Utente 246XXX
salve dottore,le faccio un breve riepilogo di tutta la mia situazione.Maggio 2011 ho una crisi di tachicardia prevenuta da una sensazione di svenimento e calore in tutto il corpo dopo avere assunto una dose minima di cocaina era la 3 volta nella mia vita che la inalavo.Dopo altri attacchi di tachicardia decido di dire tutto a mia madre e inizio a fare tutti gli accertamenti possibili, tutti gli esami del sangue,svariati elettrocardio grammi ,risonanza magnetica alla testa ecc..premetto che per la paura smetto subito di fumare bere alcol anche se non ne ho mai abusato e caffè.Tutti gli esami a posto ,decido di andare dal psicologo che mi fa una terapia a base di xanax e un antidepressivo.Queste crisi mi vengono ma con meno frequenza fino a quando dopo 4 mesi smetto la cura degli ansiolitici,ma a febbraio 2012 riappargono d'improvviso decido di mettere un holter delle 24 ore e mi registra una tachicardia a qrs largo sempre prevunuta da questa senzazione terribile di morte improvvisa quasi svenimento...15 marzo 2012 faccio lo studio elettrofisiologico e mi accorgo che mentre mi stimolano il cuore avverto le stesse sensazioni che avvertivo prima cioè quelle che prevenivano quella fastidiosa tachicardia,lo studio dura quasi 3 ore con un picco di battiti di 258 per minuto mi fanno l'ablazione e mi mandano a casa con solamente la cardioaspirina per 10 giorni.A un mese dall'ablazione dopo avere fatto l'ecocardio che risulta perfetto e il torace anche sto male da morire mi prendono fitte al cuore che mi scatenano la tachicardia e questa sensazione terribile quasi di svenire. che tutto si blocca.A volte mi prende quella sensazione come se stessero stimolando come nello studio f. e sto male dottore ho paura di fare qualsiasi movimento per non far acellerare il cuore no faccio piu sesso da diversi mesi ormai e no che non avrei l'occasione ho solo 25 anni e non so più cosa fare la mia domanda è
è possibile che la cocaina abbia causato dei danni irrevocabili al mio cuore ????
é normale avvertire tutte queste sensazioni dopo aver fatto l'ablazione
in fine mi potreste indicare il mio centro in italia per fare una diagnosi dettagliata???

le sarò grato per tutta la vita non riesco più a vivere ho l'ossessione che io possa morire da un momento all'altro AIUTATEMI

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,

rispondendo in ordine alle sue domande:

1) la normalità degli accertamenti cardiologici praticati dopo la procedura interventistica deve tranquillizzarLa circa la possibilità remota che la riferita occasionale assunzione di cocaina abbia potuto provocarLe danni irreversibili.

2) la sensazione di cardiopalmo è un sintomo riferito da molte persone sottoposte a procedura ablativa, spesso si tratta di tachicardie sinusali ben diverse dalle tachicardie per cui era stata posta indicazione interventistica.

3) Le consiglio di rivolgersi nuovamente al centro presso cui ha effettuato la procedura che sicuramente saprà indirizzarLa verso gli accertamenti diagnostico-strumentali del caso.

4) Se ha smesso di assumere sostanze stupefacenti ed ha iniziato uno stile di vita sano e regolare non ha alcun motivo di temere per la sua vita.
[#2] dopo  
Dr. Luca Ottaviano
20% attività
0% attualità
0% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2012
Sarebbe utile sapere la diagnosi finale dello studio elettrofisiologico e dell'ablaizone per capire di che aritmia stiamo parlando e quale è il centro dove ha eseguito gli esami, prima di poterle dare dei consigli precisi.
Buona giornata.