Utente 261XXX
Salve, sono Riccardo di Milano. Ho sempre sofferto di ansia da prestazione, adesso con la ricerca di un figlio la cosa si è aggravata...per evitare la solita bevuta e le 40sigarette post cilecca ho deciso di prendere il cialis, miracolosamente la cosa funziona adesso....l'andrologo mi ha detto che non fa male, ma ho paura della dipendenza e della vista(perchè un pò brucia agli occhi)..in compenso ho smesso di fumare..voi che dite? Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo uetnete

il cialis e' un ottimo farmaco che ha pochissimi effeti collaterali e comunque non dovrebbe dare bruciore agli occhi, tuttavia prima di utilizzare dei farmaci e' doverosa una diagnosi che se e, risultata una DE da ansia prestazionale dovrebbe essere accompagnata da un supporto psicosessuologico che certamente l'aitera' ad uscire da questa spirale.Si consulti eventualmente anche con il suo medico per avere un consulto psicologico.


Un cordiale saluto
[#2] dopo  


dal 2012
Grazie dotttore gentilissimo! Seguirò il suo consiglio, anche perchè la mia ansia è molto legata ad una sessualità con fantasie sadomaso-fetish e alla mia voglia di non avere responsabilità.....me lo consiglia un buon psicosessuologo zona Milano? Si può ancora fare qualcosa? Oppure giunto alla soglia dei quaranta anni non c'è più niente da fare, il dado è tratto e l'unica soluzione è la pasticchetta in tasca? Grazie, anche in privato se vuole
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Prego, basta consultare l'elenco in questo forum, dei professionisti che operano nell'ambito psicosessuologico.

Ancora cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Se la valutazione andrologica ha escluso cause organiche e la diagnosi e' deficit erettivo psicogeno, la terapia orale non e' risolutiva, ne' curativa, ma soltanto sintomatica.
L' immaginario erotico, non e' modificabile, ma si puo' fare un lavoro per renderlo meno ingombrante.
Le allego qualche articolo, per approfondimenti, consideri che la sintomatologia erettiva, e' un semaforo rosso davanti al quale fermarsi a riflettere.


http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/106/Dipendenza-psicologica-dalla-terapia-orale-per-il-deficit-erettivo

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1929/Mancanza-d-erezione-il-sintomo-va-sempre-tolto-o-talvolta-mantenuto

http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-problema-coppia-ruolo-partner.html
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni già ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html .

Un cordiale saluto.
[#6] dopo  


dal 2012
Grazie Dr.ssa, l'andrologo aveva escluso cause organiche e il mio deficit, in riferimento agli articoli da Lei cortesemente postati, dovrebbe essere primario e parziale. E' un'ansia anticipatoria del rapporto che mi fa sudare in modo eccessivo, soprattutto da quando siamo alla ricerca di un figlio. Gli immaginari erotici con la mia compagna sono diversi, è un dato di fatto...vorrei rendere meno ingombrante il mio, per ovvi motivi, altrimenti la vera violenza la farei alla mia compagna. Saluti
[#7] dopo  


dal 2012
Grazie Dottore! Molto gentile, avrei dovuto iniziare gia da prima ad avere un supporto psicosessuologico, il tempo è passato e ho vissuto un pò alla giornata. In Italia non è facile, di questi problemi se ne parla poco, costa troppo e ci sono troppi "preti-dottori" di mezzo. Per adesso vado avanti cosi, con mezza pasticchetta, con la mia fantasia e con l'ironia in caso di cilecca. Aspettando tempi migliori e qualche dottore non di CL. Grazie Saluti
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
In questi casi è sempre importante trovare riferimenti tecnici e culturali condivisibili con il proprio terapeuta.

Cordiali saluti.