Login | Registrati | Recupera password
0/0

Postura bimbo 6 mesi e mezzo

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente donna
    Iscritto dal
    2010

    Postura bimbo 6 mesi e mezzo

    Buongiorno dottori,
    sono mamma di un bimbo di 6 mesi e mezzo allegro e vivace che "parla" molto e controlla molto bene la testa già da qualche mese. Il bimbo pesa circa 8 kg e 700 grammi ed è lungo 73 cm. Sono un po' preoccupata perchè, ad oggi, ancora non riesce a stare seduto bene senza sostegno (si regge da solo per qualche istante e poi crolla con tutto il corpo lateralmente oppure si piega in avanti come una cozza). E' normale? Tra quanto tempo dovrebbe riuscire a reggersi seduto da solo con sicurezza? Ci sono "esercizi" che si possono fare per stimolarlo a trovare l'equilibrio?

    Grazie per l'attenzione.



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 542 Medico
    Perfezionato in:
    Pediatria
    Medicine non convenzionali

    Risponde dal
    2007
    Gentile Signora
    la visita pediatrica comprende, e deve comprendere, anche una valutazione neurologica dello sviluppo neuro-motorio e psico-sociale, quindi se il suo pediatra non ha rilevato nulla di anomalo,stia tranquilla...bisogna solo aspettare che il piccolo maturi il necessario tono muscolare ancora un po'.
    Le varie tappe di sviluppo non hanno però delle epoche perentorie e precise per tutti: possono variare da bambino a bambino. Sono possibili degli stratagemmi di apprendimento.
    Ad esempio lontano dai pasti, quando è tranquillo nel suo lettino, stimolarlo a prendere degli oggetti, metterlo in condizioni di "aggrapparsi" a qualcosa per tirarsi su da solo con le manine, magari aiutarlo in questo poggiandogli le manine su un sostegno morbido ma stabile che abbia dei pupazzetti colorati, delle stimolazioni sonore da cui potrebbe essere attratto.

    Chieda al suo pediatra di illustrarle direttamente come comportarsi e non si scoraggi...a breve il "chiacchierone" sarà anche in grado di reggersi perfettamente. Abbia pazienza

    Non cerchi di farlo stare seduto ad ogni costo, se non è pronto.

    Cordiali saluti
    Dott.Agnesina Pozzi



  3. #3
    Utente donna
    Iscritto dal
    2010
    Buongiorno Dottoressa,
    grazie per la risposta! La situazione sta progressivamente migliorando...il bimbo riesce a stare seduto meglio senza sostegno ogni giorno di più!

    Grazie ancora e buon lavoro



  4. #4
    Utente donna
    Iscritto dal
    2010
    Gentile Dott. Pozzi,
    Avrei dei nuovi consigli da chiederle...nel corso del mese di giugno io e il bimbo (7 mesi) andremo al mare! Che tipo di protezione solare posso utilizzare per lui? Devo mettegli una maglietta per proteggere la sua pelle(molto chiara!) sotto il sole? Inoltre, posso fargli fare il bagnetto in mare?

    Grazie mille per l'attenzione!





  5. #5
    Indice di partecipazione al sito: 542 Medico
    Perfezionato in:
    Pediatria
    Medicine non convenzionali

    Risponde dal
    2007
    Il mare ai piccini fa benissimo, solo che bisogna stare molto attenti:

    Fatelo bere continuamente a piccoli sorsetti, acqua a temperatura ambiente, non ghiacciata naturalmente, può anche bere succo di mela/pera.

    crema a protezione totale da farmacia e non profumeria, ossia sostanze certificate

    Il sole attenzione che si prende di riflesso anche sotto l'ombrellone, quindi stare al mare quando i raggi non sono
    forti ossia dalle 8 di mattina fino alle 10-10,30.
    Il pomeriggio dalle 16,30 fino alle 18,30 circa ossia prima che cominci a salire umido nell'atmosfera.
    Cappellino si, quando sta direttamente al sole, no se sotto l'ombrellone

    Per il bagnetto osservate come si comporta con l'acqua e non forzatelo, giocate con lui, bagnategli i piedini, le manine e vedete che reazione ha. Il primo impatto con l'acqua è determinante per i prossimi...
    Se fa il bagnetto con gioia e senza difficoltà, lasciatelo pure a giocherellare per 10 minuti, un quarto d'ora, una volta fuori dall'acqua, possibilmente una doccina tiepida per lavare via il sale che altrimenti irrita la sua pelle delicata. Asciugarlo bene.

