Utente 277XXX
Gentili dottori, vorrei sottoporvi un problema che mi perseguita da più di due anni (precisamente da Marzo 2010).
Ogni uno-due mesi sento un dolore nella regione iliaca destra, incomincia tutto con un dolore non localizzato ma diffuso in tutto l'addome con sensi di nausea e stimolo ad andar di corpo senza riuscirci, alla fine, ad andare. Poi il dolore si fa molto più intenso nella fossa iliaca DX, diventando acuto. Sono andato 4-5 volte al pronto soccorso per paura di un'appendicite ma son sempre stato mandato a casa con diagnosi "colica addominale indifferenziata". Ho fatto anche visite specialistiche senza aver risultati concreti. In P.S. ho sempre fatto analisi (riscontrata piastrinopenia e anemia macrocitica che il mio dottore di base ha scongiurato con il fatto che fumo) ed ecografie addome superiore ed inferiore con risultati nella norma. Il mio problema è che questo dolore va avanti da anni e mai nessuno mi ha saputo diagnosticare qualcosa di concreto; L'ultima volta in P.S dopo un giorno di dolore intenso è stato il giorno 11.11.2012 poi alleviato e oggi, 3 giorni dopo, si è di nuovo acutizzato nonostante io abbia seguito una dieta (consigliatomi dal medico) a basa di liquidi e cibi ipocalorici e di facile digeribilità. Vi chiedo pertanto, cortesemente, di aiutarmi o di consigliarmi su ulteriori eventuali indagine che possa fare perché è un problema che mi condiziona la vita. Ho dimenticato di aggiungere che quando il dolore si acuisce, sento disturbi nello stomaco. Ringrazio anticipatamente. cordialità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Escluderei l' appendicite.
Quali visita specialistiche ha eseguito?
Probabilmente una colonscopia è indicata.
Prego.
[#2] dopo  
Utente 277XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Dottore la ringrazio innanzi tutto per l'estrema rapidità alla mia risposta e la ringrazio di cuore poiché è un problema mi preoccupa molto. Le visite che seguii all'epoca, nel 2010, furono da un chirurgo da cui fui indirizzato in seguito alla visita al Pronto Soccorso e non ebbi alcun risultato preciso e anche lui diagnosticò una colica addominale e una dieta. questa notte non son mai riuscito a dormire, non tanto per il dolore acuto ma più per i continui rumori e disturbi intestinali. Oggi volevo appunto rivolgermi al mio medico di base e chiederò consulto pure a lui per una colonscopia. In tanto posso chiederle se potrebbe giovare alla mia condizione una sorta di dieta? se si, quale consiglierebbe? perché è la prima volta che il dolore va avanti per più giorni, di solito si alleviava dopo una giornata o nell'arco di qualche ore ed è anche per questo motivo che l'ansia mi coglie sempre più. Se le fa piacere dopo il consulto col mio medico posso riferirle ciò che mi ha indicato. Ah ultima questione, la colonscopia è solo invasiva nel mio caso? cordialità
[#3] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Senza diagnosi nessuna dieta ha senso.
Si, la colonscopia è invasiva ma importante e indolore.
[#4] dopo  
Utente 277XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio ancora infinitamente, è sempre bello vedere tanta disponibilità. Appena verrò a conoscenza di maggiori dettagli dal mio medico, gentile Dottore, le farò sapere. Ossequi
[#5] dopo  
Utente 277XXX

Iscritto dal 2012
Scusi se la disturbo ancora Dottore, ma volevo informala che andrò dal medico di base domani mattina e in secondo luogo volevo chiederle se helicobacter pylori può essere una possibile causa dei miei sintomi o se dalle analisi fatte si può riscontrare che non ne sia affetto. Per l'helicobacter pylori ci vogliono analisi del sangue specifiche o si riscontra anche in quelle normali?
[#6] dopo  
Utente 277XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Dottore dopo consulto con il mio medico base odierno mi ha fissato l'esame di sangue occulto nelle feci e esami del sangue. L'acidità nello stomaco è persistente durante tutto l'arco della giornata acutizzandosi alla sera prima di andare a dormire che non mi permette, appunto, un riposo. Posso chiederle se è sconsigliato prendere degli antiacidi prima di andare a letto così da far cessare un minimo il disturbo oppure meglio evitare? E' da due giorni che non riesco a dormire per questa acidità e in ogni posizione io mi metta, continua incurante. Andare al pronto soccorso per velocizzare i tempi degli esami, si può fare? Glielo chiedo perché sono disperato e quando arriva la sera, sapendo di non riuscire a dormire mi sale un'ansia che non può immaginare e nella disperazione le chiedo informazioni. Grazie per la risposta. Cordiali Saluti