Utente 228XXX
Salve...sono un ragazzo di 20 anni....premetto che mi hanno diagnosticato un disturbo da attacchi di panico (dap) da 5 mesi e sono in cura da 2 mesi....ho paura che mi possa venire qualcosa al cuore...esempio infarto o arresto cardiaco, però sia il mio dottore, sia la dottoressa della guardia medica mi hanno detto che è impossibile e sono sicuri al 2000 per 100 che non mi possa venire niente....mi hanno rassicurato che a meno che non mi mette sotto un autobus o un incidente non posso morire di malattie fisiche imminenti (naturalmente escludendo la possibilità che mi vengano tumori)...io gioco a calcio da 15 anni....ho fatto ogni anno la visita medica sportiva quindi ecg sotto sforzo ogni anno....ho fatto 2 mesi fa un ecg normale ed era tutto apposto...prima pesavo 80 kg ma da da quando mi sono venuti questi attacchi di panico ne ho persi 10 quindi ora peso 70 kg e sono alto 1,75 ho smesso di fumare dall'inizio di queste cose, e ho smesso anche di bere alcolici....(bevevo un drink il sabato sera, e fumavo quasi un pacchetto al giorno)..mio nonno è morto 30 anni fa di infarto e ne aveva 55 e mia nonna ha avuto un ictus a 85 anni...è veramente impossibile che mi possa venire un infarto, o un arresto cardiaco?...mi hanno pure detto che prima o poi tutti muoriamo di arresto cardiaco, però informandomi, quelli giovani morti di arresto cardiaco sono morti per fibrillazione ventricolare...può venire a tutti? o bisogna avere una malattia cardiaca come mi hanno detto?? mi rassicurate anche voi che non mi può succedere assolutamente niente? il mio dottore mi ha persino firmato 1 settimana fa un certificato di idoneità sportiva...io sento dei dolori al petto, al cuore, al braccio, alla schiena...difficoltà a respirare e senso di confusione e svenimento....dolori anche allo sterno ultimamente....poi mi sento la testa nell'altezza delle orecchie chiusa...come se stessi a testa in giù per tanto tempo...grazie anticipamente delle risposte

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi la morte improvvisa colpisce 70.000 italiani l anno, 200 persone al giorno.
Molto spesso sono resine che non hann indagato a fondo la loro situazione cardiologica, ma è anche vero che spesso sono persone apparentemente sanissime. Per tranquillizzare una persona che soffre di attacchi di panico come lei, a mio avviso, non serve a niente ed è anche scorretto dire.... È impossibile che accada, era ed.
Si deve dire la verità. E la verità è. Che e molto più pericoloso andare in macchina o in motorino, e che statisticamente ê estremamente improbabile che un soggetto perfettamente sani presenti una fibrillazione ventricolare.
Ritengo tuttavia che lei abbia bisogno di una terapia per questi attacchi di paniche. Per questo patologico stato d ansia.
Arrivederci
Cordialmente
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 228XXX

Iscritto dal 2011
salve dottore...sto prendendo delle medicine xanax e citalopram....lunedi inizierò con lo psicologo....io mi sento delle fitte al petto....di cui il dottore mi ha detto che possono essere dolori intercostali e sento come se stessi per svenire...ieri sera in guardia medica mi hanno detto che tutte le persone, adulti giovani, che sono morti di cuore (infarti o arresto cardiaco) avevano o una malattia cardiaca ben visibile da un semplice ecg, oppure fumavano tanto o si drogavano....mi ha detto che che per morire improvvisamente ci devono essere dei fattori di rischio ( fumo colesterolo diabete pressione alta sedentarietà) o malattia cardiaca...in più mi ha detto che l' 80% dei casi ad oggi che hanno un infarto, vengono salvati...è tutto vero dottore?...
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I dolorifiche lei riferisce non hanno niente a che vedere con il suo cuore.
Io penso che la terapia non le si sfacendo effetto.
Arrivederci
Cecchini