Utente 218XXX
Sono una persona giovane e sono rimasta molto colpita dal caso Cassano. Vorrei sapere, come è possibile la prevenzione in questi casi? E' sufficiente l'elettrocardiogramma di tanto in tanto per scoprire eventuali malformazioni al cuore?
Quali altri esami sarebbero consigliabili?
Mi sembra strano che i medici dello sport non sottopongano gli atleti a controlli periodici. A maggior ragione come si può attuare un'efficace prevenzione tra coloro che sportivi non sono?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L elettrocardiogramma già compie uno screening di massima . Ma l elettrocardiogramma può mostrare solo disturbi del ritmo od della conduzione che siano presenti al momento Dell esame stesso. È come una polaroid di pochi secondi , none le può dire cosa sia successo pochi secondi dopo o qualche secondo dopo e non fornisce informazioni circa l anatomia del cuore. L ecocolordoppler cardiaco esattamente fa il contrario, e cioè fornisce dettagli anatomici ma non ha alcun valore nello studio del ritmo. Vi sono molti esami a disposizione del cardiologo, il quale rimane l unica vera " chiave" della diagnosi, attraverso la propria preparazione, esperienza e senso clinico
Cordialmente
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'anomalia congenita di cui è affetto Cassano, spesso non da luogo a particolari alterazioni ellettrocardiografiche e talora si manifesta, proprio così, con disturbi neurologici, da i più semplici, come la cefalea a quelli più gravi come l'ictus.
L'unica forma di prevenzione è effettuare un ecocardiogramma, anche se a dir il vero il foramen ovale è osservabile ben nel 20-25% della popolazione, senza che ciò causi il ben che minimo disturbo.
Saluti
[#3] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Vi ringrazio molto per le vostre risposte, quindi l'unico esame da cui possono risultare queste patologie è l'ecocardiogramma? La radiografia del torace invece non è consigliabile? Quali patologie al cuore potrebbe rivelare?
Se il foramen ovale non è curato con apposito intervento chirurgico, il paziente è quindi più esposto al rischio di ictus oppure potrebbe continuare a soffire soltanto di cefalee e basta?
[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L'ecocolordoppler cardiaco transtoracico, e se necessario il transesofageo sono le metodice di scelta per escludere o confermre tale diagnosi. La rx del torace non ha alcun valore.
E' stata vista una correlazione tra PFO ed ictus ischemico, ma questo dipende da molti fattor, tra i quali anche l'entita' dello shunt a livello atriale visualizzabile con un doppler cerebrale con "microbolle". Per cio' che riguarda la cefalea in realta' non c'e' alcuna correlazione
cordialmente
cecchini
www.cecchinicuore.orgi
[#5] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Grazie mille ancora,

la radiografia del torace serve invece a radiografare quali patologie (oltre a malattie polmonari)? Secondo lei per quale ragione l'ecocardiogramma è poco utilizzato a favore invece dell'elettrocardiogramma? Per una ragione di costi? Nelle palestre e nei centri sportivi così come ai colloqui d lavoro, l'unico esame che può essere richiesto oltre agli esami del sangue è l'elettrocardiogramma.
[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
E' molto veloce e poco costoso, ed ha un ruolo inostituibile nella diagnosi dei disturbi del ritmo, ma non fornisce alcuna informazione sull'anatomia del cuore , la sua funzione contrattile, lo stato degli apparati valvolari.
Arrivederci
cecchini