Utente 251XXX
Sono un'infermiera e lavoro in ospedale;
dopo un periodo di dolore al braccio dx e al collo (con difficoltà a girare il capo da entrambi i lati e a guardare all'insù), formicolii alla gamba dx e al braccio dx, capogiri ho fatto una visiata dalla fisiatra che mi ha prescritto RMN alla colonna cervicale.

E' risultata la presenza di un'ernia tra C5 C6 con impronta sul sacco durale, anche se la fisiatra ha notato vedendo le immaggini anche protrusione in C6 C7.

Vorrei sapere, se possibile, se per evitare un ingrossamento dell'ernia e in peggioramento della mia sintomatologia, già abbastanza marcata, devo evitare di fare sforzi e di caricare. cosa che nel mio lavoro faccio ogni giorno. Se si, che peso non devo superare? Posso chiedere di eseguire mansioni più leggere per non ledere ulteriormente la colonna cervicale?
Grazie
[#1] dopo  
238312

Cancellato nel 2013
Deve chiedere una visita straordinaria al Medico Competente della sua struttura, portandogli in visione tutti gli esami e le valutazioni fatte. In tale sede il medico potrà specificare delle limitazioni ai compiti che può svolgere sul lavoro.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 251XXX

Iscritto dal 2012
Naturalmente so di dover richiedere una visita dal medico competente, ma basandosi sul referto della RMN, lei saprebbe dirmi il massimo carico che potrei sollevare?
Verrei andare dal medico competente informata, avete delle tabelle a cui riferirvi?
Intanto i miei dolori continuano e sopratutto il braccio dx lo sento debole; continuo a svolgere il mio lavoro stringendo i denti ed evitando di mettermi in malattia per non gravare sui colleghi, devo continuare così?