    Può stare senza magliettina cominciando con 10 minuti il primo giorno e poi aumentando man mano l'esposizione.

    Il tempo restante, anche se sotto l'ombrellone, va coperto con indumenti morbidi e leggeri come ad esempio un'ampia camiciola di mussola di lino, bianca.

    Può darsi che il cambiamento di clima e situazione possa anche dargli una febbrina di adattamento. Non spaventatevi e non rovinatevi la vacanza. Il primo giorno tenetelo a casa per farlo ambientare e tutto passa.

    Buona vacanza

    Dott.Agnesina Pozzi




  6. #6
    Utente donna
    Iscritto dal
    2010
    Buongiorno dottoressa,

    grazie per i consigli sono stati veramente utili!!! Il bimbo ama fare il bagno in mare, si diverte moltissimo...avrei la necessità di chiederle un nuovo consiglio. Partiremo in aereo (un viaggio di un'oretta circa) come mi devo comportare? va bene dargli il ciuccio e qualcosa da bere in fase di decollo e atterraggio? Il bimbo ha quasi 10 mesi...e pesa circa 10 Kg

    Grazie



  7. #7
    Indice di partecipazione al sito: 542 Medico
    Perfezionato in:
    Pediatria
    Medicine non convenzionali

    Risponde dal
    2007
    Il piccolo si adatterà da solo benissimo alla nuova esperienza. Le difficoltà e le fobie sono solo degli adulti. Stia tranquilla e lui lo sarà parimenti!
    Buon viaggio!!

    Dott.Agnesina Pozzi



  8. #8
    Utente donna
    Iscritto dal
    2010
    Buongiorno dottoressa Pozzi,

    per l'aereo tutto ok. Al ritorno Davide ha dormito tutto il tempo! Vorrei chiederle un ulteriore consiglio...E' da circa un mese che il bambino non vuole più bere latte. Pesa circa 10 kg e mangia di tutto. Per supplire alla mancanza io gli do dello jogurt (la mattina e per merenda) e del formaggio (per cena). Secondo lei posso tentare di dargli il latte di mucca diluito opportunamente? Il bambino ha 10 mesi. E' molto grave il fatto che non beva più latte? Non so proprio che fare...

    Come sempre grazie mille



  9. #9
    Indice di partecipazione al sito: 542 Medico
    Perfezionato in:
    Pediatria
    Medicine non convenzionali

    Risponde dal
    2007
    L'essere umano è l'unico animale che vorrebbe continuare a dare latte dopo lo svezzamento...

    non è indispensabile e non lo forzi, non è assolutamente grave,anzi!

    La sua quota di calcio la prenderà dappertutto visto che l'alimentazione è quasi completa e mangia anche latticini.

    Cordialmente
    Dott.Agnesina Pozzi



  10. #10
    Utente donna
    Iscritto dal
    2010
    Buongiorno dottoressa Pozzi,

    vorrei chiederle un consulto riguardo lo sviluppo motorio del mio bambino. Ora ha quasi 11 mesi e pesa circa 10 kg e 500 grammi. Afferra gli oggetti con la presa a pinza (riesce a raccogliere anche briciole molto piccole dal pavimento), non gattona ma si muove strisciando a "passo del leopardo" riesce a passare dalla posizione prona alla posizione seduta in autonomia, si aggrappa alle sponde del lettino (o si afferra alle mie gambe quando sono seduta vicino a lui) e si alza da solo, vuole sempre camminare sostenuto da qualcuno ma ancora non ha moltissimo equilibrio...riesce a restare in piedi senza sostegno solo per alcuni secondi! Mi chiedevo se fosse corretto farlo camminare sostenuto da qualcuno e se utilizzare le scarpine (in genere le uso solo quando sono fuori casa) o farlo camminare a piedi scalzi. Inoltre esistono esercizi che posso fargli fare per migliorare l'equilibrio? Il fatto che non gattoni è un segnale di un ritardo di qualche tipo?

