Utente 149XXX
Soffro di ipertensione, che controllo efficacemente da 20 anni (ora ne ho 68) con Norvasc. Il mio oculista teme un aggravamento della vasculopatia, che era stata valutata di grado 1-2 circa 2 anni fa, e che ora sembra essere di grado 2.
Quale può essere il decorso di questo problema e le conseguenze a medio-lungo termine, visto che i valori della pressione sembrano proprio essere sotto controllo?
[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
Durante una ipertensione arteriosa il monitoraggio avviene con il controllo di una serie di parametri
di cui uno dei più importanti e' lo studio del fundus oculi
che e' l'unico modo di studiare in vivo lo stato dei vasi arteriosi
e la circolazione.
Lo studio del fondo oculare
permette oltre che studiare la corioretina ,
la macula , la testa del nervo ottico e la periferia retinica,
di valutare il calibro ed il decorso dei vasi retinici.
Se i vasi sono tortuosi, ridotti di calibro
con qualche incrocio arterovenoso siamo di fronte
ad una Angiopatia ipertensiva.
Mentre se compaiono emorragiole retiniche oppure essudati cotonosi
si parla di Retinopatia Ipertensiva!
Il quadro oftalmoscopico di cui il medico oculista e' l'interprete
va valutato dal medico cardiologo che mette insieme tutte le valutazioni
ed aggiusta la terapia medica.
Spero di averla aiutata!!
A presto
Suo DOC
[#2] dopo  
Utente 149XXX

Iscritto dal 2010
la mia domanda si riferiva alle possibili evoluzioni di questa patologia.
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Dipende dal controllo della sua
Pressione Arteriosa !!!!