Utente 445XXX
oggi sono andato dal dentista e dopo 10 giorni di mal di denti mi ha rotto l'ascesso......ma continua a farmi male.......se non faccio niente la ferita dell'ascesso si richiuderà?il pus rimarrà dentro vero?mi ha inoltre detto di fare molti scacqui con acqua calda e sale.....a cosa serve?grazie.....
[#1] dopo  
Dr. Domenico Laquintana
24% attività
0% attualità
12% socialità
TROIA (FG)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
L'incisione di una raccolta ascessuale va in effetti eseguita ad alcuni giorni di distanza dalla sua formazione e precisamente quando alla palpazione l'ascesso è diventato fluttante (si è "ammorbidito"). Fatta prima non darebbe i risultati sperati di drenaggio.

Posso rassicurarla dicendole che una volta praticata l'incisione, la guarigione è abbastanza rapida.

Continui la terapia antibiotica che le è stata prescritta, magari aggiungendo degli integratori della flora batteria intestinale (fermenti lattici).

Se vuole evitare che "si chiuda" il punto di incisione, tenti di schiacciarlo delicatamente con le dita al mattino, di fronte allo specchio in modo da far fuoriuscire qualche goccia di pus/sangue.
Anche nel caso non lo facesse, solitamente si crea in quel punto lo sbocco di una fistola (un canale spontaneo di drenaggio) che eviterà il ripetersi a breve termine di un ascesso di pari entità.

Non trascuri però di portare a termine la cura eliminando la causa dell'ascesso mediante un corretto trattamento endodontico o un'estrazione.

I miei auguri di guarigione.

D. Laquintana.
[#2] dopo  
Utente 445XXX

Iscritto dal 2007
nonostante il dentista mi abbia rotto l'ascesso il gonfiore sulla guancia c'è ancora ed è duro......e anche se premo sul gonfiore mi sa che non esce piu pus......a cosa servono gli scacqui con acqua calda e sale?è vero che degli stracci caldi sul gonfiore fanno bene?grazie.....
[#3] dopo  
Dr. Domenico Laquintana
24% attività
0% attualità
12% socialità
TROIA (FG)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Lo scopo degli impacchi caldo umidi in zona è appunto quello di "ammorbidire" la zona tumefatta, cosa che avviene quando si forma il pus vero e proprio.

Circa l'uso di una soluzione ipertonica (acqua e sale) lo scopo potrebbe essere quello di ridurre l'edema per un eventuale effetto di osmosi: ma qui siamo già in un campo più empirico di rimedi antichi (non sempre da escludere per efficacia).
[#4] dopo  
Dr. Elio Chello
24% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2007
Una terapia antibiotica accompagnata con antiinfiammatori/antidolorifici,insieme ad una corretta terapia canalare dovrebbe risolvere il problema sul dente interessato dal processo ascessuale.



Cordiali Saluti

Dott. Elio Chello