Utente 170XXX
Salve,
ho 23 anni e da circa un anno e mezzo, cioè dalla prima volta che ho avuto rapporti sessuali fino ad ora, soffro di eiaculazione precoce, cioè emetto liquido seminale dopo non più di 7 o 8 spinte nella vagina e anche mediante masturbazione.
Mi sono recato dall andrologo il quale mi ha prescritto cymbalta 20mg per due mesi ed ezerex ma non c'è stato nessun miglioramento.
Allora l'andrologo mi ha prescritto la fluoxetina 10 mg per due mesi ma non ho avuto miglioramenti nemmeno con questa....allora sempre l'andrologo mi ha aumentato il dosaggio di fluoexetina a 20 mg per altri due mesi accompagnandola da Levitra 5 mg ad ogni rapposrto sessuale, ma nemmeno sta volta ci sono stati miglioramenti.
Allora l'andrologo mi ha detto di cambiare molecola e prendere la paroxetina 40 mg per due mesi, ma nemmeno con quest'ultima ci sono stati miglioramenti.
Inoltre ho fatto le analisi dello spermiogramma, spermiocultura, prolattina, testosterone e ecografia delle vescichette seminali e l'esame alla prostata e risulta tutto perfetto e in ottime condizioni.
Inoltre ho provato la crema anestetica emla ma oltre ad essere molto scomoda non mi dato nessun beneficio, anzi spalmandola non riesco nemmeno ad avere un erezione.
Non ho provato i preservativi ritardanti perchè ogni volta che ne devo mettere uno perdo l'erezione allora decido di fare senza fancendo prendere alla mia Lei la pillola.
Tra qualche settimana mi recherò di nuovo dall andrologo.
E' vero si che sono un ragazzo molto ansioso, forse troppo, però ho serie preoccupazioni.
Mi potreste dare qualche consiglio prima di ritornare dall'andrologo?
Grazie mille


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

a questo punto bisogna sentire in diretta anche un esperto psicoterapeuta.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
mi asocio al Dr.Beretta nella risposta.
L'eiaculazione precoce, è una disfunzione sessuale della fase dell'orgasmo e va diagnosticata dall'andrologo, a seguito di visita specialistica, poi la terapia si stabilisce di conseguenza tenendo conto dell'etiologia connessa alla disfunzione.
Vi sono svariati tipi di e.p., anteportas, intrapostas( fuori o dentro l'ambiente vaginale), primaria, secondaria, assoluta, situazionale.
Sarebbe opportuno conoscere lo IELT( tempo di latenza eiaculatoria intravaginale) e le emozioni associate alla sfera della sessualità e della sua dimensione di coppia.
L'approccio terapeutico solitamente è combinato:farmacologico e psicoterapiaco, con una terapia che lavori sulla sua sessualità e sulla sua coppia.
Una “diagnosi non completa” ed una terapia che non affronti le cause nella loro globalità, possono costituire un fattore di mantenimento del disturbo nel tempo, anziché la risoluzione della disfunzione
Oggi, il panorama scientifico, dedica una notevole attenzione alla "dimensione relazionale" del disturbo sessuale, sia per quel che riguarda l’insorgenza del sintomo, il mantenimento della disfunzione ed, ovviamente la risoluzione della stessa.
Il modello interpretativo maggiormente consono all’e.p. è sicuramente multifattoriale,non si può identificare un’unica causa scatenante, ma si tengono presenti cause intrapsichiche, relazionali e stili di vita, spesso inadeguati.
Questa multifattorialità va poi tenuta in considerazione, sia per l’aspetto diagnostico, sia per la comprensione dei fattori che contribuiscono al mantenimento della disfunzione ed ovviamente per la fase conclusiva, cioè quella terapeutica
Cari saluti
[#3] dopo  
Utente 170XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille,
sarebbe più raccomandato uno psicologo o sessuologo o chi altro?
In consultorio, in ospedale o dove li posso trovare?
grazie mille per la vostra attenzione
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Uno psicologo psicoterapeuta, perfezionato in sessuologia clinica, andrebbe meglio. Veda lei, tra il pubblico ed il privato, cosa offre la sua zona. Saluti
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Segua ora i saggi consigli della collega Randone e poi ci aggiorni, se lo ritiene utile.
[#6] dopo  
Utente 170XXX

Iscritto dal 2010
Certo e grazie mille ancora!!!