Utente 235XXX
Sono soggetto ad ormai frequenti episodi di volvolo del sigma finora risolti con detorsione mediante colonscopia, e sono anche in terapia anticouagulativa (coumadin) causa valvola aortica meccanica dal 2004. Naturalmente tutti i medici che mi hanno visto mi hanno consigliato l'intervento chirurgico di asportazione di parte del colon che ho molto lungo, tuttavia sono sempre stato incerto ad affrontare l'operazione per i seguenti motivi:
- alcuni medici mi dicono che potrebbe non essere risolutivo e il volvolo ripresentarsi ancora.
- il fatto di essere in terapia anticoagulante rende più complesso l'intervento
- non ho chiaro quali siano i rischi operatori e postoperatori e quindi quali siano dopo le condizioni generali di vita.
- è assolutamente necessario intervenire in chirurgia laparoscopica?
- in tal caso quali sono in Italia i centri di eccellenza per questo tipo di chirurgia?
Sarei grato di un parere su quanto sopra.
Grazie e saluti
[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività +60
20 attualità +20
20 socialità +20
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Gentilissimo,

per l'intervento di resezione del colon per dolicolon (causa di volvolo) non sono necessari centri eccellenza in quanto trattasi di una patologia beningna e di non particolare difficoltà tecnica. Per quanto concerne l'indicazione questa è dettata dalla necessità di evitare i continui volvoli e credo che rivolgendosi ad un chirurgo, indicato dal suo medico, possa avere le giuste informazioni sui vantaggi ed i rischi che l'intervento può comportare. La chirurgia in elezione potrebbe essere utile per evitare il rischio di un intervento in urgenza.


Cordialmente

[#2] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività +40
20 attualità +20
16 socialità +16
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Gentile signore se il problema è un dolico sigma e sono stati numerosi gli episodi di torsione potrebbe essere indicata la resezione del sigma. Per quanto concerne la t.anticoagulante questa verra sospesa e sostituita da eparinaa bassopesomolecolare nei tempie nelle dosi che verranno indicate nel periodo peri operatorio. L'intervento potrà essere eseguito in chirurgia aperta o laparoscopia e sarà il chirurgo di sua scelta a consigliare le modalità di scelta.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività +32
20 attualità +20
16 socialità +16
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Anche da parte mia aggiungo un voto favorevole(nel suo sondaggio)all'opzione chirurgica.Per la tecnica di esecuzione le hanno gia risposto i Colleghi.
Saluti
[#4] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività +44
0 attualità +0
20 socialità +20
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
gentile utente,

mi aggiungo al coro dei colleghi concordando sull'indicazione all'intervento.

ritengo che l'intervento potrebbe essere eseguito con tecnica mini invasiva (laparoscopica), o utilizzando la via tradizionale.

la scelta dovrà essere attentamente valutata in funzione delle condizioni generali ed in base a tutte le analisi ed esami necessari per poter stabilire un corretto rischio anestesiologico ed operatorio.

la scelta della tecnica inoltre è in funzione dell'esperienza del chirurgo con le due tecniche proposte e ad eventuali fattori che al momento non sono emersi (per es. interventi addominali pregressi).

cordiali saluti ed un grosso in bocca al lupo
[#5] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per le risposte velocissime.
Il mio medico consiglia un intervento in laparoscopia sicuramente molto meno traumatico rispetto al tradizionale, tuttavia non ha un'esatta conoscenza di quanto e dove questa tecnica è praticata. Per questa motivo chiedo se è possibile avere indicazioni di quali siano i centri di eccellenza.
Grazie ancora
Saluti
[#6] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività +60
20 attualità +20
20 socialità +20
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Gentilissima,

ottima la scelta dell'intervento !

Come dicevo sopra non ci sono centri di "eccellenza" per tale intervento, ma non credo che il suo medico abbia difficoltà da indicarle un centro di chirurgica di riferimento.



Cordialmente