    Grazie per l'attenzione



  11. #11
    Indice di partecipazione al sito: 542 Medico
    Perfezionato in:
    Pediatria
    Medicine non convenzionali

    Risponde dal
    2007
    ....lasciatelo piano piano maturare la muscolatura e le fibre nervose.
    Non è opportuno forzarlo. Sta lentamente facendo il suo percorso
    con regolarità. Più che esercizi (che qui sarebbe oltremodo difficile
    illustrare) bisognerebbe incuriosirlo con giochi, farglieli raggiungere,
    spostare man mano l'attenzione su oggetti che bisognerà cambiare di altezza
    e che a lui piacciano al punto da volerli prendere e sforzarsi a trovare
    "come " prenderli.
    E' nel processo di apprendimento delle piccole strategie che
    lui maturerà piano piano le sue sicurezze.

    La valutazione comunque del corretto, regolare ed armonico
    sviluppo psicomotorio deve per forza farla il suo pediatra,
    direttamente..

    Cordiali saluti
    Dott.Agnesina Pozzi



  12. #12
    Indice di partecipazione al sito: 542 Medico
    Perfezionato in:
    Pediatria
    Medicine non convenzionali

    Risponde dal
    2007
    ....lasciatelo piano piano maturare la muscolatura e le fibre nervose.
    Non è opportuno forzarlo. Sta lentamente facendo il suo percorso
    con regolarità. Più che esercizi (che qui sarebbe oltremodo difficile
    illustrare) bisognerebbe incuriosirlo con giochi, farglieli raggiungere,
    spostare man mano l'attenzione su oggetti che bisognerà cambiare di altezza
    e che a lui piacciano al punto da volerli prendere e sforzarsi a trovare
    "come " prenderli.
    E' nel processo di apprendimento delle piccole strategie che
    lui maturerà piano piano le sue sicurezze.

    La valutazione comunque del corretto, regolare ed armonico
    sviluppo psicomotorio deve per forza farla il suo pediatra,
    direttamente..

    Cordiali saluti
    Dott.Agnesina Pozzi



  13. #13
    Utente donna
    Iscritto dal
    2010
    Buongiorno dottoressa,

    Sono nuovamente qui a chiederle un consulto sul mio bambino...Ora ha 12 mesi, pesa un po' più di 11 Kg, mangia di tutto regolarmente (tranne il latte che rifiuta da quando aveva 10 mesi...), inzia a dire le prime palorine (mamma, papà, pappa, ciao, acqua), fa i versi degli animali e li riconosce, cammina con sicurezza da una settimana e da una settimana ha una maggior difficoltà a dormire e ad addormentarsi. Prima dormiva tutta la notte, e se si svegliava, in molti casi si autoconsolava prendendo il ciuccio da solo nel suo lettino, ora da quando cammina, piange disperato finchè non vado nella sua cameretta e quando arrivo vuole solo uscire dal suo letto e ....camminare...giocare ecc. I suoi orari sono da circa sei mesi a questa parte i seguenti: ore 8:30/9: sveglia colazione gioco; ore 10: sonnellino di un'oretta, un'oretta e 1/2; ore 12:30/13:00: pranzo ore 14/14:30 sonnellino di 2 orette poi ore 16:30/17 merenda poi gioco passeggiata ecc e infine ore 22 nanna. Il bambino era abituato ad addormentarsi da solo nel suo lettino. Ora non è quasi più possibile perchè prima di collocarlo a letto devo sempre calmarlo un pochino tenendolo in braccio seduta sul divano altrimenti non si tranquillizza.

    E' incontenibile, non riesco più a calmarlo e farlo nuovamente dormire quando si sveglia. Come posso risolvere questo problema? A cosa è dovuto questo momento di regressione nel sonno?

    Grazie mille!!!



Discussioni Simili

  1. Stitichezza
    in Pediatria
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 02/05/2011, 18:17
  2. Ecografia alle anche
    in Pediatria
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 19/03/2011, 15:06
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01/07/2011, 09:04
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 20/12/2010, 13:09
  5. Pianto senza lacrime
    in Pediatria
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17/11/2010, 12:38
ultima modifica:  17/11/2014 - 0,17        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896