Utente 235XXX
buon giorno dottore, la mia ragazza ha effettuato un tampone vaginale dal quale e' emerso che ha un infezione di E. coli.
Per precauzione ho effettuato una spermiocoltura nella quale si e' evidenziata la presenza degli stessi batteri e la presenza di leucociti rari.
La cosa strana e' che sono completamente a sintomatico.
può trattarsi di una prostatite?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Gentile utente, è certamente una prostatite batterica cronica (rilievo sia dei patogeni che di leucociti). Il fatto che sia poco o nulla sintomatica non significa nulla. Dovrà effettuare una cura antibiotica intensa e prolungata sulla scorta dell'antibiogramma. Faccia decidere all'urologo o all'andrologo farmaco e posologia, poichè non tutti gli antibiotici sono efficaci nel tessuto della prostata. Cordiali saluti
N.B.: ricordi di utilizzare il condom finchè non si dimostrerà che il Suo liquido seminale è privo di germi, poichè è assai pèrobabile che i coli della Sua fidanzata vengano dallo sperma infetto!
[#2] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
grazie per la risposta,
ho letto su internet che la prostatite crea impotenza, la cosa mi spaventa,
attualmente non ho nessun disturbo di erezione.
cosa centra la prostatite con l'erezione?
[#3] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
La prostatite PUO' (non deve per forza) determinare disturbi dell'erezione. Non aspetti questo per farsi visitare, perchè nel frattempo la Sua erezione è certamente valida, ma con l'infezione seminale in atto e non curata si possono avere problemi di infertilità, rischio al momento assai più concreto. Cordialità
[#4] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
un ultima domanda ma sono i luts che determinano l impotenza?
[#5] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Per quanto sia dimostrato un legame tra LUTS e Disfunzione erettile, non vi è rapporto di tipo matematico, specialmente nel Suo caso. Ancora cordialità
[#6] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
grazie per la risposta,
oggi ho fatto una visita da un urologo il quale mi ha confermato l'esistenza di una prostatite batterica,
mi ha dato una cura di levoxacin 500 per un mese.
riguardo all associazione tra prostatite e deficit lui mi ha detto che se non ci sono sintomi ( cioè' luts) non ci può essere impotenza.
lei conferma ciò che mi e' stato detto?
grazie
[#7] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Lo confermo. Non ci pensi più. Si preoccupi di curare bene la prostatite batterica che invece è a rischio reale (se non adeguatamente trattata) di provocare problemi di infertilità Ancora cordiali saluti
[#8] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
buon giorno dottore sto continuando a fare la cura di ciproxin 500
continuo a non avere sintomi,
solo che il mio stato d' ansia sta aumentando.
Ho paura che in futuro tale infezione che spero si debelli mi crei problemi di erezione ( sintomi che al momento non ho)
Mi sono messo su internet ha leggere informazioni sulla prostatite ed ho trovato questo articolo riguardo agli squilibri pelvici e volevo sapere se questo che le sto scrivendo corrisponde a realtà : STATO DI CONGESTIONE PELVICA, i vasi venosi ed arteriosi pelvici drenano il sangue dal retto-sigma, dai testicoli, dalla prostata, dalla vescica ed e' una rete venosa di sfogo delle tensioni venose dell'addome sup. (fegato e milza in part.) . I processi disfunzionali ed infiammatori di tali organi, in particolare del retto-sigma e della prostata, inducono generalmente sui tempi medi, la congestione venoso-linfatica dell'area con successivo squilibrio circolatorio dei meccanismi di drenaggio favorendo l'attivazione di stimoli protettivi e meccanismi di carente tenuta venosa che portano alla disfunzione erettile o al suo opposto acuto (priapismo).
e' possibile che una prostatite asintomatica provochi tutto questo?
oppure tale affermazione e' priva di senso.
scusi se la tormento ma cerco un po di chiarezza in questo marasma di informazioni che trovo sul web,
senza capire dove sta la verità dalla finzione.
Le sono infinitamente grato.
