Utente 274XXX
Gentili Dottori,
In data 04/09 mi sono recato in pronto soccorso a seguito di fitte molto dolorose comparse improvvisamente in zona inguinale a contatto con il testicolo sinistro (didimo). Mi é stata fatta una ecografia testicolare con doppler al testicolo sinistro dove si esclude la torsione del funicolo e si evidenzia una epididimite. Come terapia ho preso per 10gg levofoloxacina 500mg, ho fatto impacchi con acqua borica ed ho iniziato ad usare il sospensorio scrotale. Dopo questo periodo di antibiotici, il dolore é scomparso. Ho comunque eseguito una visita da un andròlogo a fine settembre che ha ripetuto subito l'ecografia scrotale+ecocolordoppler il cui esito dice: didimi regolari per dimensioni, morfologia ed ecostruttura, epididimi regolari, ecstasia del plesso pampiniforme sinistro con reflusso moderato all'ecocolordoppler in clinostatismo; all'indagine in ortostatismo si evidenzia un reflusso molto marcato a sinistra compatibile con varicocele voluminoso ed un reflusso moderato a destra compatibile con varicocele moderato. Non evidenza di idrocele bilateralmente. Quindi l'andrologo decide per l'intervento per eliminare a sinistra il varicocele (fissato per il 5 novembre). Nel frattempo mi prescrive altri esami, ecografia dell'addome completo (tutto perfetto), spermiogramma (43 milioni/ml, 55% mobili), spermiocultura (negativa), FSH 3,4, LH 3,6, testosterone 5,27.
Fin qui tutto ok, ero "pronto" per essere operato...se non che negli ultimi giorni sono ricomparsi sia a destra sia a sinistra, i dolori molto intensi che mi avevano portato in pronto soccorso (zona epididimo), soprattutto a destra. Nell'attesa di rivedere l'andrologo per comunicare questo "imprevisto",il medico di base mi prescrive nuovamente l'antibiotico come fatto in pronto soccorso quasi due mesi fa.
Mi chiedevo se fosse normale la ricomparsa di questo dolore molto forte e continuo e pure a destra...
Sono molto preoccupato e devo ammettere che non me la sento di venire operato fra 10gg x il discorso varicocele...(spero domani o al massimo venerdì di riuscire a farmi visitare dell'andrologo).
Aggiungo che da agosto ho avuto diversi problemi ai denti (infezioni e ho tolto da poco un molare) curate con augmentin per 5gg per 3 volte (praticamente una volta al mese) che mi hanno causato (forse ma probabile a detta del dermatologo) una dermatite al glande (macchie rosse e screpolamento pelle) che ho curato con gentalin e travocort x ben due volte (guarda caso entrambe le volte pochi giorni dopo la fine del ciclo con augmentin).
Ho 33 anni ed in passato non ho mai avuto particolari problemi di salute, quindi ora mi trovo davvero preoccupato ed in ansia.
Come lavoro faccio da 10 anni il rappresentante (pochi km e nessuno sforzo fisico).
Scusandomi per il lungo post, spero di ricevere un Vostro parere.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
pare evidente che i disturbi accusati dipendano da una prostatite da cui facilemnte si può ricadere e che va curata con più cicli terapeutici oltre a consigli di vita e alimentari ma ciò non esclude che come reperto accessorio esista anche un varicocele.
Ora considerata la sua età , sicuramente avanzata come danni reversibili eventualmente prodotti dall'aumento di temperatura ( il suo spermiogramma cmq è nei limiti) se non vi è un problema di infertilità( non ci dice se ha figli) posporrei la terapia per il varicocele certamente più avanti dopo che è venuto a capo della prostatite.
Sia chiaro qs è solo un mio parere non fondato su una visita ma da quello che viene riferito mentre il suo urologo ha la possibilità di visitarlo.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
Grazie dottore per la sua immediata risposta.
Comunque non ho figli, a dire il vero neppure la fidanzata da un anno, quindi niente rapporti sessuali a parte una breve avventura questa estate.
A suo avviso comunque puo essere un problema totalmente risolvibile?
Che altri esami dovrei sostenere?
