Utente 484XXX
Gent.mi medici,
Ho 38 anni e da qualche tempo ho problemi di erezione.
Mi spiego.
Il mio problema consiste nella perdita di erezione durante il rapporto sessuale, come se non avessi più sensibilità al pene e quindi il movimento non provocasse più piacere.
Inizialmente pensavo che tutto ciò potesse coincidere con il fatto che mia moglie è incinta, ma pensandoci bene questo problema si era già presentato negli anni scorsi, ma in maniera occasionale. Faccio presente che la perdita di erezione non si manifesta durante la masturbazione o durante pratiche orali.
Vi ringrazio anticipatamente delle vostre risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,certamente la gravidanza di Sua moglie non aiuta a risolvere un problema da Lei già percepito in passato.Inoltre la buona risposta erettile da Lei riferita nella masturbazione e nel rapporto orale confermerebbe una relazione tra coito vaginale e disfunzione erettile,esaltata dalla gravidanza.Credo che questa potrebbe essere una buona occasione per "resettare" il Suo stato di salute sessuale consultando un andrologo esperto che non banalizzi il problema.Cordialità e sinceri auguri.
[#2] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
A mio personale modo di vedere interpreto la sua situazione più da un punto di vista emotivo/psicologico che organico, vista la particolare situazione coniugale allo stato.
Abbia pazienza per quanto possibile e vedrà che presto ritroverà anche il giusto affiatamento.
Allo stato non mi sento di suggerirle nessun tipo di controllo particolare.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
vista la sua "giovane" età, approfitti di questo "disturbo-malessere" , per conoscere finalmente , se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia. Impari dalla sua compagna che sicuramente ,già da anni, conosce il suo ginecologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org