Utente 145XXX
BUONGIORNO,
Ho 29 anni, non faccio sport (per paura), sono uscita da circa 2 anni da attacchi di panico ma l'ansia e' rimasta.
Ho appena fatto tutti gli esami del sangue e sono ok, ma ultimamente diciamo 3/4 volte al mese mi succede di sentire il cuore come "perdere un colpo" e poi ripartire. Questo mi capita prima o gli ultimi due giorni del ciclo mestruale, puo' capitare quando ho una digestione difficile, oppure quando mi spavento fortemente per qualcosa, o quando mi rilasso. Preciso che la mia pressione solitamente traballa fra i 115-125 e 65-78 e che i battiti variano in base alla mia tranquillità da 53 a67-70.
Quando pero' vado da qualche medico tutto si amplifica e arrivo a 80-85 e 150-160, battiti non ne parliamo.
Il fatto è che tutti i familiari continuano a dirmi che non ho niente che sono solo troppo ansiosa e agitata e che dovrei prendere un po' di valeriana,ma io sono spaventata, ho una forte paura cosa puo' essere cosa, stà succedendo? Cosa devo fare?
Vi ringrazio per le vostre cordiali risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Tutti i cuori presentano qualche extrasistole, che non sono altro che battiti prematuri, talora molto fastidiosi.
Quindi non si preoccupi. Se cio' la dovesse tranquillizzare, esegua un Holter cardiaco delle 24 ore per avere un'idea del numero totale delle extrasistoli giornaliere e sul loro tipo.
Lo faccia solo se cio' la dovesse tranquillizzare.
Tenga presente che il cuore ' l'organo bersaglio degli attacchi di panico , nel senso che tutti o gran parte dei sintomi che il paziente riferisce sono percepiti a livello cariaco.
Cordialmente
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Buongiorno,
la ringrazio per la sua risposta, che un po' mi ha tranquillizzata.
Vorrei chiederele ancora una cosa, il mese di marzo andai da un ginecologo ( agitatissima ) lui mi misuro' la pressione che era fuori misura ( e intanto mi raccontava brutte storie) e mi disse che avevo troppi battiti e un leggerissimo soffio al cuore, e che ero ipertesa, cosi mi consiglio' di andare a fare una visita cardiologica per l'aritmia che in quel moment avevo, io gli spiegai della mia ansia e dei miei problemi ma lui mi disse che tutto cio' che stavo dicendo non esisteva, cosi mi mando' da questo cardioligo che lui conosceva ( da cui non sono mai andata ) per farmi somministrare dei betabloccanti, allora io gli dissi che avrei preso un po' di calmanti prima di andare dal cardiologo e lui mi rispose che non avrei dovuto prenderli perche' altrimenti non mi avrebbe trovato niente.
Una volta arrivata a casa mi misurai la pressione e i battiti ed erano normalissimi.
Lei che ne pensa, le sembra tutto normale? Devo credere a questo ginecologo?
La ringrazio.
Saluti.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi, in pazienti di esso femminile , con il suo profilo psicologico, il beta bloccante e' il farmaco di elezione e' il beta-bloccante.
L'assunzione di questi farmaci le limiterebbero i disturbi legati alla sua ansia.
cordialmente
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#4] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Allora a questo punto invece di prendere i beta blccanti non sarebbe meglio cercare di curare l'ansia all'origine senza farmaci essendone lei la causa?
Oppure e' un problema di cuore che origina l'ansia?
Cordiali saluti.
Grazie
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Certo che la terapia farmacologica Dell ansia e degli attacchi di panico le sarebbe molto diaiuto. Ma di solito si associa proprio ai beta bloccanti.
Arrivederci
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#6] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Quindi lei continua a dirmi che il mio è solo ed esclusivamente un problema di ansia, ma che sinceramente non sopporto piu', anche il fatto di andare in ferie in a 300 km. da casa mi mette in difficoltà e non so se prima di andare via faccio bene o no a fare un cardiogramma, certo è che al solo pensiero di farlo mi viene il cuore in gola.
Lei cosa ne pensa?
Ancora una cosa, questa mattina sono riuscita a fare 20 minuti di stepper e alla fine dell'esercizio la mia pressione era di 140-85 con i battiti pari a 80-85 al minuto. E' normale?
La ringrazio.
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I valori che lei riporta sono perfettamente normali. L'attribuire i suoi disturbi all'ansia non e' uno sminuire la sua sofferenza, ma e' un tentativoi dia iutarla a trovare una terapia giusta che potrebbe essere terapia ansiolitica + opiccole dosi di beta-bloccanti
Cordialmente
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#8] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Pertanto, mi pare di capire che anche se dovessi andare a fare tutti gli esami del caso ( cardiogramma, holter, ecc.) non risulterebbe niente di patologico.
Mi sbaglio?
[#9] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Ascolti, mi pare di averle gia risposto in maniera sufficientemente chiara.
Se lei fosse preoccupata per il suo cuore, esegua un Holter, per capire che cosa succede del suo ritmo quando avverte palpitazioni.
Le ho anche detto che lei ha bisogno di una terapia psichiatrica per l'ansia, senza la quale mi pare che lei non ne possa venir fuori.
Con questo la saluto
cecchini