Utente 276XXX
Salve
E' da qualche anno che soffro di trombosi emorroidarie, l'ultima l'ho avuta 7 mesi fa' e si e' risolta nell'arco di 10 giorni con applicazione di crema recto-reparil e daflon 500 per circa un mese, in questo momento sto' lavorando imbarcato su una nave da crociera in Australia e sbarchero' il 13 Gennai0 2013 , 7 giorni fa' mi e' venuto fuori un "cicciolo" esterno sul lato Sn dell'ano che io ho cercato di rimettermi dentro, ho iniziato subito la cura con daflon 500 , 6 pasticche 2 volte al giorno e una bustina di flebinec alla sera dopo cena + pomata recto-reparil 3 volte il giorno e mantengo le feci morbide con bustine di fibre, ad oggi niente e' cambiato e ho tutta la parte Sn dell'ano prolassata, quindi invece di migliorare come di solito accadeva , la situazione e' peggiorata, il medico di bordo mi ha preso domani ad Adelaide l'appuntamento da un proctologo e mi ha detto che probabilmente me lo incidera' per drenare il trombo, ho letto sul sito che l'incisione va' praticata nelel prime 48 ore e visto che nel mio caso sono gia' passati 8 giorni vorrei chiedervi se pensate sia la soluzione giusta nel mio caso, il Dott.re di bordo che e' un medico generico mi ha detto di provare a rimetterle dentro cosa che ieri sera ho provato ma questo cicciolo e' grande come una noce quindi non e' facile rimetterlo dentro e quando ci sta' dopo poco esce, e' meglio che lo lascio fuori e non lo stuzzico piu' di tanto?al mattino quando mi sveglio e' rientrato quasi tutto, solo una piccola pallina rimane fuori, ma poi dopo la defecazione e durante il giorno quando cammino e salgo le scale riesce e si gonfia fino a diventare grosso come una noce, bastera' l'incisone oppure e' arrivato il momento di operare?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Credo sia utile la visita proctologica. Sarà lo specialista a decidere la terapia più opportuna avendo la possibilità di valutare direttamente la situazione emorroidiria.

Auguroni

[#2] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012

Grazie Dottore per la risposta, stamani ho la visita dal proctologo, le faro' sapere.Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Molto bene, mi aggiorni.

[#4] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Salve Dottore
Sono molto deluso dalla visita proctologica, quello dove mi hanno portato non era neanche un proctologo ma un medico generico il quale quando gli ho detto che stavo prendendo daflon 500 e flebinec non sapeva neanche cosa erano, gli ho detto di guardare in internet il principio attivo cioe' la "diosmina" e ha detto che secondo lui non aiuta a molto...qui queste medicine non le vendono neanche,insomma mi sembrava di parlare con uno venuto dall'altro mondo...per fargliela breve mi ha diagnosticato emorroidi esterne prolassate ma non trombizzate e mi ha prescritto la pomata "RECTOGESIC" alla trinitroglicerina da mettere per 3 volte il giorno per 10 giorni, se non rientrano neanche cosi' allora devo vedere un chirurgo, a sto' punto mi dia una mano lei ,perche' io qui non mi fido piu' di nessuno, se ricordo bene la pomata rectogesic e' per le ragadi e non per far rientrare le emorroidi prolassate, quindi mi dica lei,la devo usare oppure no? il dolore oggi era un po' meno, i 2 ciccioli sono sempre fuori ma al tatto mi sembrano piu' morbidi, ad oggi sono passati 8 giorni dall'inizio della crisi, forse ora la crisi intensa e' finita e devo solo aspetatre con pazienza che rientrano?quanto tempo ci vorra'? un'altra cosa importante che volevo chiderle, il Dott.re di bordo mi ha detto di provare a rimetterli dentro con delicatezza ma io penso che piu' li stuzzico e piu' si infiammano, forse e' meglio che li lascio fuori e aspettare che si riassorbano da soli?tanto dentro non ci stanno anche perche' sono troppo grossi, posso continuare la cura iniziale daflon 500 6 volte il giorno + 1 bustina di flebinec + 2 bustine di fibre per mantenere la feci morbide + pomata recto-reparil 3 volte al giorno?
[#5] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008

>> posso continuare la cura iniziale daflon 500 6 volte il giorno + 1 bustina di flebinec + 2 bustine di fibre per mantenere la feci morbide + pomata recto-reparil 3 volte al giorno? <<

Concordo con tale terapia. Esegua inoltre lavaggio delle emorroidi con acqua tiepida e le asciugi, dopo la defecazione, con la carta igienica bagnata. Assuma a sufficienza liquidi per ammorbidire le feci.

Auguroni

[#6] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Salve Dott.re
E grazie per la veloce risposta, la apprezzo molto, il rectogesic non lo mettero' piu' perche' come ben mi ricordavo e' per le ragadi e non per le emorroidi, in quanto tempo piu' o meno secondo la sua esperienza dovrebbero rientrare?e' una questione di giorni, settimane o mesi? al mattino sono parecchio sgonfie anche se non del tutto rientrate ma poi durante il giorno camminando e facendo le scale arrivo alla sera che sono grosse come una noce...il 22 Novembre ho un altro appuntamento con il proctologo a Sydney , questa volta speriamo che mi mandano da un proctologo vero..in caso di intervento chirurgico che tecnica mi consiglia? ho una tremenda paura che alla fine mi dovranno operare qua in Australia perche' 40 ore di viaggio in queste condizioni non me le posso fare....la ringrazio in anticipo
[#7] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Il lavoro certamente non l'aiuta... Non è detto che debba essere operato e ad ogni modo sarà il proctologo a dare indicazioni sulla tipologia dell'intervento in base alle dimensioni delle emorroidi (prolasso).

Saluti

[#8] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Salve Dottore e grazie per la risposta, ho mandato la foto della mia situazione al mio proctologo di fiducia,chiedendo se secondo il suo parere la situazione era grave a tal punto da sbarcare e tornare in Italia per farmi operare , lui ha risposto che la situazione non e' grave e che ho una trombosi emorroidaria e che per l'intervento bisogna aspettare che passi la crisi quindi non prima dell'anno nuovo....mi puo' spiegare perche' bisogna aspettare che passi la crisi?e non si possono operare subito? comunque mi ha ridato la solita cura dicendo che se il dolore diventa allucinante me le devo far incidere....considerando che domani finisco il daflon e che non lo vendono in Australia pensa che la situazione potrebbe peggiorare? ho comprato delle pasticche che qui chiamano "venotrex" sono all'estratto di ippocastano speriamo che siano almeno simili al daflon e perfavore mi dica,quanti giorni ancora secondo la sua esperienza dovro' soffrire prima che il dolore finisca? a me non importa che stanno fuori , l'unica cosa che voglio e' che il dolore sparisca o almeno diminuisca !!!! sono gia' passati 11 giorni dall'inizio della crisi e non posso andare avanti a ibuprofene 800 mattina e sera.
Sto' seriamente pensando di farmi sbarcare in malattia....ma mi dispiacerebbe perche' mia moglie arrivera' il 24 Novembre a Sydney ed e' tutto l'anno che sogna di venire in Australia quindi non vorrei deluderla, tengo ancora duro?? quanto tempo ancora ci viorra'?
La ringrazio in anticipo
Cordiali Saluti
[#9] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
È difficile dire quanto tempo ci vorrà. Il medico di bordo, in caso di necessità, è in grado di incidere l'emorroide per far uscire il trombo ?