Utente 217XXX
Gentile Dottore,

vorrei un suo prezioso parere riguardo ad un intervento chirurgico che è stato stabilito entro quindici giorni dal referto che allego:

a destra, carotide comune, interna, e sterna eprvie, placca iperecogena bilbare che determina stenosi del 55 per cento circa con flussimetria conservata.

a sinistra:carotdie comune, intenra e esterna pervie, placca ipercogena serrata del bulbo con inginocchiamento postbulbare con accelerazione velocimetrica di circa 280-300 cm/sec.

arterie vertebrali normoreperite in V2 con flussimetria conservata.succlavie ateromasiche pervie con flussi di norma.

si pone indicazione alla correzione chirurgica di TEA ICA sinistra

Cardioaspirin 1 cp alle h 13

Tengo a precisare che mia nonna ha 80 anni, e ha smesso di fumare da sei mesi, lamenta dolori alle gambe, è un soggetto ansioso ed è trattata da anni con Aceviur, Sivastin e Aliflus.

Mi chiedevo se fosse davvero necessario intervenire, e se la convalescenza sarà particolarmente dolorosa.

Ringraziandola della sua attenzione, le porgo i miei più sinceri saluti.

Nicoletta Frattina
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

L'indicazione posta sembrerebbe corretta e condivisibile. In assenza di complicazioni il decorso postoperaorio non dovrebbe presentare particolari disagi. Impossibile valutare da qui la interferenza di altre eventuali patologie concomitanti (diabete, cardiopatia, ecc.)
[#2] dopo  
Dr. Valerio Piscitelli
20% attività
0% attualità
0% socialità
NOLA (NA)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2011
l'indicazione all'intervento di TEA è corretta. le complicanze post-operatorie sono circa del 2%. essendo una stenosi serrata il rischio di ictus è più alto. utile una valutazione cardiologica pre-operatoria. cordialità
[#3] dopo  
Utente 217XXX

Iscritto dal 2011
Grazie ad entrambi per la Vs utile risposta,

cordiali saluti.


Nicoletta Frattina