Utente 664XXX
buongiorno a tutti e ringrazio anticipatamente x un vs eventuale riscontro al mio quesito che e' il seguente:
sono dipendente di un' azienda che svolge servizio di pulizia delle toilette aperte al pubblico presso l'aeroporto di napoli. considerato che codeste sono frequentemente utilizzate dai passeggeri in modo continuo e noi addetti alla pulizia degli stessi in modo ininterrotto,oltre a dovere presidiarle durante tutto l'orario di lavoro,chiedo con quali misure sanitarie di prevenzione dobbiamo essere trattati tipo vaccini(epatite,antitetano ecc...) ,visto che siamo comunque a contatto con materiale biologico potenzialmente contagioso(feci,sangue urine,saliva ecc..),oltre che a strumenti individuali di protezione(guanti ,mascherine ,occhiali di protezione )?
premetto che dalla data di assunzione non siamo stati nemmeno sottoposti a visita medica da parte del medico competente aziendale.nel frattempo possiamo rifiutarci di svolgere tale mansione in attesa di tutto cio' visto che azienda e tantomeno il sindacato ci sta' fornendo notizie utili e noi al tempo stesso evitare di beccarc tipo un' epatite? ringrazio ancora x un cortese e celere riscontro .buona giornata a tutti!!
[#1] dopo  
Dr.ssa Susanna Borriero
24% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
non le nascondo la meraviglia per quanto riferisce. Mi sembra impossibile che una società che lavora in aeroporto non rispetti le normative sulla sicurezza e tutela della salute dei lavoratori. Mi sembra di capire che è presente il medico competente, nel caso le consiglio di richiedere una visita di idoneità inviando la lettera al datore di lavoro e al medico competente.
Nel frattempo è bene sollecitare la consegna almeno dei dispositivi di protezione individuale.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 664XXX

Iscritto dal 2008
gentile dottoressa borriero la ringrazio x la sua cortese risposta al quesito.non avevo dubbi che l'azienda fosse inadempiente su questa cosa.nel caso non risponda a nostra lettera, sia l''azienda e/o il medico competente, possiamo rifiutarci di effettuare la mansione in attesa di riscontro da parte loro, visto che comunque ci sono altri settori dove potere essere collocati momentaneamente? inoltre notavamo che sono sprovvisti di tutto, anche dei dispositivi di protezione individuale.in tal caso a quali organi bisogna denunciare simili inadempienze?la ringrazio nuovamente x una sua risposta al mio quesito.
buona giornata e buon lavoro.
[#3] dopo  
Dr.ssa Susanna Borriero
24% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
nel caso, credo remoto, in cui non abbiate riscontro potete innanzitutto avvalervi del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), in mancanza rivolgervi al Sindacato oppure all'Unita' Operativa di Medicina del Lavoro della Asl territoriale. Mi sento in dovere di ribadire che il primo passo giusto e' quello di inviare una lettera, meglio se tramite i vostri rappresentanti in modo da non esporvi singolarmente, nella quale descrivete la vostra situazione e richiedete un intervento urgente da parte del Responsabile della Sicurezza e del Medico Competente in mancanza del quale sarete costretti a rivolgervi alle Autorita'. Questo e' quanto per il momento.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 664XXX

Iscritto dal 2008
RINGRAZIO X L'ULTERIORE PARERE,PROCEDEREMO COME DA LEI CONSIGLIATO CERCANDO TI TENERLA INFORMATA NELLO SVILUPPO DELLA STESSA.GRAZIE PER IL SUO PREZIOSISSIMO CONSIGLIO.