Utente 136XXX
Salve, non sono sicuro se sia questa la sezione giusta, ma visto che si tratta di tachicardia spero di non aver sbagliato.
Dunque sono un ragazzo di 30, alto 1.75 per 110kg fumatore, per circa una decina di anni ho sofferto di attacchi di panico ed ansia, attualmente gli attacchi sono rari, mentre l'ansia e' spesso presente, inoltre grazie a queste condizioni si puo' dire che ho sviluppato un ernia iatale e colon irritabile e tachicardia diagnosticatami con l'esame delle 24ore espressamente la sera dopo cena.
Attualmente seguendo regole basilari l'ernia non i fa male e non da fastidio, mentre il colon irritabile mi infastidisce ogni giorno, ma visto che ora vivo negli Stati Uniti d'America non posso curarmi o fare una visita poiche' non ho un assicurazione sanitaria.
Detto questo il mio consulto riguarda, come da titolo, un problema di tachicardia durante la minzione, ogni qual volta vado in bagno mi succede e mi sento leggermente spossato per tutta la durata, finita l'urina dopo un po' sembra tutto tornare normale..anche se ho lo stesso problema durante la defecazione.
Questo e' un problema che mi porto dietro da anni, ed il mio medico di base mi ha sempre detto di non preoccuparmi in quanto e' normale...ma sinceramete non ci vedo nulla di normale.
Inoltre bevo molto ogni giorno, anche 4 litri d'acqua o piu, dipende se mi sento tranquillo o ansioso (quando sono tranquillo non bevo molto, o meglio siamo intorno ai due litri o tre, quando sono ansioso bevo a tutta forza, specialmente la notte dove almeo tre bottigline d'acqua le consumo tranquillamente)
Ovviamente questo si traduce ad urinare spesso durante il giorno, sempre il mio medico penso' che avessi il diabete insipido, ma fatte le analisi mi disse che non ne ero affetto, ma non appena avro' un assicurazione mi rifaro' un check up completo, specialemnte per il colon.
Comunque quel che io voglio capire e' se sia normale durante la minzione e la defecazioe, la presenza della tachicardia e nel caso non lo fosse, da cosa e' puo' essere dovuto.
Tutti questi problemi attuali mi mettono ancora piu' ansia perche' e' da poco che vivo in California perche' ho sposato la mia ragazza Americana per provare ad avere un futuro migliore qui, lontano dalla famiglia, amici, parenti e anche dottori che conosco da anni e tutte queste preoccupazioni mi fanno stare solo male.
Mi scuso per una serie di dettagli che magari non hanno nulla a che fare con il consulto ma credo che sia sempre un bene far capire nel maggior dettaglio possibile la situazione sia fisica che psicologica attuale in modo da avere almeno un quadro piu' chiaro dato che, come ben sappiamo, online non e' facile fare una diagnosi.
In ogni caso vi ringrazio per l'eventuale risposta e nel caso di eventuali esami, anche se non potro' effettuarli nell'immediato, mi farebbe piacere venirne a conoscenza, cosi che tra qualche mese, quando tutto sara' sistemato con la residenza, potro' effettuarli.
Grazie ancora e auguro un buon lavoro a voi tutti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
DA quello che lei scrive emerge una notevole quota ansiosa che potrebbe spiegare il tutto. Non riferisce pero' i valori della sua frequenza, descrivendo solo "tachicardia" che per definizione significa frequenza maggiore di 90 battiti/min. Sarebbe interessante sapere che frequenza ha registtrato l' Holter negli episodi che lei ha lamentato.
Tenga comunque presente che se lei e' fumatore, ad un eta' cosi' giovanile, significa che in realta' lei non e' cosi' preoccupato per la sua salute. Smetta immediatamente, oggi, non domani,.
Ridurra' sensibilmente il rischio di infarto, di ictus e di cancro, oltre che ridurre la sua frequenza cardiaca
Cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
Grazie dottore per la risposta,
per quando riguarda la frequenza dell holter al momento non la dispongo con me, ma posso contattare mio cognato in italia che lavora al policlinico di Napoli e far ritirare la cartella clinica con tutti gli esami effettuati, comunque se ricordo bee dovrebbe aggirarsi intorno ai 110 o 130 battiti...ma senza i risultati della cartella clinica non posso esserne sicuro.
Per quanto rigurada il fumo, so bene che e'' sbagliato, fumo da quando avevo 15anni e fino a 3 mesi fa fumavo da un pacchetto ad uno e mezzo al giorni
ma da ottobre, in pratica da quado mi sono trasferito per sposare la mia attuale moglie, ho ridotto incredibilmente il fumo giornaliero che ora e' fissato a 4/6 sigarette massimo al giorno.
Da precisare che non ho avuto una vita serena in italia, sempre ansia, attacchi, vita infelice tra i miei familiari, cose che sicuramente non mi hanno aiutato sia psicologicamente che fisicamente.
Pero credo che la questione del ridurre in questo modo il fumo sia gia' un segno di un leggero miglioramento di vita, perche' con molta probabibilita' la forte ansia mi portava a fumare tantissimo.
E mi creda, ho intenzione di smettere ma lo sto facendo un passo alla volta in quanto a volte se non fumo mi sento ansioso...quindi provo gradualmente a fumare sempre meno.

A parte questo, possiamo dire in parte che una parte di questi problemi sono prettamente di fattore ansioso...anche perche' la mia vita e' totalmente cambiata il giorno del mio primo attacco di panico!
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Che lei soffra di attacchi di panico e' indubbio, tenga presente che questi debbono essere trattati dal momento che le peggiorano la qualita' di vita.
Per cio' che riguarda la frequenza cardiaca , se i valori che lei riporta fossero confermati, ritengo che il suo medico potrebbe aiutarla con una terapia farmacologica che ovviamente non posso prescriverle per via telematica.
Arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org