Utente 276XXX
Ho fatto esame PSA totale 2.07 - Psa libero 0.24 e Rapporto libero/totale è venuto fuori norma 11.74 quando dovrebbe essere maggiore di 15. Essendo il Totale sotto a 4 posso non preoccuparmi e non fare cura antibiotica o meglio approfondire visto risultato Psa libero e rapporto? Avevo fatto visita urologica che non aveva evidenziato nulla ma mi aveva dato cura serenoa per 2 mesi e supposte Topster per 15 gg e antibiotico Ciproxin per 7 gg. Dopo cura con serenoa che sto ancora prendendo e supposte topster prese per 7 giorni e poi interrotto per dolori pancia, ora sto meglio ma a volte stando seduto mi da ancora poco fastidio zona tra ano e testicoli (molto più raramente) e anche testicolo sinistro. Vorrei evitare di prendere antibiotico se non necessario visto il farmaco lo avevo preso anni fa per cistite e mi aveva dato grossi problemi ai tendini d'achille. Che ne pensa? Posso evitare cura antibiotica o devo approfondire? Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,questa classe di farmaci può dar luogo a riflessi sulla elasticità dei tendini,per cui vanno evitati stress fisici (tennis,corsa etc.).Il quadro prostatico mi sembra essersi cronicizzato e può giustificare l'alterazione dei valori del PSA,nonchè la sintomatologia perineale,perianale e scrotale.Continui a seguire i consigli dello specialista reale che mi sembra correttamente orientato.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio della risposta in tempi rapidissimi. Ne approfitto per chiederle se si può non tener conto del rapporto anomalo Psa libero/totale essendo il totale inferiore a 4 oppure è meglio approfondire con ecografia secondo lei? Ho 42 anni. Inoltre le confermo che fino ad oggi ho preso la Serenoa + le supposte Topster ma non ho preso l'antibiotico (me le aveva date l'urologo ma il medico di base dice provare per ora a evitare (anche per i problemi che mi aveva dato). Ho il dubbio se è meglio prendere antibiotico magari di altro tipo...e se si quale? Bassado? oppure continuare solo con Serenoa a cui ho associato compresse di Uva ursina e pompelmo e rifare il Psa fra 1 mese circa per rivedere esito. I miei disturbi erano 2 mesi fa bruciore al glande ma non mentre urino, dolore zona tra ano e testicoli quando sono seduto, dolore testicoli in particolare sinistro e poco poco bruciore zona anale. Ora è rimasto solo dolorino/fastidio zona tra ano e testicoli stando seduto ma non tutti i giorni e poco testicolo sinistro. Stop bruciori. Cosa ne pensa? Cosa consiglia di fare? Un suo parere mi potrebbe aiutare visto che non la pensano uguale mio urologo e medico base e non vorrei avere problemi per uso antibiotico se non servisse. La ringrazio in anticipo ancora della risposta.Cordialità
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...il PSA,nelle varie forme,libero,totale e rapporto libero totale,è un parametro prostatico che può innalzarsi anche per un fenomeno flogistico (prostatite),per un ipertofia prostatica,per un tumore e...a seguito di una eiaculazione.La scelta di eventuali antibiotici,in assenza di flora batterica,va lasciata allo specialista.Come pure il tipo di antibiotico da utilizzare.Francamente,essendo il quadro clinico in va di risoluzione,ed il presenza di un atteggiamento non pienamente collaborativo de Paziente,opterei per un un periodo di attenzione,pronto a stabilire una strategia terapeutica più "aggressiva" qualora il quadro clinico ne mostri la necessità assoluta.Cordialità.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

il valore del PSA sembra normale ma il rapporto Libero/Totale sembvra alterato come può succedere in caso di presenza di cellule atipiche neoplastiche.
Ripeta l'esame ed approfondisca il problema
Non si trascuri
cari saluti
[#5] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Sono tornato dall'Urologo ed esito visita è stata: ER prostata per 1.5, bilobata, superficie liscia e fibroparenchimatosa, dolenzia alla palpazione. Didimi ed epididimi bilater normali. Alla digitopressione epididimo sx lieve dolore. Mi ha detto secondo lui ho la prostatite e giustifica i valori del PSA pur avendo 42 anni. Mi ha dato cura per 14 giorni di antibiotico Bassado 100mg 2 cp al di (visto il Ciproxin mi aveva dato problemi tendini anni fa). Poi dovrò rifare test PSA. Mi sapete dire dopo quanti giorni che finisco cura Bassado posso fare nuovo esame per non falsare esito? Basta una settimana o di più? E cosa ne pensate dell'esito visita (la prostata è ingrossata se è 1.5)? e cura data? Grazie dell'attenzione. Saluti
[#6] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...ripeta il PSA dopo 10 gg. dal termine della terapia.Per la prostata,si preoccup di sottoporsi a controlli annuali.Cordialità.