[#9] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Gentile utente, se andare a curiosare sul web Le crea questi squilibri emotivi, non lo faccia. Queste teorie sono alquanto discutibili e senza seri supporti osservazionali. Esistono studi seri che dimostrano invece un rapporto tra LUTS (sintomi delle basse vie urinarie, tra cui anche quelli di una prostatite) e DE. Questo è tutto. E' intuitivo che un disturbo persistente nella zona uro-genitale incide sulla funzione sessuale, quindi si capisce come possa essere difficile mantenere l'erezione mentre si sente un dolore al pene o nelle sue vicinanze.

La leggenda metropolitana della prostatite asintomatica e dei disturbi che causa all'erezione è invece come Moby Dick: ogni tanto affiora nel mare delle consulenze di Medicitalia e subito scompare scacciata dagli arpioni dei professionisti a bordo di agguerrite "navi da caccia alle stupidaggini".

Infine, l'ansia di avere una malattia o un disturbo è invece definita ipocondria e - talora - rende la vita dura. Su questo probabilmente bisogna lavorare per quanto La riguarda. Ancora cordialissimi saluti
[#10] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
grazie per la risposta consolante.
un ultima domanda, la prostatite asintomatica e' in grado di creare eiaculazione precoce?
[#11] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Caro signore, sarò sintetico. In una parola: no. Cari saluti
[#12] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per la risposta,
solo che l' ho trovata in contraddizione con quella letta nel libro l'amore non aspetta del dott. mirone vincenzo che la riporto con un copia incolla:
La prostatite di categoria IV (prostatiti asintomatiche) devono essere trattate, in quanto sono in grado di interferire con la fertilità del liquido seminale o con la capacità eiaculatoria. In questi casi , una terapia con antibiotici e antinfiammatori può essere d'aiuto.

Per cui la prostatite asintomatica e' in grado di provocare eiaculazione precoce?
cosa ne pensa la letteratura?
poi le riporto un altro articolo scritto da un collega su internet:
Tipo IV – Prostatite asintomatica/iposintomatica: solitamente i pazienti non accusano dolori o disturbi all’apparato urogenitale se non qualche saltuario deficit erettile e ipersensibilità del glande. In questo caso la prostatite può essere diagnosticata soltanto tramite accurati esami.
E' possibile he una prostatite asintomatica rei dei deficit erettili occasionali?
scusi se la tormento ma vorrei una riposta più' possibile corretta. non ci capisco più nulla
[#13] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Gentile signore, la prostatite cronica di IV tipo è una prostatite che si può diagnosticare solo con l'esame istologico (biopsia prostatica). In pratica non vi sono segni o sintomi se non cellule infiammatorie nel tessuto prostatico. La cosa non la riguarda (Lei ha una prostatite batterica (tipo II). La prostatite infiammatoria asintomatica può comportare una ovvia riduzione del volume dell'eiaculato e interferire con la fertitlità o giustificare qualche caso di eiaculazione precoce. Il deficit erettile riportato come disturbo associato è opinabile sia legato all'infiammazione istologica, inoltre le biopsie prostatiche si fanno ad uomini di una certa età in cui vi sono varie regioni per avere una DE. Cordialità
[#14] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
grazie per la risposta,
comunque riguardo all' erezione nelle prostatiti se non ci sono sintomi non ci può essere impotenza?
invece riguardo all' eiaculazione la prostatite può dare eiaculazione precoce anche in assenza di sintomi?
[#15] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Gentile utente, se rilegge attentamente le risposte, vedrà che.. Le ho già risposto. Ancora cordiali saluti
[#16] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
mi può dare l'ultima conferma sui due quesiti poi prometto non la disturberò' più
[#17] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Non mi sento disturbato dalle Sue richieste (ci mancherebbe altro) ma non è reiterando le risposte (scritte e quindi ancora consultabili) che si risolve il Suo problema un pò ossessivo nei confronti di questione di nessuna rilevanza. Ancora distinti saluti
[#18] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
Mi scusi un ultima informazione sulla congestione venosa linfatica e gli squilibri circolatori come causa dii impotenza se ne parla nei congressi o solo su internet. La letteratura cosa dice in merito?
