Utente 206XXX
Gentili dottori,
sono una ragazza di 26 anni e da circa 10 anni ho una ptosi palpebrale molto lieve (3 mm) all'occhio destro, a detta del mio oculista sarebbe insorta gradualmente per progressiva perdita di forza contrattile da parte del muscolo. Dopo tante titubanze 4 giorni fa mi sono sottoposta ad intervento di reinserzione dell'aponevrosi dell'elevatore (cito il foglio di dimissioni compilato dal chirurgo). Il problema è che al momento l'occhio non è particolarmente gonfio ( e questo è un bene), ma risulta troppo aperto, più del necessario. La palpebra prima copriva di 1 mm circa la pupilla, ora arriva a malapena a lambire l'iride, soprattutto quando rivolgo lo sguardo in alto. Nell'occhio sinistro invece la palpebra copre di circa 2 mm l'iride. Volevo chiedere se, secondo la vostra esperienza, si tratta di una ipercorrezione transitoria e devo aspettarmi un riassestamento del muscolo verso il basso nei prossimi giorni o se solitamente una ipercorrezione già visibile nei primi giorni rimane una ipercorrezione e va ulteriormente corretta. In questo secondo caso quali sono i metodi correttivi utilizzati???Vorrei davvero evitare un secondo intervento, ma in questo momento sono molto sfiduciata poichè il mio aspetto attuale è peggiore di prima e abbastanza innaturale. Attendo un vostro gentile consiglio. Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Carlo Orione
52% attività
12% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Cara ragazza,
una ipercorrezione della ptosi è normale nei primi giorni, vedrà che tutto andrà a postoEssendo di Bari immagino che sia stata operata dal Dott. Mininni che è un ottimo chirurgo oftalmplastico.

Se tra un mese persisterà ancora l'asimmetria, mi mandi una foto, e se dovesse malauguratamente rioperarsi l'intervento è molto più veloce e meno invasivo del primo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 206XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dott. Orione,

innanzitutto la ringrazio per la celere risposta. Precedentemente ho dimenticato di menzionare che ho anche problemi a chiudere completamente l'occhio....nella parte centrale rimane sempre un "archetto" aperto. Anche questo si risolverà nei prossimi giorni??E per un naturale assestamento dell'ipercorrezione in genere quanto ci vuole?
Un ultima domanda: l'intervento di correzione dell'ipercorrezione che lei mi dice sia meno invasivo in cosa consiste esattamente??Può essere molto specifico se vuole, anzi la prego di esserlo. Sulla SCHEDA INFORMATIVA
SULL’INTERVENTO DI CORREZIONE DELLA PTOSI PALPEBRALE della S.I.O. si parla per queste problematiche di massaggio della palpebra verso il basso, mentre nel libro TRATTATO DI TECNICA CHIRURGICA: CHIRURGIA DELL'OCCHIO di L.Bonomi,R Bellucci si parla di correzione dell'ipercorrezione con manovre non chirurgiche (contrazione forzata della palpebra, rovesciamento della palpebra con un retrattore di Desmarres) o chirurgiche quali tenotomia libera attraverso la congiuntiva a livello del bordo superiore del tarso.
Sono consapevole che in ogni caso un'attesa di almeno 1 mese per vedere il risultato definitivo del primo intervento sia d'obbligo, ma vorrei comunque informarmi su queste tecniche.
Grazie anticipatamente per la pazienza con cui vorrà rispondermi.
Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Carlo Orione
52% attività
12% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Le tecniche sono molteplici e variano molto secondo il tipo di intervento subito ed il risultato ottenuto
La decisione verrà presa tra 1 mese, se ancora persisterà la ipercorrezione, non si può dire ora quale tipo di intervento o massaggio avrà bisogno.
Si affidi con fiducia al suo chirurgo che meglio di tutti, avendola operata, saprà come gestire il post operatorio.
Buona serata