Utente 267XXX
Salve a tutti gentili dottori
il motivo che mi spinge a scrivere in questo forum è la disperazione e lo sconforto di non riuscire a risolvere una situazione che è diventata alquanto scomoda e fastidiosa.
Bene è da circa 8 9 mesi che ho dei disturbi al pene...fuoriusciva involontariamente liquido preseminale e mi macchiavo le mutande inoltre avvertivo uno stato di secchezza e dolenza per tutto il pene(adesso peraltro sentro bruciore dentro il pene se mi tocco e provo a stringere lievemente il prepuzio,bruciore che percepisco anche all estremita del prepuzio ovvero poco prima del glande....dolore che si acquisce se ho l erezione) con grandi difficolta ad avere un erezione.
Detto questo da dicembre ad oggi ho girato 4 specialisti.....i quali quasi comunemente d'accordo mi diagnosticano una prostatite....bene porto avanti per molto tempo la terapie consigliatami dai primi 3 specialisti ovvero assunzione di antibiotici per via orale ovvero per i mesi a seguire alterno prima PERMIXON&CIPROXIN(1dottore)poi LEVOXARCIN&TOAPSTERsupposte(2dot) per poi finire con solo IDIPROST(3dot).Ebbene i risulati conseguiti con tali terapie sono stati scarsiper non dire nulli...Mi reco dall ultimo specialista a Firenze a Maggio mi richiede spermiogramma e test di meares.esami poi risultsti entrambi negativi...cosicche nn trovando infezioni mi assegna REDENSTOP x 3mesi(con molte mie perplessità) non una medicina ma un integratore che usano le ragazze in gravidanza..
Ebbene arrivato a settembre anche con questo ennesimo integratore non ho risolto nulla e contattando l ultimo specialista , avendo ribadito l esito negativo anche di quest ultima terapia mi suggerisce di rifare i test di meares e spermiogramma e vivere nella speranza che prima o poi rifacendoli sempre mi trovino un infezione.
Ecco questa risposta ha generato in me davvero molto sconforto e un po di delusione..in quanto pur essendo un professore affermato non mi ha saputo proporre una valida alternativa.
Ora sinceramente vorrei fare un altro passo pero non saprei proprio a chi rivolgermi un po mi sento frustato un po perche forse nessuno ha capito quello che realmente ho e anche perche alla mia giovane eta questo problema è davvero molto fastidioso nonche doloroso avendo fastidio all interno del pene e all estremita..il cio mi porta ad avere naturalmente difficoltose e urticanti erezioni.
Ecco data la persistenza del fenomeno mi sto davvero preoccupando perciò chiedo magari un parere a voi di medici italia su quale sia il miglior specialista guaritore di prostatiti sul territorio nazionale....

Aspettando un vostro riscontro cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Caro utente non tutte le prostatite presentano batteri, la terapia antibiotica viene data anche per il potere che il medicinale ha come antinfiammatorio. L ideale per guarire bene una prostatite è capirne la causa ed agire su di essa
[#2] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2012
gentile dottore la causa della prostatite non me l ha saputa spiegare nessuno degli specialisti da me consultati inoltre le terapie che mi hanno assegnato sono risultate del tutto invane
[#3] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2012
ma allora come si capisce la causa?
[#4] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Purtroppo non sempre érfacile , ma va capita tramite la visita e l anamnesi
[#5] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2012
grazie per la esauriente risposta dottore anche se non capisco perche dopo 4 visite don conseguenti anamnesi di 4 specialisti diversi nessuno ha saputo identificare questo male che persiste.....
[#6] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Capisco il suo disappunto ma da questa sede non é possibile fare una diagnosi più precisa