Sono molto in ansia affinché l'andrologo che mi segue non riesce a rivisitarmi...
[#3] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Abbia pazienza e aspetti una visita reale;rischia di fare confusione,e aumentare l'ansia.
Se vuole ci ragguagli.
Cordialmente
[#4] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dottore,
Oggi l'andròlogo che mi segue mi ha prontamente visto e ho esposto bene i sintomi da me descritti nel post iniziale.
Per i prossimi giorni devo prendere l'antibiotico levofoloxacina e martedì siamo d'accordo di risentirci per fare il punto della situazione in vista dell'intervento fissato per lunedì 5 novembre.
Anche oggi al suo esame dei testicoli, mi ha nuovamente confermato del mio varicocele molto marcato a sinistra e sicuramente marcato a destra (come tra l altro da ecografia), che a suo avviso può influire decisamente sui sintomi da me riportati.
Devo sicuramente fidarmi di lui, nel nord est é l'andrologo che ha fatto più operazioni quest'anno !
Continua a rassicurarmi anche se ho molta paura dati i forti dolori (che comunque variano di intensità durante la giornata) nella zona sia destra sia sinistra dell'epididimo associata a fastidi ai testicoli, soprattutto sinistro (senso di pesantezza/gonfiore/dolore), questi ultimi comunque "costanti" da almeno un mese abbondante (praticamente da quando sono andato in pronto soccorso).
[#5] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Certamente segua le indicazioni del collega che lo ha potuto visitare.
D'altra parte è disponibile e vuole risentirlo a breve.
Cordialmente
[#6] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
Grazie, certamente.
Spero si risolva tutto nel migliori dei modi, questo problema é veramente snervante...
Aggiornerò molto volentieri questo post.
Tra l'altro colgo l'occasione per fare i complimenti al sito, molto utile per chi molti dubbi su molti argomenti...e non da meno ringraziare chi interviene prontamente come ha fatto Lei.
Grazie ancora e buona serata.
[#7] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
gentile dottore, ahimè oggi sono dovuto andare in pronto soccorso in quanto i dolori inguinali (e non solo) non danno tregua.
è stato proprio il mio andrologo che mi segue a consigliarmi di andare in pronto soccorso in quanto lui ha già fatto tutti gli esami che poteva fare.
in pronto soccorso mi ha visitato un urologo e sostanzialmente ha confermato quanto mi diceva lei, per i prossimi giorni devo prendere delle supposte (topster) per cercare di sfiammare un pò la zona prostatica.
negli ultimi giorni ho notato che urino molto di più (soprattutto la notte, anche 4 volte anzichè le "solite" 2) e il problema dei dolori inguinali (nonchè fastidio nella parte sotto i testicoli che va all'ano) si manifestano soprattutto da seduto/guidando...
credo a questo che posticiperò l'intervento di correzione del varicocele previsto per lunedi prossimo, devo sentire l'andrologo come accordi dopo essere andato in pronto soccorso.
[#8] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Penso che la sua decisione sia condivisibile.MI tenga aggiornato dopo il controllo urologico.
Cordialmente
[#9] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dottore, leggendo sul forum altri casi abbastanza simili, mi é venuto un forte dubbio: dato che da un mese mi é stato tolto un molare e quindi ora sono senza un dente, e visto che da quando ho tolto questo dente ho avuto diversi problemi in bocca (di malaocclusione a detta del dentista), non é che mettendo un byte tanti problemi scomparirebbero? ( non parlo di varicocele ma dei dolori inguinali sorti negli ultimi 10gg).
Dagli esami del sangue effettuati oggi mi hanno escluso infezioni e infiammazioni, sono nella norma tutti i valori di: eritrociti, emoglobina, mcv, ematocrito, mch, mchc, piastrine, leucociti, cloro, potassio, sodio, glucosio, urea, creatinina, proteina c reattiva.
A detta del medico, la mia potrebbe essere anche una pubalgia causata da malaocclusione.
Ricordo che in passato ho già avuto problemi di malaocclusione che mi avevano comportato problemi ai piedi (praticamente con l uso del byte e un plantario scomparvero i problemi di dolori ad un piede)
Ah scusi, dimenticavo di precisare che i dolori sono inguinali da 10gg a questa parte, non in zona epididimo, mi sono accorto ora Dell errore rileggendo il vecchio post.