[#7] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Vi aggiorno sugli sviluppi e faccio altre domande visto siete così gentili a rispondere. Ho fatto tutta la cura di antibiotico Bassado (2 da 100 mg al dì per 14 giorni). Quando ho iniziato la cura stavo già meglio per i sintomi iniziali di dolore tra ano e testicoli stando seduto e dolore testicoli. Anche buciore glande scomparso (riemerso verso fine cura penso per uso antibiotico. Però si è aggiunto un sintomo strano dal giorno prima di iniziare cura. Mi sono svegliato 3 notti con dolore e bruciore all'inguine sinistro e toccandomi il punto del dolore, la parte era completamente insensibile (non sentivo la mano che passavo sopra) per circa 2/3 minuti, poi tornava la sensibilità. Durante il giorno il bruciore è leggero e toccando la parte mi sembra di sentire un leggero cordone (linfonodi?). Vi chiedo un Vostro parere su questo sintomo e se è collegabile a quanto avevo prima di sintomi. Finita la cura tutti gli altri sintomi sono scomparsi ma è rimasto questo dell'inguine sx e poco anche dx (bruciore/calore) non tutti i giorni e mi sono spaventato le 3 notti senza sesibilità temporanea. Inoltre Vi chiedo, visto a gennaio rifarò il test PSA che era stato a novembre: PSA totale 2.07 - Psa libero 0.24 e Rapporto libero/totale fuori norma a 11.74, se fosse un tumore prendendo antibiotico scende ugualmente valore PSA oppure proprio se non fosse sceso è indice di probabile tumore? Oppure se sceso non si può comunque escludere tumore? Spero in un chiarimento e parere per sintomo inguinale. Cordiali saluti e buone feste
[#8] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...ribadendo che il PSA,nelle sue varie determinazioni e rapporti,non è un parametro del tumore prostatico,bensì della prostata nelle sue varie manifestazioni,credo che sia conveniente rifarsi al sono giudizio dello specialista reale di riferimento che ha il privilegio di poterLa visitare.Cordialità.
[#9] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Certo, dopo aver rifatto PSA a metà gennaio, tornerò dall'urologo. Chiedevo solo un parere preliminare....se usando l'antibiotico il PSA scende anche in presenza di tumore oppure in questo caso no? E se i sintomi dell'inguine sono collegabili ad una prostatite oppure devo preoccuparmi al punto da anticipare tutto e pensare a viste di urgenza. Sò che a distanza è difficile ma un suo parere può essere utile in casi di incertezza su come procedere anche nell'immediato. Cordialità
[#10] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Inoltre...dubbio, ma la cura con antobiotico l'ho fatta solo io, ma non andava data anche alla mia compagna? Potrebbe ripassarmi lei batteri che eventualemente le ho passato io dalla prostata?. Ora ho paura a riprendere attività sessuale regolare. Cordialità
[#11] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Ne approfitto della Vostra gentilizza per aggiornarVi sul fatto che prima di rifare il test PSA ho fatto una spermiocoltura. Ritirata oggi, esito dice "presenti bacilli gram -" Escherichia coli carica 10^5 ufc/ml. E' presente elenco antibiogramma. Stato da medico base e dice devo fare cura antibiotica diversa (avevo fatto Bassado) e però visto che circa 6 anni fa avevo avuto problemi ai tendini d'achille usando il Ciproxin, la scelta rimane tra un componente simile ma non uguale (Levoxacin per 10 gg in cpr) oppure se avessi paura di avere ancora problemi tendini che si potrebbero pure rompere, fare punture di Glazidim (8 punture). Dice devo decidere io...non sò che fare. Posso provare con Levoxacin e appena avverto piccolo dolorino mi fermo? Anche questo può dare problemi ai tendini o meno probabile rispetto al Ciproxin? O meglio fare subito solo punture (avranno anche loro rischi immagino)? Ho paura di farmi danni anche perchè ora, magari temporaneamente, da dopo cura Bassado va meglio, non del tutto, ma non mi alzo la notte per urinare e dolori rari. Rimasto poco bruciore zona inguinale. Inoltre, la mia dott.sa dice che pur avendo la mia compagna dei pruriti zona intima, non può essere stesso batterio perchè darebbe altri sintomi e a lei dato ovuli vaginali antifungini. Solo su mia insistenza fatta impegnativa per lei di fare tampone vaginale e pap test. Da questi esami si vede se ha stesso batterio? Ultima cosa, è pericoloso questo batterio se sta nella prostata o se fuoriesce? E da dove sarà arrivato, da mio intestino visto che ero stitico fino a questa estate? Cosa potete consigliarmi? Grazie ancora
[#12] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno, sono stato bene per circa 4 mesi prendendo Licoser (serenoa + licopene) e D-mannosio. Inoltre ogni 2 mesi faccio una cura di 1 settimana di bustine Oki (le supposte non le tollero, mi creano molta aria intestinale).
Dopo una pausa, ho ripreso a fare degli esami avendomi il mio medico di base prescritto una ecografia prostatica sovrapubica (meno invasiva ma che da alcune informazioni).
Negli ultimi due anni di fastidi che vanno e vengono (ricordo…fastidio a stare seduto nella zona tra ano e testicoli, bruciore inguinale, di notte mi devo alzare 2 volte per urinare, Psa Tot che oscilla tra 1,77 e 2,35 , mentre il Psa free 0,25 ho già effettuato due visite diverse urologiche che non hanno evidenziato nulla di rilievo e non hanno ritenuto di farmi fare eco transrettale..
Esito dell’ecografia: vescica marcatamente distesa e a pareti regolari. Valido lo svuotamento vescicole con residuo post-minzionale trascurabile.
Non masse patologiche in pelvi. Non falde di versamento.
Prostata di dimensioni nei limiti della norma, per quanto valutabile per via sovrapubica, finemente disomogenea, senza riconoscibilità di masse anomale nel suo contesto; sono invece riconoscibili alcune calcificazioni intraparenchimali, più evidenti in sede periuretrale. Non edema tissutale apprezzabile con la metodica.
Mi potrebbe dare un parere sull’esito? Queste calcificazioni cosa vogliono dire? Sono gravi? Cosa posso fare? Proseguo con la cura che sto facendo o devo cambiare qualcosa? Conviene fare eco transrettale anche se non prescritta? Le calcificazioni potrebbero essere lesioni tumorali? Lo possono diventare? Cosa indicano? Ho interrotto 10 giorni uso Serenoa ed ho ripreso ad alzarmi di notte per urinare, quando la riprendo no, posso andare avanti prendendola sempre o mi può dare problemi?
Grazie in anticipo della risposta.