Utente 144XXX
Buongiorno
ho portato il mio settenne a fare il prick test per la frutta secca perchè in un paio di occasioni aveva avuto delle reazioni allergiche, rossore diffuso, labbra leggermente gonfie, bollicine d'acqua mangiando le noccioline e le nocciole.
il prick test ha evidenziato un valore abbastanza alto per cui da allergologia mi hanno spedito anche a fargli gli esami del sangue (rast) ige specifiche i valori per i vari tipi di frutta secca vanno da 2,22 a 4,44 (noci, nocciole,mandorle, arachidi), pinoli 0,02 valori di rif > 0,1
è da considerare un bambino allergico ? quali precauzioni ? evitare questi alimenti o avvertire anche la scuola perchè potrebbe comunque incorrere in uno shock anafilattico ? questo tipo di allergia potrebbe peggiorare crescendo, pur evitando tali alimenti ? sarebbe meglio testare anche altri alimenti ? noce brasiliana, kiwi, frutta con nocciolo ?

nel prick erano compresi anche altri alimenti e piante...quello che mi ha meravigliato è che risultato positivo a: graminacee parietaria, artemisia, cipresso, olivo, carpine e betulla !!
e non ha mai manifestato sintomi ! ovvero a primavera non ha raffreddore, tosse, occhi lacrimanti, asma o altro...non è possibile che mi sia sfuggito, proprio non li ha mai avuto
spesso abitando in campagna siamo per boschi e campi...gli unici ricordi che ho di broncospamo o laringospasmo risalgono a quando aveva circa un anno, di notte e con l'influenza ! com'è possibile avere questi valori e non avere sintomi ? o ci sono sintomi che magari non si vedono ? tipo febbriciattola, stanchezza o altro ?
GRAZIE PER LA RISPOSTA

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Può succedere che non ha una sintomatologia ma presenta una sensibilizzazione nei confronti delle piante. I pollini sono strettamente legati ad alcuni alimenti e questo ci spiega perchè ha sintomi con alcuni alimenti.
Credo che sia necessario escludere la frutta secca dalla dieta e vedere cosa succede con gli altri alimenti come frutta di stagione e cosa presenta durante questa primavera.
E' sicuramente utile avere sempre un antistaminico e cortisonico a disposizione.
Cordiali saluti