Utente 529XXX
Il 9.07.2007 ho accusato un forte dolore al costato sx e il 13.07.2007 mi è stato diagnosticato un carcinoma al polmone sx;

Referto della TAC eseguita in data 13.07.2007 con tecnica multifasica senza mdc per presenza di picco in gamma alla elettroforesi proteica:
In sede ilare sinistra si evidenzia tessuto ipodenso a morfologia ovalare di circa 3 x 5 cm di diametro massimo sul piano assiale, da cui si dipartono alcuni tralci nel parenchima adiacente.
Linfonodo di 15 mm a livello della finestra aorto-polmonare.
Altri linfonodi subcentimetrici in sede precarenale e nella FAP
Enfisema centro e panlobulare; bolle enfisematose in sede apicale.
Alcuni micronoduli nel lobo superiore sinistro ove si evidenzia ispessimento delle pareti bronchiali.

Referto della FIBROBRONCOSCOPIA eseguita in data 14.07.2007:
Nulla a carico del laringe, corde vocali mobili. La trachea è in asse, rivestita da mucosa rosea e con anelli cartilaginei ben evidenti. Carena mediana, sottile, mobile con gli atti del respiro.
EMISISTEMA SINISTRO: pervi il principale e l'inferiore; il culminale appare occluso da una vegetazione biancastra,a superficie necrotica che si spinge fino all'ostio del superiore infiltrandone la parete superiore, si eseguono prelievi bioptica multipli in questa sede; pervio il ramo della lingula.
EMISISTEMA DESTRO,: pervi tutti i rami bronchiali endoscopicamente esplorabili con speroni sottili e mobili.

Referto della ENDOSCOPIA TORACICA eseguita in data 16.07.2007:
Motivazione Clinica
Neoplasia polm sx
pervi il principale e l'inferiore sinistroo il culminale appare occluso da una vegetazione biancastra a superficie necrotica che si spinge sino all'ostio del superiore infiltrandone la parete superiore.
DIAGNOSI
Descrizione macroscopica:
Cinque frammenti di tessuto del diametro massimo di cm 0,1 e cm 0,2 (t.i.)
Frammenti di parete bronchiale e di polmone sede di carcinoma non a piccole cellule a fisionomia squamosa.
Diagnosi citopatologica:
Campione ipocellulato fibrino-ematico comprendente cellule cilindriche di tipo respiratorio ed alcune cellule epiteliomorfe atipiche a fisionomia squamosa di sospetta natura neoplastica.

A questo punto il chirurgo toracico che mi ha in cura mi ha mandato in visita da un oncologo che mi ha assegnato quattro cicli di chemio terapia (secondo lui robusta e con buona risposta) composta da Taxolo+Gemcitabina+Cisplatino.
La chemio terapia è iniziata in data 26.07.2007, a fine del secondo ciclo è stata effettuata una Scintigrafia Ossea total body;
Referto:
SCINTIGRAFIA SCHELETRICA
(99mTc-difosfonato dose somministrata: 600 MBq ev}
L'indagine, eseguita con tecnica "Total Body", mostra una assai modesta disomogeneità di segnale in corrispondenza dell'arco postero-laterale della V costa (?) dell'emitorace di sinistra. Reperto di non univoca interpretazione e pertanto meritevole di confronto radiologico mirato. Modica isperfissazione a carico del rachide medio-dorsale, come per verosimile artropatia degenerativa.

A fine cicli della Chemio terapia è stata eseguita una TAC di controllo in data 23.10.2007;
Esame TCMS eseguito seznza somministrazione ev di mdc per la presenza gammapatia monoclonale.
Torace : Al controllo odierno non più apprezzabile la tumefazione discariocinetica sede ilare sinistra ,permane immagine " ad anello " con radiotrasparenza centrale e cercine sclerotico periferico e limitata stria disventilatoria.
Presenza di linfonodi subcentimetrici in sede precarenale e nella FAP.
Coesiste enfisema centro e panlobulare e parasettale concomitano bolle enfisematose in sede apicale bilateralmente.Non versamento pleurico in atto.
Addome : Fegato ,pancreas,milza,reni e surreni nei limiti della norma.Presenza di calcificazioni a livello epatico.Utile approfondimento diagnostico con ecografia. Presenza di calcificazioni ateromasiche a livello del aorta addominale. Non evidenti linfoadenopatie.
TC : Cranio : Assenza di alterazioni tomodensitometriche dei tessuti dell'encefalo di natura secondaria.

