Utente 642XXX
Gentili dottori,
vi scrivo per chiedervi un parere in merito ad una strana secchezza del pene riscontrata nel mio ragazzo. Anche scoprendo il pene si nota un arrossamento.
Il punto è che qualche giorno fa anche io avvertivo dei fastidi come prurito nelle zone intime e bruciori post-rapporto e mi è stata diagnosticata dal mio ginecoloco una candida. il medico mi ha prescritto dello sporanox per 3 giorni, due compresse al giorno e mi ha consigliato di far fare la stessa cura anche al mio lui. Credete che la secchezza e questi bruciori possano dipendere anche nel suo caso da una candida presa per contagio? O è comunque il caso che lui faccia degli accertamenti? E se si di che tipo?

Grazie anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
cara lettrice,

direi di seguire i consigli del suo medico e di fare la terapia ASSIEME
se i fastidi persistessero, utile una visita per il suo ragqazzo
cari saluti
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice ,
se posso essere più "radicale", le consiglierei comunque di "far fare" una attenta valutazione andrologica anche al suo lui.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
[#3] dopo  
Utente 642XXX

Iscritto dal 2008
Grazie mille per la risposta.
Aspetterò la fine della terapia farmacologica e se non dovessimo notare miglioramenti allora faremo degli accertamenti.
Ma la secchezza può quindi dipendere dalla canida? Avete mai sentito qualcosa di simile? Si tratta comunque di un fungo.
Io non ne ho idea.

Grazie comunque per l'attenzione
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice,
la Candida è un micete, cioè un fungo, che normalmente accompagna la vita di un individuo sano, cioè è un saprofita, ma quando per vari motivi l'attività del sistema immunitario diminuisce questo micete aumenta molto la sua "attività" causando notevoli problemi per la salute del soggetto in questione. Il disturbo da lei lamentato però non è specifico per questo tipo di infiammazione.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it



[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Il migliore consiglio, in luogo di improduttive supposizioni telematiche è quello di produrre con serenità, senza procrastinare oltremodo e senza aplpicare nulla che posas controvertire il quadro a chi dovrà leggerlo, la visita VENEREOLOGICA (con l'esperto di cute e mucose genitali), da produrre sia per lei che per il suo partner.

cari saluti e ci tenga pure aggiornati.
[#6] dopo  
Utente 642XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio,
prossimamente faremo entrambi altri accertamenti. Può essere utile fare una prima visita da un medico generico e poi farci indirizzare da quest'ultimo? Nel frattempo io devo comunque portare a termine la cura che il ginecologo mi ha prescritto per la candidiosi che mi ha riscontrata?

al Dott. Beretta: il ginecologo ha accertato, dopo un'ecografia e un controllo interno che si tratta, nel mio caso, proprio di una candida recidiva o curata male. Può essersi comunque sbagliato?

cordiali saluti
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara Signora,
segua i consigli dati ed eventualmente consulti anche il suo medico di medicina generale. All'ultima domanda infine non possiamo, in questa sede, giudicare una diagnosi clinica di un collega che ha potuto valutare la sua situazione clinica in diretta.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.andrologiamedica.org