Utente 196XXX
Buongiorno, ho l'età di 41 anni fisico nella media normale. Soffro di vertigini durante il giorno dovuto a un colpo di frusta avuto in passato. Sono un tipo moderatamente ansioso e sottoposto a stress lavorativo. Da qualche mese ho accuso brividi mattutini e tachicardia al risveglio. Il medico mi ha consigliato una serie di controlli che ho fatto. L'elettrocardiogramma ripetuto più volte ha dato esito negativo i battiti sono lenti 88-90/min. L'elettrocardiogramma delle 24 ore denota inoltre al mattino intorno alle ore 5:00, un rallentamento del battito che arriva fino 68 battiti al minuto. Credo sia nell'occasione in cui avverto brividi di freddo. La mattina, non appena suona la sveglia i battiti subiscono una accelerazione insolita fino al 120/min. e permangono per circa mezz'ora. Facevo calcetto e piscina. Recnetemente conduco vita sedentaria. le analisi del sangue hanno rilevato trigliceridi altissimi 380. Colesterolo 299. Il medico dopo una dieta mi ha prescritto la pillola per ridurre il colesterolo e i trigliceridi. Per la frequenza cardiaca ha ritenuto che sia tutto normale. Ma non mi spiego questi sintomi al mattino. Ringrazio anticipatamente per l'eventuale consiglio.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
i suoi sintomi mattutini, in effetti, non sono connessi ad una alterata attività cardiaca, semmai ad una alterata attività emotivo o comunque ansiogena. Effettui anche dei controlli sulla funzionalità tiroidea, per il resto si attenga a quanto indicatole dal suo curante.
Saluti