[#10] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Rimango delle mie conclusioni e dei suggerimenti prima esposti.Non riesco a trovare correlazione tra quanto da Lei ora esposto e i suoi sintomi.
Cordialmente
[#11] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
Ammetto che sono in stato molto confusionale in quanto ogni dottore me ne dice una di diversa!
Settimana prossima visita da un primario di urologia più quello di terapia antalgica.
Oltre che il dentista x il controllo di routine dopo aver tolto il dente un mese fa.
Vedremo bene !
La ringrazio nuovamente per le pronte risposte che mi da...
Aggiornerô il post molto volentieri.
Buona serata
[#12] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
Caro dottore,
Scusi se la stresso ancora ma con il passare dei giorni il problema lo sto "inquadrando" meglio.
Sostanzialmente quando sono a riposo totale a letto i dolori inguinali calano moltissimo, quando invece sto in piedi (ad esempio cammino un po' ) o seduto tipo davanti al pc oppure guidando (diciamo dopo almeno una mezz'ora ), "misteriosamente" subentra il dolore (nella zona inguinale destra veramente forte, sembra di avere degli slip strettissimi, mentre nella zona inguinale sinistra è decisamente minore e di molto) continuo senza tregua, unito pure a un leggero bruciore/fastidio ai testicoli (che comunque ho anche in maniera minore quando sono sdraiato a letto).
Come dicevo martedì ho la visita con il professore primario di urologia.
Resto comunque molto preoccupato e ansioso...
[#13] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Ci aggiorni se lo desidera.
[#14] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
Caro dottore, purtroppo nessun miglioramento on gli antibiotici (Ciproxin).
Mi é diventato impossibile guidare, i dolori inguinali compaiono dolorosissimi praticamente subito, al 90% a destra e molto meno a sinistra.
Se sto seduto al pc, a tavola o sul divano, devo mettermi con le gambe molto distese x sentire molto meno il dolore.
Se sto disteso a letto, un po' meglio, i dolori non compaiono intensamente come guidando.
In piedi meglio ancora, forse é l unico modo x avere sollievo.
La mia idea é che ci sia qualcosa a livello osseo che, in determinate posizioni, causa questi dolori che diventano davvero insopportabili.
Leggendo in rete, "purtroppo" mi sono imbattuto nel conflitto femoro acetabolare, e i sintomi/movimenti del dolore combaciano alla grande. Spero di sbagliare.
Domani l'urologo che mi ha visitato vuole vedermi per fare una ecografia competa dell'addome x escludere altre cose, poi spero mi indirizzi eventualmente verso non so chi per approfondire questa problematica che mi sta mettendo otre he agitazione pure paura.
Spero mi facciano fare subito dei raggi o risonanza per escludere cose " importanti".
[#15] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Vedra' che si risoolvera' con antiflogistici e abitudini di vita.
Non e ' un problema irresolvibile
[#16] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
caro dottore, aggiorno dopo circa 20 giorni la situazione.....
nuova ecografia dell'addome completamente negativa, risonanza lombo sacrale e delle anche totalmente negativa......
ho fatto cura con ciproxin per 12gg ed urinocultura (da ritirare mercoledi), l'unica cosa che è migliorata leggermente è che ora riesco un pò a guidare, ma i dolori inguinali a destra (che spesso si avvicinano al testicolo destro) non ne vogliono sapere di scomparire, ho solo QUALCHE VOLTA un pò di sollievo stando in piedi.
la cura con ciproxin sicuramente mi ha migliorato il fatto che urinavo molto (ora diminuito di molto il nr di volte), mi è scomparso quasi totalmente il dolore che avevo in zona fra testicoli ed ano, e non ho più molto il senso di dolore pesantezza che ogni tanto mi compariva ad entrambi i testicoli, inoltre sento molto ma molto meno bruciore dopo aver urinato o eiaculato.
insomma, la cura con ciproxin fatta 12gg mi ha migliorato ad un buon 70% il problema generale, ad ECCEZIONE di quello che ritengo il problema principale, ovvero il dolore ingiunale, quello non da tregua ahimè.
e sto rischiando seriamente di perdere il posto di lavoro, lunedi dovrei tornare anche se so già come andrà (faccio il rappresentante quindi guidando è un bel problema).
ho iniziato ieri anche un ciclo di terapia antalgica consistente in agopuntura ed una infiltrazione in zona inguinale, spero serva........