[#19] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Gentile lettore, nei termini riportati da Lei, si tratta di teorie che non hanno un riscontro scientifico, ma il leviatano (la balena bianca) continua ad affiorare inesorabile. Ancora cordiali saluti
[#20] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
Poi non la disturberò piu per cui l unica teoria universalmente riconosciuta tra prostatite e deficit erettile e' legata ai luts. No luts no deficit erettile . Conferma ?
[#21] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
speravo in una sua risposta
[#22] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Caro signore, non è che non voglia rispondere alle domande, ma ritengo di aver già chiarito (e lo ribadisco sperando di fare cosa utile) che senza sintomi di prostatite (o LUTS) non vi è una relazione con disfunzione erettile. Spero sia definitivamente convinto. Cordiali saluti
[#23] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
spettabile dottor conti
ho trovato un articolo di un suo collega che sostiene il contrario.
faccio copia incolla:
pUO ESSERE UNA PROSTATITE ASINTOMATICA SENZA LUTS CAUSA DI DEFICIT ERETTILE?O DEVE ESSERE ACCOMPAGNATA DAI LUTS?" E' più frequente con i LUTS, ma non si può escludere l'evenienza anche in assenza;
-PUO LA PROSTATITE SENZA SINTOMI CAUSARE EIACULAZIONE PRECOCE? Si, ma non frequentemente.
riporto il link:
http://www.medicitalia.it/consulti/Andrologia/327401/Al-dr-pescatori

dove sta la verità'?
grazie per la disponibilità'
[#24] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Gentilissimo, nei consulti di cui Lei acclude i link, i sintomi c'erano e come. Quando c'è bruciore alla punta del pene, o se ci sono batteri ecc, non si tratta di prostatite asintomatica. A latere noto che ho la sensazione che almeno uno dei consulti la riguardasse in prima persona. Mah! Ancora cordialità
[#25] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
spettabile dottor facevo riferimento ai due studi riportati nel linkASSOCIATIONS BETWEEN ASYMPTOMATIC PROSTATITIS AND
ERECTILE DYSFUNCTION IN AGEING MALE
K. Ausmees1,∗, M. Zarkovski 2, G. Timberg 3, P. Korrovits 1, M. Punab1
1 Andrology Centre, Tartu University Hospital, Estonia, 2 Clinic of Surgery, Tartu University Hospital,
Estonia, 3 West-Tallinn Central Hospital, Tallinn, Estonia
E-mail address: kristo.ausmees@kliinikum.ee (K. Ausmees).
Backround: Asymptomatic inflammation as new category of prostatitis is often found
during evaluation of other reproductive and sexual disorders. The aim of this study was
to determine the associations between asymptomatic prostatitis and erectile dysfunction
(ED) in ageing male.
Methods: A total of 132 men (mean age 58.9±6.7 years) undergoing health screening
were investigated for prostate-specific symptoms and sexual function, white blood cells
(WBC) in expressed prostatic secretion (EPS) and post-prostatic massage urine specimen,
total prostate volume, urinary flow rate and for certain organ-specific, hormonal and
biochemical markers. Men with clinical symptoms of prostatitis were excluded. Subjects
were divided into 3 groups: men without leukocytes in EPS (<0.2 x 106 WBC/mL,
group 1), men with moderate (0.2—1 x 106 WBC/mL, group 2) and significant (>1 x 106
WBC/mL, group 3) counts of white blood cells in EPS.
Results: We found statistical difference in International Index of Erectile Function-5
(IIEF-5) score for all investigated groups (p = 0.048). The prevalence of erectile dysfunction
(IIEF-5 score<22) was 72.7%, 73.8% and 85.4% for group 1, 2 and 3, respectively.
The IIEF-5 score showed a positive correlation with maximum flow rate (r = 0.331,
p = <0.001) and a negative correlation with WBC count in EPS (r = -0.24, p = 0.006) and
PSA level in serum (r = -0.225, p = 0.01).
