Utente 217XXX
Salve,sono un ragazzo di 35 anni e negli ultimi mesi avverto un fastidio nella zona pelvica inquinale difficile da spiegare ma ci provo...ho una sensazione di avere "nervi" tesi nella zona descritta sopra che non persistono per tutta la giornata.
Il fastidio quindi non doloroso, si sposta in più punti dalla zona pelvica all'inquine fino alle anche...
Siccome sono ipocondriaco,e per ogni sintomo deduco una ipotetica patologia,potrebbe essere tutto scatenato dalla mia testa?ho fatto da non molto una ecografia alla vescica che è nella norma e anche l' urinocultura a causa di tracce di sangue nelle urine con esito negativo.
Le analisi del sangue sono nella norma, da 10 mesi prendo finasteride 1gr per la cura della calvizia androgenetica...
mi chiedo se sia necessaria una visita da un andrologo per il controllo della prostata.
Vi ringrazio anticipatamente
M.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

i dati che riferisce sono molto suggestivi di una infiammazione prostatica, ma l'auto-diagnosi non è auspicabile!!

le consiglio vivamente una visita andrologica.

cordialità
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

i sintomi che lei riferisce potrebbero far pensare a molte patologiue o a molti "disturbi" non legati a patologie vere e proprie.
si faccia vedere da un andrologo per chiarire i suoi dubbi circa il coinvolgimento della prostata
sempre possibile
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html .

Un cordiale saluto.