[#17] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Bene ,sembrebbe che sia sulla strada buona ,considerato anche che una prostatite non recede con un unico ciclo di terapia.
Comunque bisogna essere certi di conoscere il motivo del suo dolore inguinale prima di intraprendere terapie, di conseguenza spero che la scelta dell'agopuntura sia stata presa dal suo urologo e non sentendo qua e là.
E' stata cmq esclusa una ernia ing dx ?
Deve fare riferimento al suo urologo che l'ha potuta e la può visitare.
Cordialmente
[#18] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
grazie della risposta dottore.
l'ernia inguinale destra è stata esclusa dall'andrologo prima, poi dall'urologo ed infine dal chirurgo che mi aveva visitato in pronto soccorso.
ho fatto due volte l'ecografia dei testicoli e due volte l'ecografia dell'addome, quindi penso si sarebbe vista , o mi sbaglio ???
domani pomeriggio avrei la possibilità di rivedere l'urologo che mi segue, quindi prima di avere l'esito dell'urinocultura, e gli spiegherò dei miglioramenti.
l'agopuntura mi è stata consigliata in pronto soccorso l'ultima volta che ci sono stato e che mi aveva visto (visto per modo di dire.....) il chirurgo che alla palpazione mi aveva escluso l'ernia.
cmq non sapevo proprio che un solo ciclo di terapia di 12gg con ciproxin potesse non bastare! è proprio vero che qui si trovano più informazioni che non quelle che mi dice il dottore che mi ha di fronte a quattr occhi.
magari se faccio un altro ciclo di due settimane il dolore inguinale scompare totalmente, all'inizio della cura non riuscivo neppure a guidare l'auto per 5/10 km per via del dolore che compariva in zona inguinale.......ora lo stesso dolore lo sento dopo magari mezz'ora se non di più che sono seduto in auto. (premetto che nei primi 7/8 gg di cura con ciproxin non ho guidato e sono sempre stato a totale riposo).

dato che è molto gentile dottore nelle risposte, e addiritura da Lei ho più "soddisfazione" che non nel lasciare 150 euro per una visita privata in qualche ambulatorio, le volevo fare due domande:
1) ci sono casi di prostatite che magari colpiscono maggiormente la zona inguinale come la mia (80% a destra, 20% a sinistra) con fitte cosi dolorose guidando (o cmq stando seduto a lungo)
2) quali altri esami potrei fare per vedere se c'è un'ernia inguinale ? (dopo aver fatto ecografia dell'addome e dei testicoli 2 volte l'una)

la ringrazio davvero molto !
[#19] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
1-Tra le zone di irradiuazione del fastidio/dolore prostatico vi è anche la reg inguinale.
2-Una punta di ernia è evidenziabile soprattutto nel corso di una visita.
Ritengo ottima l'idea di ritornare dal suo urologo
Cordialmente
[#20] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera dottore,la visita dall urologo questa volta mi ha davvero "rattristato", nel senso che l urologo mi ha detto che i sintomi della prostatite non li ho più...è mi ha liquidato così.
Il dolore inguinale, soprattutto destro, non ne vuole sapere di scomparire quando guido o sto cmq seduto per più di mezz'ora/un'ora.
Che tristezza....
Mi è stato consigliato di andare in piscina, quindi mi sono rivolto pure ad un centro fisiatrico con piscina appunto, e qui mi hanno pure consigliato di fare ginnastica posturale in quanto il dolore inguinale potrebbe dipendere dai muscoli della fossa iliaca....
Che strano questo problema infinito.....pensi che talvolta il dolore prende anche l interno coscia, soprattutto quando il,dolore inguinale é forte (seduto da molto).
Non so più che fare, la cosa é sempre più invalidante e rischio sempre di più di perdere il,posto di lavoro.