Utente 519XXX
Caro Dottore,mi chiamo Lina ho 39 anni ed un anno e mezzo fa ho avuto un primo intervento al seno,ed era un Carcinoma.Dopo l'intervento la risposta dell'esame estologico i valori erano positivi.
E quindi non mi assegnarono nessuna terapia,dopo otto mesi ci fu una ripresa della malattia,ed ebbi un altro intervento,i valori erano di nuovo positivi.Mi dettero la pillola nolvadex 20,ed una siringa ogni mese Enantone 3,75,ma questi medicinali non fecero effetto.Dopo otto mesi mi sono ritrovata con tre linfonodi che ho dovoto operare,ora sto aspettando la risposta dell'esame estologico........
Vorrei sapere se avete avuto un caso come il mio come l'avete risolto?con quale cura?ASPETTO AL PIU PRESTO VOSTRE RISPOSTE.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Putroppo non ci fornito molte informazioni utili per una replica corretta:

1)Quale intervento è stato eseguito un anno e mezzo fa alla mammella e al cavo ascellare. Quale fu il risultato istologico.
2)Quale intervento 8 mesi dopo alla mammella e al cavo ascellare.
Quale istologico ?
3)Quale intervento è stato eseguito per la terza volta ?
Può ricavare tali dati dal biglietto di dimissione dei tre ricoveri
Cordiali saluti
Salvo Catania
www.senosalvo.com
[#2] dopo  
Utente 519XXX

Iscritto dal 2007
Le preciso il tutto...
Circa due anni fa avvertivo un forte dolore alla mammella destra,dopo una serie di analisi il giorno 20/04/2006 mi è stata fatta la biopsia l cui risultato è stato:
ASPETTO MACROSCOPICO
A)3 piccoli frammenti di 12 cm
B)dal grasso si isolano 3 linfonodi

DIAGNOSI
A)frammenti di parenchima mammario con il quadro del carcinoma intraduttale di alto grado tipo comedocarcinoma.E' presente un unico focolaio di microinfiltrazione stromale (< 1 mm).
B)Iperplasia reattiva linfondale.

Sono stata poi operata l'11/05/2006..la risposta è stata:
ASPETTO MACROSCOPICO
A)mastectomia sottocutanea di cm 15, in sezione lesione dura grigiastra di cm 7 .
B) lembo cutaneo centrato da cicatrice chirurgica e frammento di tessuto adiposo irregolare.
DIAGNOSI
Nel contesto di un carcinoma intraduttale di alto grado con aspetti da comedocarcinoma microcapillare infiltrante di circa cm 0,5 a grado intermedio di malignità sec. Elston-Ellis.
Reazione stromale moderata.

Non mi venne data nessuna cura.

Dopo poco mi è stata fatta la ricostruzione.

Poi in seguito c'è stata una ripresa della malattia,sn stata rioperata il 9/3/2007 la risposta è stata:
ESAME MACROSCOPICO
Biopsia escissianale mammaia di cm 4,in sezione di aspetto displastico.
ESAME MICROSCOPICO
Carcinoma intraduttale di alto grado tipo comedocarcinoma.

Mi venne somministata una cura con una pillola NOLVADEX mg 20 da prendere una al giorno ed una siringa ENATONE 3,75mg/2ml da fare una al mese per bloccare il ciclo mestruale.

Di recente però mi sentivo una ghiandola sotto l'ascella mi sn rirecata in ospedele dove per l'ultima volta sono stata operata il 27/11/2007 la risposta è stata:
ESAME MACROSCOPICO
Dal grasso ascellare si isolano sette linfonodi

ESAME MICROSCOPICO
3/7linfonodi sono sede di metastasi da carcinoma.

ESTROGENO positivo 2%
PROGESTERONE negativo
C-erb-2 intera e completa positività di membrana in 40% delle cellule. Score 3+ sec FDA.
KI-67 Clone MM-1 positività 30%
E-caderina positiva

ora mi hanno somministato 6 chemio da fare 1 ogni 21 giorni.

Sxo di averle fornito il necessario. La ringrazio per la sua disponibilità.Cordiali saluti....
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non è stato semplice seguire tutti i passaggi della Sua storia.
La mastectomia si è resa necessaria per la presenza di un carcinoma multifocale intraduttale con dei focolai di microinfiltrazione.

Mentre la chemioterapia si è resa necessaria per l'interessamento di 3 linfonodi ascellari sede di metastasi.

L'approccio terapeutico mi sembra corretto e sicuramente c'è ancora spazio,in caso di necessità, anche per altre terapie di nuova generazione (Hercetin). Ma per questo ne discuterà con il Suo curante.