Utente 109XXX
Buongiorno gentili Dottori , avrei un quesito da porvi:
ieri è stata dimessa la mia nipotina nata lo scorso 15 dicembre .
Viene allattata al seno dalla mamma però ,dato che sia mia nuora che mio figlio soffrono di allergie (a certe piante, alla polvere ecc) il pediatra dell'ospedale ha consigliato di darle ogni tanto un biberon di latte antiallergia di cui però ora non ricordo il nome.
La dottoressa della farmacia dove ci siamo recati per comprarlo ha però storto un pò il naso di fronte a questa prescrizione dicendo che secondo lei non è necessario perchè il latte materno ha già tutto ciò che serve...
Potete gentilmente consigliarci in merito ?
Grazie mille, cordiali saluti!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Paolo Fancello
24% attività
8% attualità
12% socialità
CAGLIARI (CA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Direi che in questo caso ha ragione la farmacista, e anche se c'è una familiarità atopica, non significa che automaticamente la bimba avrà problemi di allergia alimentare. Quindi al momento allattamento al seno e quando il pediatra indicherà di svezzare la bimba, inizierei lo svezzamento senza particolari precauzioni. Oggi inoltre si preferisce una precoce introduzione anche dell'uovo o del pesce, sfruttando la tollerogenicità del sistema gastrointestinale fin dai primi mesi di vita (6-8 mesi). Farei particolare attenzione alla cura , se compare dell'eczema atopico (perchè ci si può sensibilizzare anche attraverso la via cutanea , se lesa), e una profilassi ambientale con fodere antiacaro, ma senza eccessi.
[#2] dopo  
Dr. Mario De Bernardi Di Valserra
20% attività
0% attualità
0% socialità
TRIVOLZIO (PV)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2011
L'allergia al latte si manifesta soprattutto quando si usa il latte vaccino o i suoi derivati, come il latte in polvere. L'alimento migliore, perchè meglio tollerato, è sicuramente il latte materno. Eventuali sostituti sono gli idrolisati proteici oppure si sta cominciando ad utilizzare il latte d'asina, reperibile in alcuni ospedali o tramite il Consorzio italiano latte d'asina numero verde 800-864848. Può chiedere consigli al suo pediatra, ma finchè non si manifesta una vera intolleranza è assoluatamente consigliabile continuare con l'allattamento al seno.
[#3] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Usi il latte materno e non si bagni prima che piova.
Non esiste nessuna prevenzione a questa età.
[#4] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Grazie gentili Dottori per le cortesi ed esaurienti risposte .

Cordiali saluti e auguri per le prossime festività e per il nuovo anno !