Ritornato dal chirurgo toracico questi mi ha sottoposto ad una risonanza magnetica in data 15.11.2007;

REFERTO DI: RM torace (senza e con contrasto)
Esame eseguito con sequenze di Angio-RM.
Confrontare con precedente iconografia, oggi non disponibile in visione.
Non trova riscontro-RM il reperto-Tac di cui al referto del 13/07/2007 ("in sede ilare sinistra...tessuto ipodenso a morfologia ovalare di circa 3 x 5 cm di diametro massimo sul piano assiale..."). Non si apprezzano alterazioni dei vasi arteriosi e venosi polmonari.

E ad una PET-TAC eseguita in data 16.11.2007;

Referto PET-TAC
Glicemia: 80 mg/dl Peso: 65 Kg Altezza: 180 cm Dose somm. e.v.: 259 MBq
In corso di visita medico-nucleare è stata verificata l'appropriatezza della richiesta.
L'acquisizione PET è stata eseguita dopo circa 60 min. dalla somministrazione endovenosa del radiofarmaco ed in modalità 3D. L'acquisizione TAC è stata eseguita con tecnica spirale multistrato low-dose ed i dati ottenuti sono stati utilizzati anche per la correzione per l'attenuazione.
Quesito diagnostico: Valutazione efficacia chemioterapia terminata ad ottobre 2007 e valutazione per eventuale intervento chirurgico in Paziente con neoformazione del polmone sinistro diagnosticato a luglio 2007.
quadro PET-TAC:
L'esame PET-TC globale corporeo ha messo in evidenza modesto aumento della attività metabolica in corrispondenza di una immagine di aumentata densità localizzata in sede ilare sinistra, compatibile con persistenza di malattia.
Sono evidenti bolle di enfisema negli apici del polmone sinistro.
Non ulteriori immagini caratterizzate da aumentata attività metabolica nelle restanti regioni corporee esaminate.
CONCLUSIONI:
Le caratteristiche morfo-funzionali, pur in assenza di un esame PET-TC pre-trattamento, suggeriscono buona risposta al trattamento.

A questo punto per il chirurgo i referti della Risonanza magnetica e della PET non sono uniformi e quindi mi sottopone ad una ulteriore TAC da eseguire con contrasto.

Referto TAC eseguita in data 7.12.2007:
TC addome completo TB (s/c mdc}, TC torace TB (s/c mdcl, TC cranio TB (s/c mdc)
-- TC torace TB (s/c mdc) TC addome completo TB (s/c mdc) TC cranio TB (s/c mdc) -
Esame eseguito con tecnica multifasica prima e dopo somministrazione di mdc ev TC TORACE In sede ilare sinistra si evidenzia tessuto ipodenso del maggior diametro sul piano assiale di circa 15 x 20 mm. Enfisema centro e panlobulare ; bolle enfisematose in sede apicale. Qualche area di aumentata densit? in parie confluente a livello del territorio apicale del lobo inferiore sinistro. Alcuni micronoduli nel lobo superiore sinistro ove si evidenzia ispessimento delle pareti bronchiali . TC ADDOME Non lesioni focali evolutive degli organi ipocobdriaci ne' espansi surrenalici. TC CRANIO Non alterazioni focali del parenchima cerebrale. Sistema ventricolare in asse.

Pensavo che a questo punto e sentito il parere dell’oncologo, il chirurgo mi operasse e invece mi ha rispedito dall’oncologo con cui ho appuntamento il giorno 2.01.2008;

Secondo Lei, perché non mi opera? Dice che il carcinoma è troppo vicino alle arterie polmonari; può aiutarmi a capire?

Cordiali saluti

[#1] dopo  
Prof. Filippo Alongi
40% attività
20% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Carissimo utente,
la chemioterapia neoadiuvante sembra abbia ottenuto un ottima ,seppur non completa, risposta clinica agli esami di imaging morfologico(TC) e metabolico-funzionale(PET con FDG).
A mio parere poteva essere utile, fin dall'inizio, una PET pre-chemio per una stadiazione completa di base.
Da valutare, se non è possibile un adeguata resezione chirugica(che stabilisce il chirugo in funzione del rischio operatorio per comorbidità importanti, ma anche in funzione della sede ed estensione) un approccio radiante locale a scopo radicale(con o senza chemioterapia concomitante) sulla lesione residua(con ausilio del volume biologico residuo in PET).
Cordiali Saluti

dr.Filippo Alongi
[#2] dopo  
Utente 529XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio per la risposta, sono stato alla visita del 2.01.2008 con l'oncologo, il quale, visto il parere del chirurgo, mi prenoterà l'8.01.2008 per una radioterapia stereotassica presso l'ospedale Regina Elena di Roma. Questa terapia a suo dire potrebbe risolvere definitivamente la neoplasia.
Che ne penza?

Cordiali saluti e Buon 2008