Utente 174XXX
Salve,
Buongiorno sono una donna di 70 anni ed in sede di check up (ecodopller) mi è stato consegnato il seguente referto per l'analisi in oggetto sulla quale vorrei un Vs cortese parere:
Assi carotidei bilateralmente pervii con infiltrazione ateromastica parietale diffusa prevalente alle biforcazioni ed all'origine dei rami di divisione carotidei.
A sinistra presenza di placche fibrose all'origine della carotide interna lievemente stenosanti il lume vasale (ca. 30-40%); stenosi emodinamica (ca 70%) della carotide esterna.
A destra presenza di placca calcifica (con cono d'ombra) alla biforcazione carotidea e all'origine della carotide interna con stenosi di grado severo (ca. 6%) del lume vasale e modesta demodulazione flussimetrica; stenosi emodinamica della carotide esterna (ca 70%)

Vertebrali sclerotiche con flusso normodiretto e modicamente ridotto nei tratti intertrasversali.
Arterie succlavie pervie e ateromasiche

Aggiungo che sono alta 1,65 e peso 54kg per cui credo di non essere in sovrappreso nè tantomeno obesa. Inoltre non soffro di ipertensione nè diabete e al 17 Maggio 2011 il valore del colesterolo totale era pari a 157 mentre i trigliceridi 143, colesterolo HDL 36. I valori ematologici sono nel complesso nella norma.
Sto assumendo cardioaspirina e il medico assistenza primaria ha sostituito in data odierna la simvastatina con il provisacor.(28 cpr 10MG). Vorrei sapere, cortesemente, a riguardo, la differenza e il motivo che ha potuto portare a questa scelta dato che con la simvastatina non ho riscontrato problemi.
Per gli arti inferiori seguo cicli di infiltrazioni di FLUXUM ogni 6 mesi.
Grazie anticipatamente per la risposta.

Cordiali Saluti

Marisa
[#1] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
gentile utente,

notizie certamente sicure può averle dal suo curante che è dovuto a darle spiegazioni sia per l'esecuzione di modifiche terapeutiche che per la richiesta di esami clinici.

c'è la certezza dei limiti di una valutazione a distanza.

le proporrei di chiedere al suo medico curante inoltre se esiste l'opportunità/necessità di eseguire una visita specialistica.

cordiali saluti