Utente 174XXX
Salve,
Da un po' di anni ogni primavera soffro di allergia e ogni anno si aggiunge un nuovo sintomo, naso e palato che prudono, starnuti, tosse, occhi che prudono e lacrimano.
Ho fatto proprio oggi le ricerche allergologiche e il risultato è massimo livello di reazione allergica alle graminacee. Il medico in questione mi ha poi prescritto qualcosa per tenerla a bada e poi mi ha anche prescritto il vaccino da fare per 4 anni.
Quello che mi ha lasciata un po' perplessa ed è anche il motivo per cui vi scrivo è che mi ha anche detto che non dovrei avere il cane in casa e non dovrei mai farlo passare dalla camera da letto se voglio stare bene. Premetto che il mio cane è uno yorkshire di piccola taglia e che è tenuto pulitissimo (lavato ogni 15 giorni e spazzolato quotidianamente), non lo porto mai ai giardinetti ma scende solo per fare i bisogni senza mai salire su prati, aiuole o cose simili.
Inoltre la mia allergia è iniziata ben 5 anni fa e il cane è in casa con me da meno di un anno.
Tra le altre cose avevo sentito tempo fa la notizia che chi vive con animali ha meno probabilità di sviluppare allergie, per cui questo divieto mi ha proprio spiazzata.
Potreste chiarirmi le idee su questo punto?
Un ultima cosa: autonomamente negli anni passati ho fatto uso di spray nasali antistaminici in quanto le compresse mi portano troppa sonnolenza e sensazione di nervoso. Ho utilizzato lo spray Reactine che nn ha avuto grandi effetti e ho cambiato poi con spray Rinogutt. Questo medico mi ha detto che il Rinogutt mi brucia le ciglia della'apparato respiratorio e che non devo mai più usarlo. Insomma mi ha messo un bel po' di ansia e confusione nello stesso tempo.
Grazie in anticipo per il tempo che mi dedicherete.
Serena

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
La motivazione di non tenere il cane in camera da letto credo sia per il fatto di evitare un'eventuale sensibilizzazione in futuro nei confronti dei derivati epiteliali del cane. Non credo sia legato alle graminacee da portare in casa bensì ad una nuova allergia.
Ha ragione suo medico , quei medicinali sono da usare solo per brevi periodi. Meglio un antistaminico per bocca e uno spray nasale cortisonico.
Cordiali saluti