Utente 145XXX
salve,sono un ragazzo di 20 anni, da tempo soffro di vari problemi al pene specialmente al glande.mi è stata diagnosticata una balanopostite da candida che ho curato dapprima con pomate varie come il pevaryl e il canesten insieme a dei saponi antimicotici, poi a queste ho aggiunto il fluconazolo in compresse prima da 150 mg poi da 50 mg usate più volte per più di un mese.non noto più depositi biancastri anche perchè lo lavo ogni giorno, tuttavia le "labbra" che si trovano sull'apertura dell'uretra sono sempre lì.inoltre la superficie del glande presenta a riposo numerosi solchi abbinati a delle strisce che se osservate attentamente sembrano rossastre mentre in erezione dei piccolissimi punti rossi e dei simil-brufolini.ho notato un calo dell'erezione e un calo della sensibilità del glande.ho anche altri sintomi come:stanchezza,difficoltà di concentrazione e di memorizzazione,gran gonfiore intestinale,eruzioni cutanee .mi chiedo se la candida inizialmente localizzata sul pene possa penetrare nel tratto intestinale e darmi tutti questi fastidi.Posso mostrare in foto i problemi al pene di cui parlo.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
la candida è già nel trattao intestinale in quanto ci vive normalmente, poi tutti questi strani sintomi non credo c'entrino coi suoi genitali.
Infinie, visto che nopn tutto ciò che viene alla mucosa del glande è candida, anzi, lo è raramente, direi che la visita da un buon dermatologo sarebbe la cosa migliore.

saluti
[#2] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
sono già stato 3 volte dal dermatologo,ma un pò per superficialità, un pò perchè il problema è evidente solo in semi erezione e in erezione mi hanno diagnosticato solamente la candida.ora mi invece mi è venuta la brillante idea di fotografare il problema e vorrei sapere se è possibile mostrarle le foto in qualche modo
[#3] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
No, abbia pazienza. Tenga presente che questo modo di fare tutela non solo e non tanto il nostro operato, quanto i suoi interessi. Provi magari a cambiare dermatologo e vediamo...

Salutoni