Conclusion: Our preliminary results suggest that asymptomatic prostatitis may be one
of the risk factors for ED and other sexual disorders.
However, the future research should directly define the relationships between
(asymptomatic) prostatitis and erectile dysfunction as well as examine the effect of
treatment in ageing male with prostatitis and sexual problems.
doi:10.1016/j.jomh.2009.08.080
83
E DEL SEGUENTE
Prevalence of asymptomatic inflammatory prostatitis in
ageing male with lower urinary tract symptoms
K. Ausmees1 *, M. Z´ arkovski2, G. Timberg3, P. Korrovits1,
M. Punab1. 1Tartu University Hospital, Andrology Centre, Tartu,
Estonia; 2Tartu University Hospital, Clinic of Surgery, Tartu,
Estonia; 3West-Tallinn Central Hospital, Clinic of Surgery, Tartu,
Estonia
Introduction and Objectives: Asymptomatic inflammation as
new category of prostatitis is often found during evaluation of
other reproductive and prostate disorders. The aim of this study
was to determine the prevalence of asymptomatic prostatitis in
ageing male with lower urinary tract symptoms (LUTS).
Material and Methods: A total of 132 men (mean age 58.9±6.7
years) with LUTS (mean I-PSS 10.4±6.4) were investigated for
white blood count (WBC) in expressed prostatic secretion (EPS)
and post-prostatic massage urine specimen. Subjects with any
clinical symptoms of inflammation were excluded. Total prostate
volume, urinary flow rate and certain organ-specific, hormonal
and biochemical markers were measured as well. Subjectswere divided into 2 groups: men without leukocytes and with
moderate WBC count in EPS (<1×106 WBC/mL, group 1) and
men with significant (>1×106 WBC/mL, group 2) counts of white
blood cells in EPS.
Results: The prevalence of asymptomatic inflammatory
prostatitis according to WHO guidelines (greater than 1×106
WBC/mL) was 29.5% (n = 39). When we used a lower threshold
(greater than 0.2×106 WBC/mL) the prevalence was 61.4%
(n = 81). There was statistically significant difference in PSA
level (p = 0.004) and I-PSS irritative subscore (p = 0.048) for
investigated groups. The WBC in EPS showed a positive
correlation with PSA in serum (r = 0.331, p &#8804; 0.001) and I-PSS
irritative subscore (r = 0.215, p = 0.014) for all investigated men.
Conclusions: Our preliminary results suggest that NIH
category IV prostatitis is quite prevalent in ageing male with
LUTS and may be a risk factor for prostate pathologies

si tratta dello stesso studio?
QUI PARLA DI PROSTATITE ASINTOMATICA, MA PUO' ESSERE CAUSA DI DEFICIT ERETTILE SENZA LUTS?
O SOLO DI LUTS?
LEI CONFERMA CHE SENZA LUTS NON CI PUO' ESSERE RELAZIONE CON DEFICIT ERETTILE?
[#26] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
SPERAVO IN UNA SUA RISPOSTA.
[#27] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
SPERAVO IN UNA SUA RISPOSTA.
MA CERCA DI SFUGGIRE ALLA MIA DOMANDA.
LEI SOSTIENE CHE LA PROSTATITE ASINTOMATICA NON E' CAUSA DI DEFICIT ERETTILE, MA SONO I LUTS CHE CAUSANO IMPOTENZA.
LE RIPORTO CIO CHE HA SCRITTO.
Caro signore, non è che non voglia rispondere alle domande, ma ritengo di aver già chiarito (e lo ribadisco sperando di fare cosa utile) che senza sintomi di prostatite (o LUTS) non vi è una relazione con disfunzione erettile. Spero sia definitivamente convinto. Cordiali saluti
IL SUO COLLEGA SOSTIENE IL CONTRARIO.
http://www.medicitalia.it/consulti/Andrologia/327401/Al-dr-pescatori

DOVE STA LA VERITA?
SPERO VIVAMENTE IN UNA SUA RISPOSTA.