Utente 655XXX
Gentili dottori,ieri sera,mentre indossavo il pigiama,mi sono trovata inaspettatamente una zecca sulla gamba.Nella concitazione del momento,l'ho tolta prontamente con le mie stesse mani e sulla parte non è rimasto alcun segno visibile della eventuale puntura o altro.Purtroppo ho letto in internet che la zecca non andava eliminata in quel modo,ma sul momento ho agito d'istinto senza sapere bene che fare.Una volta tolta,ho provato a schiacciarla con una vite (non credo contenesse sangue, perchè era piatta e non ne ho visto uscire) e poi l'ho bruciata.Ero sul punto di recarmi al pronto soccorso,ma poi ho letto che l'unica cosa da fare era attendere l'evoluzione dei sintomi,valuntando l'eventuale comparsa di un eritema.Non so come ho fatto a prendere questa zecca,ma credo sia stata portata in casa dal nostro cagnolino, che viene portato al parco ogni giorno.Credo di averla avuta addosso al massimo per qualche ora. Potrei averla presa nel pomeriggio,quando ho fatto rientro a casa e ho accarezzato il cane,oppure qualche minuto prima di averla scoperta quando,ancora una volta,sono stata a contatto con il cane.Secondo voi che posso/devo fare ora?Il fatto che la zecca non mi abbia lasciato alcun segno sulla pelle significa che non mi ha punto oppure questa cosa non ha alcun significato?Ho controllato tutto il corpo alla ricerca di eventuali segni da altre parti,ma sembra tutto normale.Ho letto che la puntura di questo insetto può causare gravi problemi al sistema nervoso,altri seri danni e perfino la morte.Non riesco a stare tranquilla nella paura che queste cose possano accadere all'improvviso senza poter fare nulla.Se non dovesse comparire alcun eritema,come faccio ad essere certa di non aver contratto alcuna malattia?
Spero possiate rassicurarmi, perchè al momento sono tanto spaventata e alquanto confusa. Grazie
[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
8% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2000
Pare un po' tragica la morte per una puntura di zecca: certo si può morire anche per l'ingestione di una compressa di aspirina ma, diciamo, sono aneddoti. L'insetto può trasmettere un microbo, che si chiama borrelia, ed è responsabile della malattia detta appunto borreliosi. Fortunatamente non è assolutamente certo che la puntura dell'animale corrisponda all'inoculo del batterio, anzi è piuttosto raro che ciò avvenga. Per prudenza si è soliti fare un esame del sangue che testi la presenza di anticorpi antiborrelie e, in caso di positività, si può fare terapia antibiotica.
Il suo dermatologo saprà gestire brillantemente il caso: lei, intanto, stia tranquilla.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 655XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dott. Brunelli, la ringrazio per l'interessamento.Lei è stato più rassicurante del mio medico di famiglia che, senza neanche dare uno sguardo alla gamba ha sentenziato che tra il vedere e il non vedere è meglio non correre dei rischi, anche se io gli ho detto di non essere riuscita a vedere alcun morso, nè al momento della scoperta nè ora.Mi ha prescritto l'antibiotico BASSADO per 5 giorni e pare proprio che dovrò prenderlo. A suo avviso è l'unico modo per cautelarsi,senza dover fare esami o altro.Lei che ne pensa?A questo punto spero sia la cosa giusta da fare.
[#3] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
8% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2000
Rinnovo il consiglio di una visita specialistica dermatologica.
Se proprio dovesse assumere il Bassado potrebbe essere indicato rispettare il dosaggio utile per le borrelie: 2 cpr al dì da 100 mg per almeno 14 giorni.
Di nuovo cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 655XXX

Iscritto dal 2008
Ho effettuato un'altra visita da un altro medico,amico di famiglia,che ha esaminato la gamba e ritiene non ci siano tracce di puntura nella zona da me indicata e ritiene remota l'ipotesi che la zecca mi abbia punto da altre parti.A suo avviso potrei attendere l'eventuale comparsa di sintomi.Ritiene probabile che la zecca si sia attaccata ma non abbia succhiato.Purtroppo io sono una persona facilmente impressionabile e mi spaventa l'idea, seppur razionalmente condivisibile,di aspettare e monitorare.Il mio medico di famiglia inoltre,è stato incisivo nel sottolineare più volte che in Sardegna il pericolo rickettsia è particolarmente alto,o almeno questo è quanto ha detto prescrivendomi la profilassi antibiotica.
Sul di Lei consiglio, domani prenoterò una visita dermatologica, ma nell'attesa, ho iniziato con la prima compressa di Bassado.A suo avviso l'antibiotico può mascherare i sintomi di un'eventuale infezione, rendendola più subdola, o posso stare tranquilla?
Perchè Lei mi consiglia una terapia di almeno 14 giorni a fronte dei 5 giorni che mi sono stati prescritti?
Grazie infinite per la pazienza e per la disponibilità
[#5] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
8% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
le ho dato dei consigli in linea generale per via telematica.
Abbiamo più volte sottolineato come questo servizio non può né si deve sostituire alla visita medica.
Certo della sua comprensione, ancora cordiali saluti