Utente 247XXX
Salve,
sono un ragazzo di 28 anni e padre di una bambina di 20 mesi.Dalla cartella clinica, di cui ho richiesto una copia, emerge un'incongruenza di gruppi sanguigni ovvero:
la mia ex compagna è A pos (da entrambi genitori A pos);
io sono 0 pos (da entrambi genitori 0 pos);
la bambina risulta essere AB pos.
Nel corso di questi mesi ho consultato diversi siti di medicina e il mio medico di base, che mi hanno indotto a richiedere un accertamento di paternità.
Per avviare tale pratica legale necessito di una relazione medica che esponga in maniera semplice e puramente scientifica, tutte le varie e possibili combinazioni di gruppi sanguigni ed eventuali eccezioni.Vi scrivo per avere un parere medico specialistico più esaudiente e per sapere a chi mi posso rivolgere per la suddetta relazione.
In attesa di Vs risposta porgo distinti saluti.
[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
credo che una relazione per questo scopo possa essere redatta al meglio da un medico legale e la richiesta di accertamento alla quale fa riferimento appare giustificata. In condizioni normali, infatti, un genitore di gruppo 0 non può generare un figlio di gruppo AB.
Per quanto in mia conoscenza, esiste una sola possibile (e rarissima) eccezione, che vedrebbe quel genitore portatore del cosiddetto "fenotipo Bombay". Una spiegazione alternativa potrebbe risiedere nella possibilità di un errore nella refertazione del gruppo (es. scambio di provette).
Se la madre non ha nulla "da nascondere", prima di ricorrere al DNA potreste sottoporvi tutti e tre nuovamente (e più semplicemente) alla determinazione del gruppo sanguigno AB0.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 247XXX

Iscritto dal 2012
Nel ringraziarLa per la cortese ed esaudiente risposta, porgo distinti saluti.