Utente 231XXX
Salve, sono un ragazzo di 26 anni e circa 8 mesi fa mi accorsi di dover andare ad urinare più volte del solito. Consultai il medico e mi disse che probabilmente era una leggera cistite ma risultò negativa quindi mi disse di bere acqua naturale anzichè frizzante e di non preoccuparmi. Non fu un problema il dover andare circa ogni 2 o 3 ore al bagno anche urinando poco, quindi mi abituai e lasciai correre. In questi mesi mi sono capitati alcuni periodi della durata di pochi giorni in cui non avevo bisogno di alzarmi almeno una volte la notte e questo già mi faceva sperare che il problema stesse passando ma, da qualche settimana, mi sono accorto che, dopo una eiaculazione, dopo circa 4 o 5 ore, sento dolori tipo "lampi" ad intermittenza ai testicoli (prima uno, poi l'altro, o solo uno dei due, dipende) Così informandomi ho scoperto che troppe eiaculazioni possono infiammare la prostata. Io non ho una ragazza (mai avute) e da sempre mi masturbo con una frequenza di almeno una volta ogni 2 gg ma in effetti ultimamente ho esagerato arrivando anche a periodi in cui eiaculavo 3 volte in 24 ore. Ricordo di aver avuto questi dolori ai testicoli alcuni anni fa e pensai a qualche botta involontaria o qualche slip troppo stretto infatti dopo alcuni giorni di dolori tutto passò.
Oltre questi sintomi (frequenti minzioni e dolore ai testicoli dopo eiaculazione) non ne ho altri ma tutto mi fa pensare a problemi alla prostata. Ora sto provando a masturbarmi meno (purtroppo è complicato ma faccio il possiible) e spero di notare cambiamenti nei tempi fra una minzione e l'altra così da avere conferma che è colpa della prostata ma onestamente non so se, in caso di infiammazione dovuta alla troppa eiaculazione, questo basti.
Chiedo dunque alcuni consigli.

Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non faccia autodiagnosi e non si autoprescriva comportamenti correttivi che sono tutti discutibili, soprattutti quelli sulla sua attività masturbatoria.

Senta ora il suo medico di fiducia e poi a ruota anche un esperto andrologo.

Nel frattempo, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html,

http://www.medicitalia.it/salute/prostata .

Un cordiale saluto.