Utente 172XXX
Gentile Dottore,
per quella che è la sua esperienza, un linfonodo dietro la nuca ingrossato, ma talmente piccolo che i medici che mi hanno visistata hanno fatto fatica a trovare, necessita di ulteriori accertamenti? Io mi conosco molto bene e infatti mi sono accorta subito di questo ingrossamento che ormai persiste da più di una settimana ma i medici mi dicono che certe dimensioni non sono patologiche. Mi piacerebbe però avere anche un suo parere
[#1] dopo  
172248

Cancellato nel 2011
Gent.ma Utente,

la risposta alla Sua domanda è semplice: i Colleghi hanno ragione. Ci sono una quantità di virosi, specialmente dell'infanzia, che possono averla provocata. Se Lei sapesse quali sono tutte le Sue stazioni linfonodali superficiali (perché la maggior parte sono profonde e non accessibili) sarebbe impressionata da quanti linfonodi possono essere palpabili.
[#2] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
In quella sede sono quasi sempre palpabili linfonodi reattivi che non necessitano di alcun approfondimento

http://www.medicitalia.it/minforma/oncologia-medica/63-linfonodi-linfoghiandole-adenopatie-ed-sistema-linfatico.html

come Le abbiamo già spiegato nel suo precedente post (in realtà sui linfonodi ne ha già inoltrato ben cinque)

http://www.medicitalia.it/consulti/Oncologia-medica/222047/Linfonodo-nuca

Dopo una mononucleosi i linfonodi reattivi possono persistere ingrossati e quindi palpabili anche per periodi MOLTO lunghi, come già più volte abbiamo avuto modo di spiegarle

http://www.medicitalia.it/consulti/Medicina-generale/212123/Linfonodo-o-linfoma
[#3] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2010
So benissimo di essere stata esagerata nel chiedere pareri che comunque, visto il mio grado di ipocondria, mi tranquillizzano solo per poco tempo. Il fatto è che tutti i dottori mi dicono che sono semplicemente quello che in passato veniva chiamato "soggetto linfatico" visto che ho linfonodi palpabili ovunque (2 all'inguine, uno sotto l'ascella, sotto la gola e adesso anche dietro il collo). Purtroppo mi sono informata anche troppo su internet e ho capito che "soggetto linfatico" non significa niente e che dovrei indagare la ragione di questi linfonodi gonfi fin da quando sono piccola che aumentano di numero con l'andare dell'età. Sono stata dal medico di base, da un chirurgo, da un infettivologo, da un medico che mi ha fatto le ecografie ma nessuno è intenzionato a indagare ulteriormente perchè dicono che non ce n'è bisogno! Non so a chi rivolgermi perchè anche se vogliono farla passare per una condizione normale, io so che i linfonodi ingrossati per tanto tempo poi portano a conseguenze brutte! E' questa la mia più grande apprensione
[#4] dopo  
172248

Cancellato nel 2011
Gent.ma Utente,

"io so che i linfonodi ingrossati per tanto tempo poi portano a conseguenze brutte!"

Questa Sua affermazione è inaccurata. La stragrande maggioranza delle linfoadenopatie restano di origine sconosciuta. Non si può avere sempre una risposta a tutto. L'importante è che il Suo Medico sia pronto, una volta escluse cause urgenti, a individuare i segni che possano denotare un'origine per la quale un'azione medica sia utile. L'abitudine di rimbalzare come una mosca impazzita da un Medico a un altro per avere risposte che, spesso, non si possono dare, è tipica dei nostri tempi.
[#5] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2010
Le elenco gli esami che ho fatto fino ad oggi:
-ecografia al collo che non evidenzia linfonodi patologici
-analisi del sangue nella norma compresa VES e PCR
-La mononucleosi l'ho già avuta 7 anni fa anche se nelle analisi sia l'IGM che l'IGG era risultato positivo (ma la mia infettivologa mi ha detto che la mononucleosi non ha mai riattivazioni)
-non ho mai contratto CITOMEGALOVIRUS O TOXOPLASMOSI
- sono risultata negativa al test dell'HIV

Di seguito i dottori che mi hanno palpato le regioni con linfondi e tutto l'addome, dicendo che io ho molti linfonodi palpabili in tante regioni del corpo ma di dimensioni così piccole da non destare timore):

MEDICO DI BASE
CHIRURGO
INFETTIVOLOGA

Adesso devo aspettare lunedì per una RX e un'ecografia del torace. Il mio terrore è di avere qualche linfonodo ingrossato anche all'interno dell'addome, la dove è più pericoloso. Secondo voi cosa posso aspettarmi?
Il mio timore più grande, si è capito, è quel brutto tumore che non oso nemmeno pronunciare che ha a che fare con questi linfonodi... Mi dicono tutti di stare tranquilla ma perchè non ci riesco?
[#6] dopo  
172248

Cancellato nel 2011
Gent.ma Utente,

Nessuno la può rassicurare del tutto e nessuno lo potrà fare in modo definitivo. Nessuno può dirLe cosa aspettarsi perché Le è stato risposto numerose volte sia qui che "dal vivo".

La stessa offerta di rassicurazione, in questi meccanismi psicologici, scatena un'ulteriore ricerca di altra rassicurazione che a sua volta innesca ricerche cliniche solitamente totalmente inutili. A questo, spesso, fa seguito la conclusione che "E' stata colpa del medico perché ce ne deve essere un altro che sia in grado di risolvere il problema".

Non è quasi mai così.

Ai miei occhi, il problema è la Sua ricerca che non potrà mai avere fine a meno che Lei non ricorra all'aiuto di chi può individuare il meccanismo attraverso il quale Lei focalizza tutta la Sua attenzione su una circostanza apparentemente medica. Questo è di pertinenza psichiatrica e/o psicologico-clinica.
[#7] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2010
Grazie dottore. Spero che anche lunedì mi vengano dette le solite cose che mi sento ripetere da tanti medici, e a quel punto mi rivolgerò al mio medico curante e gli esporrò il problema che anche secondo me ha una importante componente psicologica. Chiederò a lei come devo fare e a chi mi devo rivolgere perchè non saprei da chi andare per il mio problema che mi sta rendendo la vita impossibile sul serio. Grazie ancora per la sua gentilezza e per aver capito il mio problema