Utente 128XXX
Buonasera,
sono un uomo di 41 anni, alto 180 cm e peso 73/74 Kg.
Colesterolo 170 Trigliceridi 55 Glicemia 103
Da circa 6 mesi, dopo diverse rilevazioni pressorie alte (140/90 la media borderline) e Test da sforzo che segnalava ipertensione grave (premetto che sono partito da un valore di 170/100 talmente ero agitato), assumo al mattino Nobizide 5/12,5 mezza pastiglia.
La pressione si e' stabilizzata su 110/125 70/80 in tutte le misurazioni.
I battiti sono pero' scesi intorno ai 50/52 (ogni tanto 48), partivo gia' da una base di 60 bpm (dunque non alta).
Il mio cardiologo non ritiene che questo sia un problema, anzi, dice che pochi battiti sono meglio di molti.
Io pero' non sono così convinto che 48/50 bpm "indotti" possano essere "normali".
Inoltre accuso un po' di stanchezza e mi sembra che quando faccio sport mi venga subito il "fiatone".
Ne parlero' senz'altro con il cardiologo, ma nel mentre volevo sentire un Vs illustre consiglio per quel che riguarda i "pochi" battiti.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
E il beta-bloccante presente nel farmaco che bradicardizza. Stia sereno è tutto normale...un caro saluto, Ugo
[#2] dopo  
Utente 128XXX

Iscritto dal 2009
Grazie molte per la sua veloce risposta. Vedro il cardiologo il 20 giugno per vedere come proseguire terapia in estate. Ma e' vero che si puo' diminuire la dose in estate o addirittura sospenderla? Il mio dosaggio dovrebbe gia' essere basso. Inoltre le chiedo un'ultima cosa. Quando 8 mesi fa ho fatto il test massimale da sforzo (che ha confermato ipertensione ) il risultato dava negativo per insufficenza coronarica. Se uno avesse coronopatia il test massimale da sforzo potrebbe essere indicativo?? Lo chiedo perche' ho 41 anni e mi ostino a giocare a calcio ma sempre con maggior fatica, penso che i controlli fatti (anche ecocardio ok) ppossano scongiurare patologie cardiache (purtroppo in famiglia ho avuto il nonno materno prematuramente mancato a 58 anni per infarto).
Ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
In effetti con il caldo estivo spesso la terapia antipertensiva va ridotta, ma solo il suo cardiologo puo' decidere variazioni in tal senso. Il test da sforzo, in particolare se eseguito in assenza di terapia, deve tranquillizzarla sullo stato delle sue coronarie. Cari saluti
[#4] dopo  
Utente 128XXX

Iscritto dal 2009
Si il test e' stato fatto prima di iniziare la terapia anti ipertensione
Grazie per la risposta e buon proseguimento di lavoro.
Cordiali saluti.