Utente 252XXX
buongiorno,riassumo la mia situazione:
Maggio 2012:incomincio ad avvertire problemi al pene,come dolori alla base e nella parte sotto.Dei dolori simili a spasmi,minore sensibilità all'asta e sempre all asta sensazione di fastidio al tatto.Dopo varie visite,ed ecografie mi viene diagnosticata una tromboflebite leggera che col tempo passerà.Inoltre viene escluso problemi alla prostata ma mi viene diagnosticata una pubalgia.
Agosto 2012:Dato che dopo 3 mesi non era cambiato molto,dopo ulteriori visite ed ecografie,si nota che la vena è ancora chiusa,e incomincio una cura.3 volte al giorno di hirudoid 4000 ed astinenza.
Settembre 2012:Dopo circa un mese,faccio un altra ecografia e la vena sembra aperta,il trombo sparito,quindi mi scaglionano la cura fino a smetterla a fine mese.
Ottobbre 2012:Ho preferito continuare per precauzione sia l'astinenza che la cura,di hirudoid una volta al giorno,ancora fino ai primi 10 giorni di ottobbre.Anche perchè dopo tutto quello passato nei mesi successivi,psicologicamente avevo paura .Dopo una settimana di ripresa dell'attività sessuale,prima in modo piu' leggero poi piu' intenso,ho notato ancora dei fastiti.Innanzitutto il pene in erezione mi sembra piu' duro o meglio eccessivamente rigido,cosa che noto perchè uno mi sembra piu' pesante e a volte è cosi' rigido da darmi un po' fastidio.Inoltre all'asta mi sembra di percepire minore sensibilità.Sempre in erezione mi dà ancora fastidi e sembra piu spostato ovvero che penda un po' a destra,ma non sempre.Ma la cosa che meno mi piace è il post,ovvero dopo aver avuto rapporti,lo sento dolorante.Ora vorrei chiedere è normale?Ho chiamato il mio medico è m'ha detto di non preoccuparmi,però io un po' incomincio.Questa cosa sembra non passare piu'.Puo' essere legato alla pubalgia?O prostata,anche se m'era stato escluso mesi fa'.Inoltre ho notato 2 giorni fa un 3/4 puntini rossi/neri sullo scroto.
grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

dal suo racconto sembrerebbe trattarsi di un interessamento dei tessuti penieni che andrebbero valutati attraverso una ecografia dinamica, infatti solo con tale diagnostica è possibile valutare l'interessamento dei tessuti penieni in erezione, eventualmente ne parli al suo medico oppure senta direttamente lo specialista.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 252XXX

Iscritto dal 2012
grazie della pronta risposta,posso sapere cosa vuol dire interessamento dei tessuti penieni?fratture o altro?io in questi mesi ho fatto diverse ecografie al pene,se ci fosse stato qualcosa di "serio" si sarebbe visto o si vede soltanto con quella dinamica?La cosa strana è che alcune volte l'erezione è perfetta,altre volte deludente,quindi non saprei veramente che pensare.
Inoltre ho notato che il problema lo percepisco nella base,ma è molto interessata anche la zona attorno,ovvero i muscoli del pube,quindi forse un interessamento della pubalgia potrebbe esserci.
grazie
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
tutto "potrebbe starci" ma per fare una diagnosi serve escludere l'interessamento dell'albuginea, del setto e dei corpi cavernosi del pene che attraverso una ecografia dinamica è possibile valutare.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

dia retta al collega Maretti, in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la reale causa del suo problema e dare quindi una indicazione precisa su quali passi successivi fare a livello diagnostico e terapeutico .


Bisogna, a questo punto, riconsultare il suo medico di fiducia e poi a ruota, in diretta anche un esperto andrologo.

fatto il tutto poi ci riaggiorni.

Cordiali saluti.