Utente 209XXX
Egregi Dottori Cerco di essere sintetico.Ho 40 anni sposato da 10 e un figlio di 6.Da circa 10 anni a questa parte ho sempre sofferto di candidosi,almeno cosi' mi e' stata curata che veniva e andava ogni tre/sei mesi.Mi hanno sempre consigliato farmati anti micotici tipo Fungus e/o Elazor o Diflucan per lunghi e brevi periodi sia per me che per la mia partner.Ma l'anno scorso nel mese di giugno ho avuto una reazione mai vista,il mio glande si e' ricoperto di puntini rossi che mi si infuacavano e mi creavano un bruciore e prurito immenso e doloroso.Il medico mi ha consigliato i seguenti esami: Glicemia-nella norma, Hb Glicosilata-nella norma e esame microbiologico con antibiogramma_ed e' stata trovata colonia di enterococcus Faecalis D 100000 ml.Terapia: Elazor cp 100 x 20gg+Soluzione shoum x 1 mese,colifagina s fiale x 10gg,Levoxacin 500 1cp per 3 settimane,detergente Candinet, fermenti lattici.Finita la terapia i puntini rossi ed il prurito spariti, il dolore sparito ed ho passato quasi due mesi in santa pace.Da ottobre, ho dolori e sensazioni di forte bruciore nella zona anale,che si estende sul gluteo destro zona inguinale destra, fianco destro e zona lombare, e spesso sia quando defeco forte bruciore anale e senzazione di eccessiva dilatazione,e comincio ad accusare nuavamente bruciore alla punta del pene e un fastidioso senzo di dolore nella zona perianale.Mi consigliano un esame ECOGRAFICO ALL'ADDOME,RENI,PANCREAS,FEGATO,ECC.. EC..MA SEMBRA TUTTO NELLA NORMA SI EVINCE SOLO UNA LIEVE INGROSAMENTO DELLA PROSTATA.CONSIGLIATA VISITA TRA MESI 6. rRACCOLTI QUESTI ELEMENTI IL MEDICO MI DICE CHE IL DOLORE PUO' NASCERE DA PROBLEMI LOMBARI IN CONSEGUENZA DEL FATTO CHE IO HO IN PASSATO RISCONTRATO PROBREMI ALLE S1,S2,L5,L7.E mi prescrive per questo fastidioso e doloroso bruciore descritto da me sopra solo antiinfiammatori al bisogno.A febbraio di questo anno dopo cura antibiotica per una carie dopo circa 20 giorni mi sono rispuntati i famosi puntini rossi,e sempre il classico bruciore alla punta e alla eiaculazione che non mancano mai.Mi sono rifatto controllare prima da un dermatologo ma dice che non c'e nulla,e dal mio medico mi sono rifatto scrivere la spermiografia che adesso qui la espongo: VOLUME 3,4 ML REAZIONE BASICA PH 7,4 FLUIDIFICAZIONE PRECOCE VISCOSITA' DIMINUITA PSEUDOAGGLUTINAZIONE ASSENTE AGLUTINAZIONE ASSENTE NUMERO NEMASPERMI/ML 42 MILIONI 300 MILA TOTALE NEMASPERMI EIACULATI 143MILIONI 820MILA MOTILITA' DOPO 60 MINUTI 35% MOTILITA' DOPO MOVIMENTI PROGRESSIVI 10% MOTILITA' DOPO 120 DALL'EMISSIONE 25% NEMASPERMI CON ALTERAZIONI MORFOLOGICHE 30% ESAME MICROSCOPICO:QUALCHE LEUCOCITO E RARI CORPI AMILACEI. sPERMIOCOLTURA NEGATIVA. A questo la mia domanda e la seguente:vedendo queste analisi e sentendo un po il mio stato di salute cosa mi consiglia ?Fare visita urologo ,andrologo e/o si tratta di prostatite o cos'altro???Io vivo con il terrore sia di guardarmi il glande ricoperto da puntini rossi piu' o meno accesi e non sempre present

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
difficile dare risposta a situazione "confusetta". Chi ha fatto diagnosi di candidosi? La moglie è mai stata visitata da ginecologo per simili problemi, anche in assenza di sintomi? Avete protetto i rapporti con profilattico, fino a guarigione della sintomatologia accertata da medico specialista?.
Scusi lòe domande ma provi a rispondere. Personalmente in assenza di leucociti significativi starei tranquillo per eventuale prostatite che se c' è è leggera. Una visita con collega è comunque ok.
[#2] dopo  
Utente 209XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la celere risposta.Allora la candidosi mi e' stata diagnosticata dal dermatoloco con visita esclusivamente visiva senza nessun esame e mi ha dato elazor cp.Ma in altri casi antecedenti il mio medico curante mi ha prescritto diflucan per me e per mia moglie.Abbiamo avuto rapporti protetti e mia moglie di recente ha fatto lo striscio ed altri esami ginecologici che adesso non ricordo ma non e' stato riscontrato nulla di anormale.La mia domanda adesso e' la seguente: la visita la devo effettuare da UN ANDROLOGO O UROLOGO? LA SPERMIOGRAFIA COME LE SEMBRA ?SIGNIFICATIVA DI ATTENZIONI TERAPEUTICHE NON DAL PUNTO DI VISTA DI FERTILITA' PERCHE' ABBIAMO GIA DATO, MA DAL PUNTO DI VISTA DEL BUONO STATO DELLA PROSTATA E DEL LIQUIDO SEMINALE.Grazie per il servizio che prestate.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Appunto lo spermiogramma mi sembra ok, le cose sono state fatte cotrrettamente. Personalmente sentirei allora andrologo. Che magari una occhiata alla prostata è di rigore. Tranquillo fin qua le cose sono state fatte bene.