Utente 196XXX
Buongiorno, ho l'età di 41 anni fisico nella media normale. Soffro di vertigini durante il giorno dovuto a un colpo di frusta avuto in passato. Sono un tipo moderatamente ansioso e sottoposto a stress lavorativo. Da qualche mese ho accuso brividi mattutini e tachicardia al risveglio. Il medico mi ha consigliato una serie di controlli che ho fatto. L'elettrocardiogramma ripetuto più volte ha dato esito negativo i battiti sono lenti 88-90/min. L'elettrocardiogramma delle 24 ore denota inoltre al mattino intorno alle ore 5:00, un rallentamento del battito che arriva fino 68 battiti al minuto. Credo sia nell'occasione in cui avverto brividi di freddo. La mattina, non appena suona la sveglia i battiti subiscono una accelerazione insolita fino al 120/min. e permangono per circa mezz'ora. Facevo calcetto e piscina. Recnetemente conduco vita sedentaria. le analisi del sangue hanno rilevato trigliceridi altissimi 380. Colesterolo 299. Il medico dopo una dieta mi ha prescritto la pillola per ridurre il colesterolo e i trigliceridi. Per la frequenza cardiaca ha ritenuto che sia tutto normale. Ma non mi spiego questi sintomi al mattino. Ringrazio anticipatamente per l'eventuale consiglio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
i suoi sintomi mattutini, in effetti, non sono connessi ad una alterata attività cardiaca, semmai ad una alterata attività emotivo o comunque ansiogena. Effettui anche dei controlli sulla funzionalità tiroidea, per il resto si attenga a quanto indicatole dal suo curante.
Saluti