Utente 158XXX
Buongiorno. Mio zio (67 anni) ha effettuato a causa di una aritmia, una cardioversione elettrica circa un mese fa. Da quel momento l'aritmia è scomparsa fino a ieri. Ieri infatti la macchina con cui misura la pressione segnalava nuovamente una aritmia. in attesa di sentire il cardiologo volevo sapere da Voi se possibile, se ciò può vuol dire che la cardioversione non ha avuto effetto nonostante per più di un mese non ha più avuto problemi o se ci possono essere altre cause (in generale naturalmente). La procedura si può eventualmente ripetere?
Ringraziando vi saluto cordialmente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Solitamente ad un paziente che ha subito una cardioversione elettrica (presumo per una fibrillazione atriale) si prescrivono farmaci antia ritmici e anti trommbotici od anticoagulanti
Se la sensazione e' quella di presentare nuovamente l 'artimia e'0 nbecessario che si rivolga al cardiologo che lo ha in cura.
Cordialmente
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio. Prende in effetti tali farmaci. In caso potrebbe rifare la cardioversione?Grazie mille
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Si certo ma l efficacia di una cardiografo ne dipende da molti fattori, quali le dimensioni Dell atrio di sinistra, l funzione ventricolare sinistra, la pressione telediastolica, tutti dati che possono essere ottenuti attraverso un ecocolordoppler cardiaco
Cordialmente
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#4] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2010
Grazie ancora...