Utente 735XXX
Eta' 63 anni, alt. 1,77, peso 93 kg. Cardiopatico e diabetico tipo 2. Gennaio 2007 infarto miocardico non Q a sede anteriore. Angioplastica percutanea sul ramo discendente anteriore con posizionamento di stent metallico. L'anno successivo riscontro di iperglicemia e diagnosi di diabete mellito. Attualmente HbA1c 6,9. Attuale terapia: cardioaspirina 100 mg 1cp dopo pranzo-Lansox 30mg 1 cp la sera-Crestor 20 mg 1cp la sera-Lopresor 100 mg 1 cp ore 8.00 + 1 cp ore 20.00-Triatec 5 mg 1 cp ore 08.00-Norvasc 5 mg 1 cp la sera-Metforal 500 mg 1 cp dopo i pasti principali. Il quesito riguarda la terapia e in particolare i farmaci antipertensivi in quanto malgrado la quantita' la mia pressione misurata al mattino alle 7 circa e prima di colazione e prima di assumere i medicinali oscilla fra i 130 e i 140 la massima - 80 e 90 la minima. Successivamente la massima torna a livelli accettabili (120 mmHg) ma la minima si mantiene sempre sugli 80 mmHg. Ringrazio sin d'ora per le risposte

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,

l' "effetto alba" della pressione arteriosa (innalzamento nella prime ore del mattino) è probabilmente legato ad un ridotto calo di pressione arteriosa nella ore notturne tipico dei soggetti diabetici, che hanno un non adeguato funzionamento della bilancia simpato-vagale responsabile della regolazione di pressione arteriosa e frequenza.

Un monitoraggio Holter Pressorio delle 24h può confermare questa evenienza ed eventualmente indirizzare i colleghi che La seguono ad un'ottimizzazione della terapia antipertensiva serale.
[#2] dopo  
Utente 735XXX

Iscritto dal 2008
Ne parlero' con il mio medico curante. La ringrazio moltissimo