Utente 179XXX
Buongiorno,
a seguito di un 'eco color doppler che ha evidenziato:

sistema profondo

circolo profondo-popliteo bilateralmente pervio e continente

sistema superficiale

destro

Reflusso safeno-femorale (lieve), deviato su vena safena accessoria anteriore tubulare ed incontinente sino al III medio di coscia quindi ramo collaterale varicoso a decorso mediale con rientro su vena grande safena al III distale di coscia e ulteriore reflusso sino al III superiore di gamba e poi ancora varici mediali.
Diametri: crosse 10mm; medio di coscia 7 mm; prossimale di gamba 6 mm
safena esterna continente

sinistro

Esiti di safenectomia interna
Varici recidive posteriori di gamba correlate a reflussi pelvi-perineali deviati inizialmente su varici di ridottissimo calibro mediali di coscia
safena esterna continente.

Viene, indicata come terapia chirurgica, l' infiltrazione di un liquido con la proprietà di irritare le pareti della safena per riportarla alle dimensioni normali. Quindi non una terapia sclerosante ma rigenerativa.

Sarei molto grato se ci fossero delle indicazioni su tale terapia e dove eventualmente potermi rivolgere.

Ringraziando, rimango in attesa di una vostra risposta. Greazie
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Il trattamento che Le è stato proposto NON è una terapia chirurgica e non rientra tra quelli attualmente accreditati dalle Società scientifiche del settore.
La metodica NON impiega schiuma ma una miscela SCLEROSANTE che, per quanto mi è noto, non sarebbe registrata in Italia ed il cui uso non sarebbe pertanto autorizzato.
La possibilità di "rigenerare" strutture venose non è mai stata dimostrata.
Occorrerebbe tuttavia che, come facciamo tutti, Le venissero forniti i dettagli necessari da chi Le ha proposto la procedura, anche mediante un prospetto di attendibile CONSENSO INFORMATO.
[#2] dopo  
Utente 179XXX

Iscritto dal 2010
Ringraziando per la sua risposta, le vorrei chiedere che tipo di percorso intraprendere, visto che il problema è tendenzialmente a peggiorare. Specialmente in estate, quando è molto caldo, ho una pesantezza e dolore che in alcuni casi inibiscono le mie attività.
Posso sperare in una terapia che mi permetta di tenere sotto controllo il problema?
Grato per l'attenzione, rimango in attesa di una sua risposta.
Un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
SEMPRE CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Le possibilità terapeutiche sono varie e diversamente integrabili in relazione ai sintomi lamentati, alle manifestazioni cliniche, alle condizioni ed alla costituzione anatomica del paziente e, non ultime, alle convinzioni ed attitudini dell'Operatore.
A solo titolo esemplificativo Le rappresento che la Sua condizione potrebbe essere trattata applicando una o più delle seguenti opzioni terapeutiche: crossectomia della giunzione safenofemorale, flebectomie sec Mueller, Laser endovascolare, scleroterapia.