quotidianamente delle fitte al braccio e spalla sinistra durante tutta la giornata.
Siccome è stata la mia prima ecografia ho anche effettuato esami del sangue ed urine(tutti perfetti tranne i trigliceridi)
Purtroppo la scorsa estate ho fatto anche una cura a base di cortisone per un ernia cervicale che mi ha fatto molto ingrassare.Ora sono 105 kg per 185 cm.
Ora sono molto in ansia perchè soffro di questi disturbi tutti i giorni e non riesco piu ad essere tranquillo.
Spero che voi possiate darmi un consiglio...
Grazie di tutto!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
I sintomi che riferisce sono vaghi ed aspecifici, e non sembrano di origine cardiaca. Probabilmente ha bisogno di una rivalutazione della terapia per la gastrite.
Tuttavia, il riscontro di ipertrofia ventricolare sinistra con aritmia extrasistolica, unito ai Suoi numerosi fattori di rischio cardiovascolare (fumo, sovrappeso, ipertrigliceridemia, probabile ipertensione arteriosa latente) rende indispensabile una nuova visita cardiologica nel corso della quale Le verranno consigliati i necessari accertamenti clinici e strumentali oltre agli indispensabili consigli dietetici e sullo stile di vita ed alla eventuale terapia per riportare al minimo il Suo rischio crdiovascolare.
Cordiali saluti