Utente 751XXX
Buongiorno
Domenica mi ricovero per un intervento maxillofacciale (cisti mascellare) ieri ho iniziato Seleparina 0.6 avento interrotto il Tiklid. L'ematologo ha consigliato il monitoraggio dei valori piastrinici durante la profilassi per possibile trombocitopenia indotta da eparina, analisi che devo eseguire ogni 3 giorni, ho telefonato al mio medico e...mi ha letteralmente terrorizzato, queste analisi non le posso fare in una struttura ospedaliera perchè solo per la risposta ci va tre giorni e nel frattempo io posso "essere salita in cielo" queste sono le sue parole. Ma...sono così pericolose queste iniezioni? Volevo anche sapere se i piedi e caviglie gonfi, dovute a circolazione e al caldo, possono in qualche modo influire negativamente per l'anestesia totale?, ho davvero un pò di paura, sono mesi che faccio analisi e visite per questa operazione della cisti,non pensavo ci volessero così tante precauzioni Vi ringrazio se mi risponderete,
buona giornata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Buonasera, penso sia il caso di tranquillizzarla, gentile Utente, perchè se è pur vero che a volte si notano NON frequentemente riduzioni delle piastrine circolanti con le eparine a basso peso molecolare, tali condizioni non determinano, nel breve tempo, situazioni di ipopiastrinemia tali da destare preoccupazione. Potrebbe fare un controllo domenica all'ingresso in ospedale o, meglio, con un prelievo al mattino di lunedì prima dell'intervento. Magari segnala al medico di guardia del reparto che in questi giorni non ha effettuato il controllo suggeritole.
Un' alternativa potrebbe essere quella di fare un emocromo in un laboratorio privato, se le garantiscono il risultato in giornata, giusto se vuol sentirsi più tranquilla.
Il dosaggio prescritto mi sembra adeguato vista la situazione di sovrappeso segnalata e comunque indispensabile proprio per quelle caviglie gonfie e gli edemi declivi descritti che potrebbero essere anche (uso il condizionale non potendola visitare), il segno di una insufficienza venosa cronica decisamente peggiorata con il caldo di questi giorni. Motivo per il quale la profilassi antitromboembolica con seleparina va sicuramente effettuata in previsione di un intervento in anestesia totale.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente buona sera, la Seleparina viene comunemente usata nel pre e postoperatorio di svariati interventi ed in pazienti come Lei che assumevano antiaggreganti. Certamenti i valori vanno monitorati ma mi risulta che in casi particolari ci sia il modo di avere le risposte prima: provi a rivolgersi anche all'ematologo che ha prescritto la terapia.
Per quanto riguarda il gonfiore alle caviglie ne parli col suo anestesista quando la visiterà, in via generale non penso che ci siano problemi, ma il mio giudizio è limitato dato che non la posso visitare.
Spero di essere stata esauriente, cordiali saluti ed auguri.
[#3] dopo  
Utente 751XXX

Iscritto dal 2008
Grazie infinite per le risposte così celeri. Ho fatto questa mattina le analisi in una struttura privata, per il momento a pagamento, e le risposte le ho già dal primo pomeriggio, così almeno mi tranquillizzo, poi per le seguenti,vedrò che mi diranno all'ospedale.
Ringrazio ancora per la Vostra preziosa disponibilità