Utente 161XXX
Salve,
qualche mese fa ho avuto un episodio strano in auto..mi sono sentito caldo alla parte sx del corpo, tachicardia e paura di un infarto.
Ho fatto visita cardiologica ecg ed ecocardio e tutto ok. Analisi compresi marcatori tumorali e tutto è ok.
Fatto visita neurologica e tutto ok.
Avevo anche parestesie a braccio e mano sx, senso di stretta al braccio e alla gamba sempre sx e ansia, cattiva digestione, colite. Ho fatto massaggi per la cervicale ed un po' di parestesie sono passate. Altre 2 volte panico nel luogo di lavoro tanto da non farcela e farmi venire a prendere.
Il tutto e' passato con Lexotan ma continuo ad avere fastidi alla gamba sx e ogni tanto ansia e mano sx che si arrossa sopratt dopo la tensione del lavoro.
L'ansia piu' spesso dopo aver mangiato.
Cosa puo' essere? Ho paura tanto che mi sono fatto prescrivere rmn encefalo con mdc. La rmn e' riultata negativa a qualsiasi problema ma continuo a sentire debolezza sulle gambe fiacchezza soprattutto sulla sx e difficolta' visiva sull'occhio sx ma ho fatto la visita oculistica ed e' tutto ok.
La notte dormo bene.
Lei cosa mi consiglia?La prossima settimana ho il primo incontro con lo psicologo.
Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi
48% attività
0% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
La prima cosa che mi viene da pensare è che lei faccia un lavoro "scomodo", ossia costretto a torsioni della testa sul tronco e del tronco sulle gambe (ad esempio gli impiegati di banca hanno frequentemente i sintomi che lei illustra perché in genere hanno il viso rivolto allo sportello ma il computer e le casse sono ai lati, sicché per 8 ore al giorno fanno movimenti antifisiologici ed assumono posizioni sbagliate con il risultato di sintomi all'emisoma di un lato o l'altro.
Assicuratosi che non ci sia nulla di grave e stabilito che per gli attacchi di panico sia giusto andare dallo psicologo, le consiglierei almeno due- tre volte la settimana di andare in piscina (rilassamento in acqua e nuoto per scaricare la tensione) o in palestra (stretching e riequilibrio della simmetricità di tono muscolare su entrambi i lati), nonché usare tutte le accortezze posizionali sul luogo di lavoro ed osservare le pause prescritte qualora si faccia uso di computers. Se l'alimentazione è completa bene, altrimenti apporto di vitamine del gruppo B e sali tra i quali il magnesio.

Infine, se tra qualche mese la situazione non è cambiata, farei una RMN del tratto cervicale e lombare.

Cordiali saluti
Dott.Agnesina Pozzi