Utente 185XXX
Buonasera,
vorrei sapere se la presenza in persona di 77 anni di tumore polmonare(
in questo caso di adenocarcinoma a carico del III° seg. LS sin. di
circa 3.4 cm x 2.3 cm) associato a metastasi in sede emisferica
cerebellare dx può essere trattato con doppio intervento: il primo per
rimuovere la metastasi cerebrale ed il secondo per togliere il tumore
primitivo.Vorrei inoltre sapere quali sono le statistiche di
sopravvivenza in questi soggetti e se dopo i 2 interventi sia necessario
proseguire con terapie come la radioterapia e chemioterapia. La
ringrazio anticipatamente del consulto
[#1] dopo  
Dr. Francesco Inzirillo
36% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Gentile utente
Casi come questi sono difficili da valutare in sede telematica.
Le posso solo dare indicazioni a carattere generico.
Innanzitutto partiamo dal fatto che si tratta di una malattia in fase avanzata per via della metastasi cerebrale (stadio M1) in un paziente anziano.
In linea generale si effettuano interventi di metastasectomia cerebrale se questa e´ unica.
Ma le considerazioni da fare sono tante a partire dalla sede del tumore polmonare e dalla eventuale infiltrazione di strutture contigue.
Bisogna inoltre valutare la presenza o meno di interessamento linfonodale mediastinico. Non tutte le metastasi cerebrali sono operabili in relazione alla sede ed alle dimensioni.
Tutto questo per farle capire che il caso deve essere adeguatamente trattato dai colleghi che hanno la possibilita´ di visitare il paziente e di visualizzare le immagini effettute o da effettuare.
In casi come questi e´ necessario un approccio multidisciplinare che coinvolga il chirurgo, l´oncologo medico ed il radioterapista