Utente 498XXX
Salve, vorrei esporre il mio problema nella speranza di avere un consiglio sul da farsi. La mia ragazza ha avuto, 10 mesi fa, un'infezione di condilomi ,curata con il laser, esattamente 5 settimane dopo aver avuto il primo rapporto con me (non abbiamo usato preservativo). Lei dice di essere stata contagiata da me perchè non aveva avuto altri rapporti con nessun'altro per un anno e faceva controlli regolari in questo periodo. Io non ho mai avuto sintomi di condilomi e l'ultimo rapporto l'ho avuto 3 anni prima con una prostituta (protetto da profilattico) e inoltre ho effettuato in questi mesi diverse visite dermatologiche (solo sul glande con acido acetico) senza trovare tracce di infezione. Il mio dubbio è di avere magari qualche condiloma, invisibile alla vista, alla base del pene o sullo scroto. Volevo chiedere se esiste un test per avere la certezza di non essere infetti, e se mi sapete consigliare un medico o un centro specializzato dove potrei rivolgermi (magari in Sardegna).
Vi ringrazio anticipatamente.
Cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo Gigli
28% attività
0% attualità
12% socialità
CAMPO SAN MARTINO (PD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
IUl test all'acido tricloroacetico va bene e permette di individuare anche condilomi microscopici, per cui non ne sei affetto.
saluti
[#2] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Il test all’acido acetico puo’ essere utile ad evidenziare lesioni da HPV non visibili ad occhio nudo, ma e’ gravato da molti falsi positivi e tutto sommato non e’ un test molto sensibile.
Vi e’ la fondata possibilita’ che il virus risieda nell’epitelio senza dare sintomi clinicamente apprezzabili, ne’ soggettivi ne’ obiettivi. Infine il tempo di latenza per l’estrinsecarsi di lesioni puo’ variare da molti mesi ad anni, senza pertanto poter ipotizzare una precisa correlazione causa-effetto tra gli eventi.
Il mio consiglio e’ di rivolgersi ad un centro MTS ospedaliero od universitario, prevalentemente per un follow-up e per ottenere ulteriori informazioni circa la natura del disturbo. Meglio se la visita viene fatta in coppia.
Cordiali saluti
Dr. Davide Brunelli
[#3] dopo  
Dr. Marcello Stante
28% attività
0% attualità
12% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
caro amico
purtroppo l'infezione da HPV non è sempre molto facile da identificare, pur essendo l'acido acetico un buon metodo, tuttavia può dare falsi positivi. solo se il test era completamente negativo la risposta può considerarsi attendibile. a volte è possibile che l'infezione risieda senza essere visibile, in modo subclinico. nel tuo caso dovresti affidarti con fiducia alle cure del tuo dermatologo senza ansie inutili. nessuno può dire chi è stato il primo ad infettare l'altro, e questo comunque non servirebbe ad eradicare la infezione.
a disposizione per altri chiarimenti,
Dr Marcello Stante
FIRENZE
[#4] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Gent.le pz
il condiloma acuminato e' una infezione da HPV particolarmente comune.Le infezioni subcliniche(cioe' non visibili)sono la maggioranza;i condilomi vanno quando riscontrati,eradicati perche' certi sierotipi sono associati a displasia.Di regola si applica ac.acetico 3-5% che provoca una colorazione aceto-bianca. E' possibile,ma solo in teoria per la difficolta' di accedere a questo livello di diagnostica,effettuare citologia con identificazione del DNA dell'HPV e probabilmente inutile per i numerosi falsi negativi.Si affidi al suo dermatologo e stia tranquillo...Non e' malattia che necessariamente abbia una valenza sessuale-venerea così importante da ricercare"l'untore"!
Cordialita'