Utente 148XXX
Buongiorno gentili Dottori,
due anni fa ho contratto la gonorrea. L'ho curata ma a seguito di quell'evento soffro di leggeri fastidi – sintomi da prostatite – ad esempio lieve bruciore post minzione, lieve dolore ai testicoli di tanto in tanto, arrossamento sotto al meato... In questi due anni ho fatto diversi tamponi uretrali: tutti negativi (gonorrea – micoplasmi – ureaplasma – Chlamydia – Candida – germi comuni). Ho eseguito anche i test HIV e LUE: NEATIVI entrambi.
Veniamo al dunque: da un anno cerco di avere un figlio e dato che non viene (e sempre col dubbio, visti i fastidi mai eradicati totalmente, che possa esserci ancora una qualche infezione) ho eseguito uno spermiogramma (mai fatto in passato) e una spermiocultura. Ecco i risultati:

Ureaplasma Urealyticum: NEGATIVO
Mycoplasma Hominis: NEGATIVO
Gonococo: NEGATIVO
Coltura liquido seminale: CAMPIONE BIOLOGICO STERILE
Chlamydia Trachomatis: NEGATIVO

ESAME DEL LIQUIDO SEMINALE:
commento riassuntivo:
Concentrazione spermatozoi per ml: NELLA NORMA
Percentuale forme mobili: NELLA NORMA
Percentuale spermatozoi normoconformati: NON NELLA NORMA
Valutazione secondo i parametri O.M.S. 2010: TERATOZOOSPERMIA
Note: Diffusa presenza di spermatozoi con testa lievemente allungata

Giorni astinenza: 4
Liquefazione: COMPLETA
Viscosità: NORMALE
Agglutinazione Specifica: ASSENTE
Agglutinazione Aspecifica: LIEVE
Ph: 8,3
Volume: 2,3
Spermatozoi per ml: 39.000.000
Spermatozoi per eiaculato: 89.700.000
% forme mobili: 77
% immobili: 23
% lenti: 7
% progressivi discinetici: 45
% progressivi: 25
Forme mobili per eiaculato: 69.069.000
% forme tipiche: 7
% forme atipiche 93
% anomalie della testa: 64
% anomalie del collo: 27
% anomalie del flagello: 2
Cellule linea spermatica: 1-2 p.c.
Leucociti: /
Cristalli: /
Emazie: /
Cellule epiteliali: /

Sto cercando un Andrologo a cui esporre il mio problema, nel frattempo qualsiasi Vostro commento sarà benvenuto e apprezzato.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

ora bisogna sentire in diretta il suo medico di fiducia, su suo consiglio, a ruota sentire un esperto andrologo e poi, su sua indicazione, ripetere l'esame del liquido seminale possibilmente in ambiente più aggiornato.

Confermato l'eventuale problema di teratozoospermia poi bisognerà iniziare tutta la procedura diagnostica per capire quale ne è la causa.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questi temi, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/660-miti-realta-maschio-infertile.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 148XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dottor Beretta,
La ringrazio per la risposta. Ho eseguito lo spermiogramma al centro Artemisia di Roma su indicazione del mio medico curante. Da quanto capisco è necessario ripetere il test e a questo punto sono intenzionato a farlo prima di recarmi dall'andrologo. Mi rivolgerò ad un andrologo appena avrò in mano i risultati del prossimo spermiogramma che, da quello che mi dice, sarebbe meglio farlo in un "ambiente più aggiornato".
Posso chiederLe un'indicazione su un centro privato (il pubblico ha liste d'attesa piuttosto lunghe) a Roma "attendibile"? O, al limite, un consiglio su come cercarlo (esisterà una lista dei centri di eccellenza per questo tipo di analisi....)
La raccolta per lo spermiogramma di cui Le ho descritto i risultati è avvenuta il 31 gennaio: secondo Lei quando devo ripetere? un mese?

Grazie
Cordialmente
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
L'esame del liquido seminale lo può ripetere anche subito.

Sul laboratorio da scegliere purtroppo le devo dire che non esiste in Italia una lista dei Centri di eccellenza per questo tipo di analisi ed è per questo motivo che il mio consiglio è sempre quello di sentire in primis un andrologo, con chiare competenze in patologia della riproduzione umana, perchè sarà lui, che meglio di noi conosce le strutture andrologiche della sua città, ad indicarle con competenza dove ripetere questo esame.