Utente 414XXX
Salve a tutti egregi dottori. Volevo farmi una domanda riguardo la prevenzione dei tumori, visto il fatto che in questa patologia, molto piu che in altre, prevenire è meglio che curare. Il fatto che il cancro sia una malattia che in poco tempo puo cambiare la vita di una persona e di quelle a loro vicine, fa paura. Sicuramente la medicina sta andando avanti in questa lotta, ma ancora non si è in grado di salvare piu delle persone che sopravvivono. Per questo motivo, volevo chiervi

Visto che, passata una certa età, il rischio della perdita di controllo cellulare è maggiore, sarebbe opportuno fare dei controlli! Ma questi controlli che organi interesserebbero? Quelli che, da un punto di vista statistico, hanno una elevata probabilità? ed inoltre quanto incidono la luce solare e la luce dei lettini abbronzanti sullo sviluppo di un melanoma?
[#1] dopo  
Prof. Filippo Alongi
40% attività
16% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Caro utente,
mi sembra che l'interesse nei confornti della prevenzione verso le patologie tumorali sia importante. Ma trasformare questa cautela in paranoia è esagerato. Leggo la sua età di 23 anni e per questo mi sento di rassicurarla su eventuali patologie neoplastiche da indagare in senso preventivo, al momento. Siccome il tumore nasce dalla concorrenza di fattori genetici con quelli ambientali, è buon senso ridurre l'esposizione a fattori ambientali quali fumo, esposizione a radiazioni ionizzanti, a sostanze chimiche nocive(AMIANTO, ecc)e avere una alimentazione con dieta corretta ed equilibrata(la mediterranea sembrerebbe la migliore..)
Relativamente alle radiazioni solari e affini (UVA,UVB) si consiglia l'esposizione con una protezione tale da poter filtrare il più possibile i raggi ultravioletti. I raggi ultravioletti sono responsabili di lesioni/distorsioni del DNA cellulare e quindi di tutto l'iter che può innescare l'oncogenesi. Pensi che la melanina(causa dell'abbronzatura) è una difesa della pelle all'insulto delle radiazioni ultraviolette. Ma ciò non significa che bisogna scappare dal sole normalmente, ad eccezione delle ore di punta nelle stagioni calde e senza protezione!Il sole infatti sviluppa la fissazione della Vitamina D, essenziale per la calcificazione ossea e la protezione da malattie quali rachitismo e osteoporosi.
[#2] dopo  
Utente 414XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio della veloce e chiara risposta fornitami,Dr.Alongi. So bene che alla mia età il rischio di un tumore è bassissimo. La mia domanda è stata posta in modo errata. Non era riferita ad una possibile insorgenza di un tumore in un individuo di 20 anni, ma in persone adulte dai 45 anni in su. La ringrazio nuovamente!